Cerca Hotel al miglior prezzo

Ranong (Thailandia). Viaggi nelle isole dell'Andaman Sea

Pagina 1/2

Lungo il confine sud-occidentale con il Myanmar si trova la provincia di Ranong che si trova a 568 chilometri da Bangkok. È noto per il lungo periodo di piogge, che dura per 8 mesi ogni anno. Ranong occupa una superficie di 3298 chilometri quadrati ed è delimitata dal Myanmar e l'Oceano Indiano a ovest. Nel suo spazio compatto, Ranong contiene varie attrazioni naturali ed è conosciuto per le sue sorgenti termali e per le incontaminate foreste di mangrovie.

Per arrivare a Ranong si può volare sugli aeroporti internazionali di Bangkok e Pukhet e da qui raggiungere in automobile a noleggio Ranong, o prendere un volo interno. In automobile da Bangkog si deve seguire dapprima la numero 35 e poi verso sud lungo l'autostrada n. 4 che si muovono parallele alla costa occidentale del golfo di Thailandia. In sucessione s'incontrano e si superano le località di Phetcha Buri, Cha-am, Hua Hin, Prachuap Khiri Khan, Chumphon e una volta raggiunto la località di Kra Buri la strada n. 4 inizia a costeggiare il mare delle Andamane e in una cinquantina di chilometri conduce a Ranong. Tempo tatale di percorrenza circa 8-9 ore.
Da Phuket si risale la n. 4 in direzione nord, si traghetta da Tha Chat Chai a Ban Tha Num, si costeggia la splendida costa intorno a Khao Lak e superate le località di Khuraburi e Kapoe si giunge dopo circa 5 ore di viaggio a Ranong.

Il periodo migliore per vistare Ranong è quello del monsone invernale, che va da dicembre a marzo. Il minimo pluviometrico si raggiunge a febbraio con temperature massime intorno ai 33 gradi centigradi. La provincia di Ranong si trova in una delle zone più piovose della Thailandia e da maggio ad ottobre i rovesci tropicali diventano alquanto intensi e spettacolari, con precipitazioni che superano tranquillamente i 400 mm mensili.
Le temperature delle acque raggiungono valori gradevolissimi, compresi tra i 28 °C dell'inverno e i 30 °C della privare ed estate.

... Pagina 2/2 ... Una provincia prevalentemente montagnosa e boscosa, Ranong è conosciuta come un porto commerciale e di pesca. Essa è stata costruita dagli Hokkian cinesi, e la loro forte influenza è evidente nella città. Ranong città è un punto di accesso per il Myanmar, con lunghe barche colorate che traghettano in continuazione e file di persone che attraversano continuamente le strette strade che separano i due paesi.

Cosa vedere e cosa fare a Ranong?
La città di Ranong non offre tantissimo, ma il territorio offre molti spunti interessanti. Il traffico cittadino è reso ancora più pesante dalla recente apertura di un casinò su lìdi un isoletta presso Victoria Point, un interessante località sull'esturaio, a circa 8 km dal centro. Le famose sorgenti calde sono appena al di fuori della città, dove vari alberghi di prima classe sono sorti per soddisfare i visitatori desiderosi di beneficiare delle proprietà medicinali delle acque minerali.
A sud di Ranong si trova il Parco Nazionale di Laem Son, che protegge una area vastissima di costa ed alcune isole dell'Andaman Sea. Qui si trovano spiagge lunghissime, selvagge e deserte, tra cui la celebre Bang Ben beach, che in alta stagione può riempirsi di turisti. Se cercate più solitudine allora meglio concentrarsi su Laem Son beach, spiaggia decisamente meno affollata.
Sulle montagne ad est di Ranong si trovano fitte foreste pluviali e alcune cascate interessanti come la Ngan waterfall e le cascate Punyaban.

close