Cerca Hotel al miglior prezzo

Modigliani in mostra a Roma a Palazzo Cipolla

Pagina 1/2

Un evento imperdibile per gli amanti dell'arte apre oggi i battenti a Roma, a Palazzo Cipolla in via del Corso 320, la mostra “Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti. La collezione Netter”, visitabile tutti i giorni, Natale compreso, fino a 6 aprile 2014. Si tratta della stessa esposizione che ha raccolto grande successo di pubblico a inizio anno a Milano, presso il Palazzo Reale, ed ancora prima a Parigi, presso la Pinacothèque de Paris.

Come nelle precedenti edizioni l'evento è curato da Marc Restellini, grazie alla collaborazione di Arthemisia Group e il Sole 24 ORE, il famoso direttore della Pinacoteca di Parigi, che ha selezionato una serie di quadri, moti dei quali mai esposti prima di questa mostra itinerante, che verte sulle opere del grande Modigliani ed altri pittori di inizio XX secolo, tra cui spiccano le opere del russo Chaim Soutine, grande amico di Amedeo Modigliani.

Le opere fanno parte della collezione che fu creata da Jonas Netter (1867-1946), che trasferitosi dall'Alsazia nella capitale della Francia, cominciò ad appassionarsi d'arte: il suo primo acquisto fu un'opera di Maurice Utrillo, ma poi riusci ad entrare in contatto con il movimento di artisti che convergevano su Montparnasse nei primi del '900, tra cui Kisling, Valadon e soprattutto Modigliani. Erano i cosiddetti “anni folli”, quelli che vedano Parigi al centro della cultura e della avanguardia europea, e grazie al suo fiuto, e l'aiuto di Léopold Zborowski, Netter riuscì a circondasi di un notevole numero di opere, di artisti allora sconosciuti ma che in breve tempo divennero famosi.

Netter credette soprattutto in Modigliani, da cui acquistà moltissimi lavori che oggi possiamo ammirare in questa mostra. Amò i ritratti di donna dell'artista italiano, i loro colli, lunghi e affusolati, che possiamo contemplare attentamente nelle opere esposte, come la “Fanciulla in abito giallo” , il “Ritratto di Jeanne Hébuterne“, ambedue del 1917 e il dipinto di “Elvire con colletto bianco” dell'anno successivo. Avremo l'occasione di vedere lo stesso mercante d'Arte che ispirò Netter ad iniziare la sua collezione (Ritratto di Zborowski, del 1916), e lo stesso Chaim Soutine, che Modigliani ritrasse più volte tra cui questo quadro esposto, del 1916.

Le opere esposte di Soutine sono invece una ventina, sia di ritratti ad olio che di paesaggi che il pittore dipinse durante i suoi viaggi nel sud della Francia. Da segnalare la “Scalinata rossa a Cagnes”, e dipinti come “Uomo con Cappello” e “La Pazza” e in cui si possono scoprire le affinità esistenziali di Soutine come altri autori dell'epoca come Edvard Munch.

Da non perdere le opere del cosiddetto periodo bianco di Maurice Utrillo, con le raffigurazione di "Rue Muller a Montmartre" e la “Piazza della chiesa a Montmagny”. Da segnalare che Netter acquistò quadri anche dalla madre di Utrillo, Suzanne Valadon che qui vediamo esposta con i “Tre nudi in campagna”, del 1909, una raffiguarazione della “Chiesa di Neyron” e il quadro di “Ketty nuda mentre si stiracchia”.

Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti
... Pagina 2/2 ... Da 14-11-2013 a 6-04-2014
Palazzo Cipolla
Via del Corso 320 Roma
Orari: Lunedì 14:00 20:00 dal marted' alla domenica dalle 10:00 alle 20:00 (ingressi fino ad 1 ora prima)
Aperto tutti i giorni compreso Natale, capodanno (10-16) e primo dell'anno (12-20)
Prezzi
Intero 13 euro
Ridotto 11 euro
Bambini 5 euro
L'audioguida è inclusa nel costo di ingresso
Sito web:www.mostramodigliani.it/

 Pubblicato da il 14/11/2013 - 5.942 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close