Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Medersa Ben Youssef

La Medersa di Ali Ben Youssef: a Marrakech la grande scuola coranica

Accanto alla Moschea di Ali ben Youssef, la più grande tra le moschee della medina di Marrakech, sorge l’omonima Medersa Ben Youssef, che nei secoli ha conservato la propria atmosfera tranquilla e meditativa, oltre ad alcuni stupefacenti esempi di decorazione a stucco. Per coloro che non lo sapessero, una medersa è una sorta di collegio teologico, una ex scuola coranica dove si insegnano la legge coranica e le sacre scritture a studenti appartenenti a vari ceti sociali. In particolare, quella di Ben Youssef è stata la più grande medersa del Maghreb, oltre che uno degli edifici più antichi e meglio conservati della città, essendo stato fondato nel XIV secolo, ampliato dai saaditi nel 1565 ed in gran parte ristrutturato negli anni ’60 del secolo scorso, senza contare gli ultimi interventi compiuti nel 1990 per ordine del Ministero della Cultura. Dal punto di vista architettonico, tutte le mederse marocchine seguono più o meno rigidamente lo stesso modello, mentre quella di Ali ben Youssef non solo è più grande delle altre, ma ha anche una struttura decisamente differente.

Per quanto medievale possa apparire, l’istituto è stato in funzione fino al 1962, mentre nel 1998 fu utilizzato come ambientazione del rifugio di un Sufi algerino nel film di Gillie MacKinnon “Ideus Kinky – Un treno per Marrakech”. Per accedervi, partite dalla Koubba Ba’adiyn, infossata all’interno di un recinto alcuni metri sotto il livello della strada, e dirigetevi verso est, seguite le mura della moschea e girate a destra per entrare. Varcato l’ingresso ci si troverà all’inizio in un lungo corridoio che conduce fino ad un magnifico cortile, luogo di meditazione e profonda serenità, al centro del quale si trova un bacino pieno d’acqua un tempo usato per le abluzioni. Le murature che circondano la corte presentano due tipologie decorative nettamente distinte: nella parte bassa sono adornate da magnifici zelljig (piastrelle di ceramica) provenienti da Fez, mentre in alto troneggiano spettacolari stucchi in gesso. Davanti all’ingresso del patio è situata la sala delle preghiere, suddivisa in tre parti da una doppia fila di colonne di marmo i cui capitelli celebrano “l’origine e la gloria del fondatore”; l’elemento distintivo della sala è il mihrab, decorato con versi sacri del Corano e minuziosi stucchi, ma ad attirare la vostra attenzione saranno anche la cupola a stalattiti e le piccole finestre in gesso. Tornando nel cortile, prima di uscirvi definitivamente, indirizzate lo sguardo verso le due gallerie sormontate da esili colonne in cedro che servivano per riparare dal sole gli spazi adiacenti.

In parte al piano terra, ma soprattutto al primo piano, sono posizionate le quasi 150 camere degli studenti che, nei momenti di maggiore attività della scuola, erano in grado di ospitare fino a un massimo di 900 alunni. Le celle, accomunate dall’assenza di finestre sull’esterno, sono suddivise in gruppetti, ognuno dei quali fa riferimento ad un piccolo patio da dove prendevano luce gli alloggi. Descrivere l’interno come uno spazio minimale appare un paradosso, dato che la superficie è appena sufficiente a stendere un tappeto per poterci dormire sopra; qui, tuttavia, gli studenti trascorrevano la maggior parte della giornata sepolti da letture e testi sacri. Al primo piano sono visitabili un paio di celle completamente arredate con pezzi originali ben conservati che rendono l’idea di quella che doveva essere la vita all’interno della medersa; calamai, poggia libri e piccoli tappeti in montone non lasciano spazio a molte interpretazioni.

La medersa Ben Youssef è aperta tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00, tranne una breve chiusura in pausa pranzo. Il biglietto di ingresso può essere acquistato in abbinamento al Musee de Marrakech ed alla Koubba Ba’adiyn, entrambi parte del complesso Ben Youssef, con una riduzione del prezzo rispetto all’acquisto del biglietto singolo che viene 20 dh.
Per maggiori informazioni: 044 39 09 11/2

 Pubblicato da il 14/08/2011 - 8.778 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittà World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close