Cerca Hotel al miglior prezzo

Phuket Island, guida alle spiagge pił belle della Thailandia

Phuket deve la sua fama alle bellissime coste. la sua penisola s'affaccia ad occidente al Mar delle Andamane, mentre ad est si apre la grande e spettacolare baia di Phang-nga, famosa per i suoi isolotti fatti da rocce calcaree, ricoperte dalla vegetazione tropicale.

Per questo motivo a Phuket ci sono spiagge di tutti i tipi: da quelle a mezzaluna con sabbie bianche, ai promontori rocciosi, alle lunghe distese di morbidi e dorati arenili. Procedendo in senso antiorario, dalla punta settentrionale di Phuket, dove il Ponte Sarasin collega l'isola con la terraferma, si trovano le più importanti spiagge e baie dell'isola:

Spiaggia di Mai Khao - Questa striscia di sabbia contornata da pini è la spiaggia più lunga di Phuket. Ogni anno, da novembre a febbraio, enormi tartarughe marine si trascinano a riva per depositare le uova su questa spiaggia.

Spiaggia di Nai Yang - Questa spiaggia fa parte del Parco Nazionale di Sirinat ed è circondata da pini casurina e da foreste di mangrovie. Le tranquille zone circostanti sono ideali per il relax, i pic-nic, i bagni e lo snorkelling.

Spiaggia di Pansea e Surin - Queste due pittoresche baie sono caratterizzate da paesaggi davvero incantevoli, ma le pericolose correnti sottomarine possono rendere la balneazione pericolosa.

Spiaggia di Kamala - È un'altra bella spiaggia sabbiosa. L'estremità settentrionale, che è parzialmente ombreggiata dai pini casurina, è adatta per la balneazione.

Spiaggia di Patong - È la spiaggia più grande di Phuket ed offre moltissime opportunità per il tempo libero, lo sport, lo shopping ed il divertimento, nella sua baia a forma di mezzaluna lunga tre chilometri. Oltre che per le numerose attività diurne, Patong è altrettanto famosa per la sua eccitante vita notturna, nella quale si distinguono i ristoranti di pesce. Altamente sconsigliata a chi non ama le spiagge affollate.

Spiagge di Karon e Kata - Entrambe le spiagge sono straordinariamente lunghe, tranquille e particolarmente adatte per la balneazione, lo snorkelling, il windsurf e per prendere il sole (vedi foto statua villaggio di Karon).

Spiaggia di Nai Han (o Nai Harn) - Questa bianca spiaggia si trova di fronte ad una bassa laguna in mezzo a promontori rocciosi. È il luogo ideale per fare il bagno, praticare il windsurf e la vela o semplicemente prendere il sole.

Spiaggia di Rawai - La spiaggia contornata da palme è nota per il villaggio degli "Zingari del Mare", una minoranza di pescatori originariamente nomadi che si pensa discendano dai Malesi.

Baia di Chalong - È un luogo rinomato per i suoi numerosi ristoranti di pesce che servono alcune delle pietanze più prelibate di Phuket.

Capo Phanwa - La punta più meridionale di questo capo è la sede del Centro di Ricerca Biologica Marina e dell'Acquario di Phuket, dove i visitatori potranno ammirare diverse centinaia di specie marine esotiche e straordinariamente variopinte.

Isola Si Re - Questa piccola isola, separata dalla terraferma solo dal Canale Tha Chin, si trova a 4 chilometri a Nordest della città. Qui sorge un villaggio marino di nomadi che è considerato il più grande di Phuket.

Parco Nazionale Sirinat - Il Parco, che si trova vicino all'Aeroporto Internazionale di Phuket lungo le Strade n. 402 e 4026, a circa 30 chilometri, occupa una superficie totale di 90 chilometri quadrati ed ha una serie di spiagge che si susseguono ininterrottamente per 13 chilometri: la Spiaggia Nai Thon, la Spiaggia Nai Yang, la Spiaggia Mai Khao e la Spiaggia Sai Kaeo.
  •  

 Pubblicato da - 07 Dicembre 2012 - © Riproduzione vietata

01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close