Cerca Hotel al miglior prezzo

El Gouna (Egitto): vacanze in spiaggia tra diving, golf e kitesurf

El Gouna, guida alla visita: cosa fare e cosa vedere tra le sue attrazioni. El Gouna dove si trova? Cosa visitare nei dintorni, come arrivare e il meteo.

Immaginate di costruire dal niente, sulle rive del Mar Rosso, una città.
Anzi, di ricavare prima una laguna, scavando la costa e lasciando entrare il mare nel deserto. Poi, una volta create le isolette della laguna, di costruirvi sopra hotel, appartamenti, negozi, campi da golf, spa e ristoranti.

El Gouna è il frutto dell’idea del ricchissimo uomo d’affari egiziano Samih Sawiris, che negli anni ’90 ha dato il via a un progetto faraonico – è proprio il caso di dirlo – in un’area desertica 25 km a nord di Hurghada.
Oggi, a distanza di quasi trent’anni, quel tratto di costa è diventato una meta di vacanza tra le più esclusive dell’Egitto.

I numeri, del resto, parlano da soli: 36 isolette collegate tra loro da passerelle in legno, 18 hotel di alta categoria e 2600 stanze, oltre 100 ristoranti, 11 spa e 7 fitness centres, 3 marine, 2 campi da golf, un aeroporto privato e, da qualche anno, anche un resident film festival internazionale, sono alcuni dei dettagli di questa città sorta tra la sabbia e il Mar Rosso.
Certo, le cifre vanno contestualizzate e così ci abbiamo fatto un giro per vedere di cosa si trattasse esattamente. Beh, possiamo dire che la realtà supera in questo caso la fantasia.

Cosa vedere e cosa fare a El Gouna

Gli esclusivi resort, affacciati sulla laguna interna o sul mare aperto, richiamano una clientela che ama il lusso e le comodità, che adora farsi coccolare e che non disdegna un certo fascino esotico.
Con le temperature che in estate possono toccare anche i 45°C, El Gouna è una località che trasmette freschezza, fosse anche solo per l’acqua che ne bagna ogni angolo. Ci sono spiagge nella laguna e altre affacciate sul mare aperto, per un totale di 10 km di sabbia dorata sulla quale stendersi a prendere il sole e rilassarsi.

Le spiagge più famose sono quelle di Zeytouna, Buzzha Beach e Mangroovy Beach, tutte lambite dalle acque incredibilmente trasparenti del Mar Rosso.
Va da sé che con uno scenario del genere, lo snorkeling sia l’attività preferita dai turisti, i quali possono sfruttare i servizi offerti dai nove diving center di El Gouna dalle strutture per compiere escursioni in barca e raggiungere il reef e i siti d’immersione più spettacolari.

Siamo chiaramente in un paradiso degli sport acquatici: molti ospiti raggiungono El Gouna per dedicarsi al kitesurf, approfittando del venticello che spira costante, o al wakeboarding. Abbiamo provato quest’ultimo, in particolare, grazie alle strutture di Sliders, uno dei più grandi cable park al mondo. Due laghi artificiali sono il teatro perfetto dei trick e delle evoluzioni – o anche solo delle prime prove, per i principianti – di chi si vuole divertire sull’acqua spinto dal sistema di cavi e carrucole dell’impianto.
Niente paura per le temperature: a queste latitudini i mesi invernali, per definizione più freschi, hanno comunque medie giornaliere di 22°C. In questo caso una muta, noleggiabile sul posto, toglie qualsiasi eventuale dubbio si possa ancora avere.

Escursioni

Come per le altre località sulla costa occidentale del Mar Rosso, anche ad El Gouna si propongono ai turisti escursioni di un giorno agli accampamenti beduini del deserto e all’incredibile Luxor con i suoi siti archeologici (il complesso di Karnak, i Colossi di Memnone, le tombe della Valle dei Re e i templi di Luxor sono davvero imperdibili) e il fascino imponente e silenzioso del più grande fiume africano, l’eterno Nilo.
Luxor dista circa 4 ore da El Gouna e, svegliandosi prima dell’alba, è possibile andare e tornare in giornata con un tour organizzato.

Clima

Il sole splende tutto l’anno a El Gouna. È una prerogativa del clima desertico che interessa anche le altre località – come Hurghada e Soma Bay – di questa zona del Mar Rosso.
Le temperature nei mesi più caldi superano i 40°C durante il giorno, ma si tratta di un caldo secco, non insopportabile come si potrebbe pensare.
Un inverno vero e proprio, per come siamo abituati a concepirlo in Italia, non esiste, perché tra dicembre e febbraio le temperature si attestano sui 22°C durante il giorno, sufficienti per stare in spiaggia o a bordo piscina e fare scorta di caldino prima del rientro a casa.
In questo periodo le escursioni termiche notturne suggeriscono comunque di portare in valigia una giacca e pantaloni lunghi per la sera.

Dove dormire

El Gouna è una meta che si presta particolarmente a una vacanza fatta di lusso e comodità. Lo Steigenberger Golf Resort è un hotel a 5* veramente superlativo sia per la posizione che per i servizi che offre. La struttura mette a disposizione 268 stanze e suites, tre ristoranti e quattro bar. Gli ospiti possono trascorrere la giornata su uno dei campi da golf più belli dell'Egitto, circondato dall'acqua della laguna, oppure rilassarsi sulla spiaggia o in piscina.

Come arrivare a El Gouna

A meno che non disponiate di un aereo privato, la maniera più semplice per raggiungere El Gouna è quella di servirsi del vicino Aeroporto Internazionale di Hurghada, distante circa 25 km.
Da ottobre 2018 è disponibile un comodo collegamento diretto tra Milano Malpensa e Hurghada operato da easyJet due volte alla settimana (il mercoledì e la domenica) con prezzi a partire da 27,99 euro a tratta.
Una volta sul posto, i resort di El Gouna mettono a disposizione il servizio transfer da/per l’aeroporto.
  •  

News più lette