Cerca Hotel al miglior prezzo

Sette luoghi patrimonio dell'Europa, da vedere prima che scompaiano

Pagina 1/2

  • Anfiteatro Durazzo
  • Zona cuscinetto nicosia
  • Fortificazioni Vauban a Briancon
  • San Benedetto Po
  • Monastero di Gesł a Setubal
  • San Giorgio Mardin Turchia
  • Paesaggio Minerario Rosia Montana Romania
Il vecchio continente, la cara nostra Europa, non sta passando un periodo roseo, dal punto di vista economico. E' quindi normale che i soldi per mantenere il suo immenso patrimonio storico e culturale, scarseggino, con tanti gioielli turistici che, abbandonati a loro stessi, rischiano addirittura di scomparire! Di recente l'associazione Europa Nostra ha individuato i 7 patrimoni più a rischio, selezionandoli tra le candidature che sono state ricevute, e che senza adeguati e urgenti interventi, rischiano veramente di scomparire.

I problemi sono in genere delle carenze croniche di competenze o di fondi, ma anche la semplice negligenza delle istituzioni preposte, la mancanza di pianificazione unita ai conflitti politici o ai disastri naturali stanno minando in modo preoccupato la sopravvivenza di questi siti. Purtroppo si tratta solamente della punta dell'Iceberg, dato che sono già state attivate le candidature per la prossima edizione, con le domande per il 2014 che potranno essere presentate fino al prossimo 1 Novembre, 2013. Europa Nostra si prodigherà comunque nella ricerca di fondi necessari al restauro dei siti selezionati

Cosa possiamo fare noi? Innanzitutto conoscere questi luoghi, scoprire la loro storia ed andarli a visitare è il modo migliore per salvarli, dare loro importanza, parlarne con gli amici sono tutte azioni che possono creare un movimento d'opinione e fare, in definitiva, arrivare dei fondi che venivano sprecati in altro modo. Ricordiamo infatti che Europa Nostra ha identificato questi sette punti di riferimento non solo sulla base della loro storia affascinante, che raccontano il nostro passato europeo , ma anche per il valore attribuito ai siti da parte delle comunità locali, che stanno lavorando duramente per poterli salvarli.

Ecco allora i sette luoghi più a rischio degrado da visitare in Europa, prima che essi spariscano!

Anfiteatro Romano di Durazzo in Albania
Il mondo moderno è venuto a sapere l'anfiteatro romano, costruito nel secondo secolo dopo Cristo, solamente nel 1960. Denominato Epidamnos o Dyrrachium nell'antichità, lo stadio aveva una capacità di accogliere dai 15.000 ai 20.000 spettatori. Situato nella seconda città più grande in Albania , la struttura si sta deteriorando, a causa di una caotica pianificazione urbana, a cui s'aggiungono cause naturali, l'abbandono e la scarsità di risorse finanziarie per la realizzazione dei lavori di restauro necessari.

La zona Cuscinetto di Nicosia a Cipro
Questa fascia di divisione tra parte turca e greca venne creata nel 1974, ed attraversa il centro storico di Nicosia, ostacolando la vita commerciale e sociale della città da quasi 40 anni. I decenni di abbandono hanno avuto un effetto devastante sulla parte medievale così come per i monumenti neoclassici, sia abbattendo il valore architettonico della striscia, che contribuendo al deterioramento delle condizioni di vita e della qualità dell'ambiente a Nicosia. Questo tratto lungo 1,5 km, ora praticamente una città morta, era stato un punto di riferimento per il commercio e l'artigianato, nel passato, ma oramai questa funzione rimane solo un lontano ricordo...

Fortificazioni di Vauban , Briançon in Francia
... Pagina 2/2 ... Briançon è una città fortificata spettacolare della Francia . Sébastien de Vauban , ingegnere militare durante il regno di Luigi XIV , aveva personalmente progettato queste fortificazioni di montagna, con mura urbane che si sviluppano su circa tre chilometri complessivi. Ora questo capolavoro di ingegneria militare è in pericolo, a causa delle forti e frequenti gelate, il degrado delle fondamenta rocciose e la mancanza di una regolare manutenzione.

Monastero Rinascimentale di San Benedetto Po in Italia
La reputazione artistica , religiosa e storica del borgo di San Benedetto Po può essere attribuito al complesso abbaziale, che porta lo stesso nome della città. L'origine dell'Abbazia si può far risalire al 11 ° secolo, ma gli edifici principali erano stati progettati nel 16 ° secolo da Giulio Romano, il famoso architetto italiano. Per chi non lo ricordasse è l'autore di Palazzo Te a Mantova ed è l'unico artista dal Rinascimento ad avere il suo nome citato nelle opere di Shakespeare! Purtroppo in questo caso non è l'incuria la causa del problema: negli ultimi dieci anni il monumento, grazie ad un importante restauro, era stato riportato al suo antico splendore, ma i due terremoti che hanno scosso la città e l'Emilia centrale nel maggio 2012 hanno, purtroppo, completamente devastato il monastero.

Mosteiro de Jesus a Setúbal in Portogallo
Il Monastero di Gesù, completato nel 1494 è tra i primi esempi del cosiddetto manuelino, lo stile tardo gotico portoghese . Esso incorpora non solo elementi marittimi , ma raffigura anche i viaggi pionieristici dei primi esploratori portoghesi. Riconosciuta come una reliquia della storia comune d'Europa ,la Commissione europea aveva conferito al monumento il marchio del patrimonio europeo nel 2011. Purtroppo il monastero si trova in una condizione fatiscente e sono oltre 20 anni che il monumento è chiuso al pubblico.

Storico paesaggio minerario a Rosia Montana in Romania
Le attività minerarie svolte a Rosia Montana, per oltre tre millenni, hanno molto trasformato il paesaggio circostante. Questo patrimonio sotterraneo comprende una vasta rete di gallerie, attrezzature e manufatti . I resti degli insediamenti in superficie comprendono edifici e strade , siti funerari romani, zone medievali e aree più moderne. Ma purtroppo questo incredibile paesaggio minerario è oggi in grave pericolo, a causa del previsto progetto di estrazione dell'oro.

Chiesa di San Giorgio a Mardin in Turchia
Anche se si discute ancora se la Turchia sia o meno da considerare come europea, Europa Nostra ha incluso nella lista anche la Chiesa di San Giorgio, che ha svolto la funzione di casa spirituale della comunità armena per almeno15 secoli: l'edificio storico, che era stato fondato nel 420 dC, era stato utilizzato con continuità fino 915. Tuttavia, con la Grande Guerra era caduto in disuso, dopo che la popolazione armena aveva abbandonato la città . Attualmente, purtroppo, il monumento è in uno stato di grave degrado .

 Pubblicato da il 01/09/2013 - 4.211 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close