Cerca Hotel al miglior prezzo

Radda in Chianti: agriturismi, vini e colline della Toscana

Pagina 1/2

Poche altre zone della nostra penisola riescono a conferire al visitatore un senso più profondo di appagamento dell’anima, di pace profonda dello spirito, così come lo riescono a fornire le magiche colline del Chianti che si susseguono con i loro dolci profili ondulati in un alternanza di colori caldi dei terreni ricchi di ossido di ferro e le variegate tonalità verde delle coltivazioni e delle distese di viti che ricoprono i pendii assolati compresi tra Siena e San Giovanni Val d’Arno.
In questa poesia di paesaggio Radda in Chianti, località storica del chiantigiano, vi attende con i sui 530 m di quota, una sorta di balcone naturale sulla teoria di valli e colline, scenario splendido dove poter degustare alcuni vini eccellenti, tra i migliori di tutta la Toscana.

Per arrivare a Radda in Chianti si può utilizzare l’Autostrada del Sole A1 con uscita Valdarno. Dopo il casello girare a destra sulla SP11 Poggialupi e ancora a destra sulla SP 59, superare il fiume Arno e alla rotonda di Montevarchi seguire per la SS408 (Via Chiantigiana) che s’arrampica sui monti del Chianti in direzione di Cavriglia, Montegrossi, per poi seguire la SR429 che conduce fino a Radda in Chianti.
In alternativa si può seguire la superstrada Firenze Siena e all’uscita di S. Donato seguire le indicazioni per Castellina in Chianti e poi quelle per Radda in Chianti.

Radda in Chianti possiede un classico clima toscano, con estati calde ed assolate, mitigate dal fattore altitudine con consente di trascorrere splendide serate estive nelle campagne intorno, tra canti di grilli e di cicale e con il paesaggio che diventa fantastico e misterioso nelle notti di luna piena. Il periodo più piovoso è l’autunno, mentre i temporali più intensi interessano la zona durante la primavera. In genere però il clima è soleggiato e ne è la testimonianza la produzione vinicola d’eccellenza della zona del Chianti.

Cosa vedere e fare nella zona di Radda in Chianti?
... Pagina 2/2 ... Radda in Chianti fa parte del cuore vibrante del Chianti Classico. Possiede una pianta urbana ancora di tipo medievale, con le case che si stringono in una forma ovale, un tempo stretta da una cinta muraria di cui rimangono oggi solo qualche resto (qualche tratto e qualche torre). Tra le varie abitazioni e palazzi è da segnalare il palazzo Pretorio che fu costruito nella seconda parte del Quattrocento, il periodo più fulgido di Radda in Chianti, quando risultava il capoluogo della Lega del Chianti. La facciata del palazzo ospita numerosi stemmi in ceramica ed una bella loggia che potrebbe essere l’unica porzione dell’edificio originaria della prima costruzione.
Tra i monumenti religiosi segnaliamo la chiesa di San Niccolò e il convento francescano di Santa Maria al Prato, costruzioni in origine antiche ma che poi hanno subito profonde ristrutturazioni nei secoli successivi.

Per chi vuole esplorare il territorio segnaliamo nei dintorni il borgo di Monterinaldi con un castello in rovina, mentre a Montevertine si può ammirare un museo del Chianti, dove si possono imparare moltissime cose della civiltà contadina di queste magnifiche colline.
Presso il villaggio di Panzano si trova la notevole pieve di Santa Maria Novella, in stile romanico con un interno è a tre navate e un interessante fonte battesimale con ceramiche eseguite con lo stile dei Della Robbia.
Sempre nei dintorni vale una visita il Castello di Volpaia, un borgo ad impianto medievale molto suggestivo da camminare ed esplorare vicolo per vicolo, e con la bella chiesa di Sant'Eufrosino che è ora adibita ad ospitare mostre ed eventi culturali.
Gli alberghi della zona di Radda propongono interessanti escursioni: una classica è il cosiddetto Chianti Tour, che vi conduce tra castelli ed abbazie ed ovviamente degustazioni indimenticabili dei migliori vini della zona.
Un'altra classica escursione è quella che conduce al turrito borgo medievale di San Geminano.
loading...
close