Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Tuili

Tuili (Sardegna): la visita alla cittą e i suoi parchi ai piedi dell'Altopiano della Giara

Pagina 1/2

Situato nella regione storica della Marmilla, il comune di Tuili è abitato da poco più di mille persone, ma conserva un fascino straordinario per la sua particolare posizione geografica, ai piedi dell'altopiano della Giara.

La storia di questa località è legata a doppio filo proprio a quella della Marmilla, una regione abitata sin dai tempi più antichi: lo dimostra la presenza di un gran numero di monumenti risalenti all'etù nuragica sul territorio. Vicino a Tuili, in quel di Genoni, c'è la fortezza di Santu Antine, che fu realizzata dai Cartaginesi, mentre i centri di Biora e di Valentia, che corrispondono alle attuali Serri e Nuragus, sono risalenti all'epoca romana. Nel periodo giudicale, Tuili ha fatto parte del Regno di Arborea e del Giudicato di Cagliari, con le curatorie di Marmilla e di Part'e Alenza e le curatorie di Siurgus.

In particolare, quando è rientrato sotto il Giudicato di Arborea, nel periodo medievale, e quindi ha fatto parte della curatoria della Marmilla, il villaggio ha avuto un ruolo molto importante per tutta la sua regione grazie alla fertilità del suo territorio; fondamentale è stata anche la sua particolare collocazione geografica, al confine tra il Giudicato di Cagliari e il Giudicato di Arborea, e pertanto strategica. Dopo varie vicissitudini il villaggio venne acquistato da Pietro Ripoll, poi nominato nel 1774 Conte di Tuili. Il feudo venne poi abolito nel 1836, ma è solo nel 1861 che Tuili è diventata comune autonomo.

Una visita del centro deve per forza includere l'ingresso nella Chiesa di San Pietro, edificio del 15° secolo, che ospita al suo interno uno dei capolavori del Rinascimento in Sardegna: si tratta del Retablo del Maestro di Castelsardo, una splendida pala d'altare.
Non distante dalla chiesa, sempre in centro a Tuili, vale la pena di visitare Villa Pitzalis, di proprietà comunale: si tratta di un edificio dell'800, in stile neocalssico, opera dell'architetto sardo Gaetano Cima, che è anche l'autore di Villa Asquer, altro edificio nobiliare cittadino.

Se però siete giunti a Tuili, è molto probabile che i vostri obiettivi siano i suoi due parchi a tema più importanti, ideali soprattutto per le famiglie con bambini. Parliamo del Parco Sardegna in Miniatura, e dell'associato Parco dei DInosauri, quest'ultimo ha ampliato l'offerta del parco delle miniature. Qui è possibile godersi incontri ravvicinati con spinosauri, stegosauri, dimetrodonti e kentrosauri, con alcuni esemplari in animatronics.

... Pagina 2/2 ... Il Parco Sardegna in Miniatura non è solamente una serie di riproduzioni in scala del territorio sardo: offre numerose altre possibilità come percorsi didattici, di cui fa parte anche il Parco dei Dinosauri. ma anche esperienze archeologiche a tema nuragico, un percorso botanico dove prendere confidenza con la macchia mediterranea più tipica della Sardegna, ed anche un Planetario ed un Museo di Astronomia.

Tutte le altre bellezze che meritano di essere viste a Tuili hanno a che fare con lo scenario naturale e la ricchezza ambientale della Giara e del paesaggio marmillese. A pochi passi dall'abitato è possibile percorrere una delle tante scalas, vale a dire i sentieri che permettono di salire fino in cima all'altopiano addentrandosi nella vegetazione, i cui colori cambiano a seconda del periodo dell'anno. Si può scegliere tra versanti più ripidi e versanti meno impegnativi, ma vale la pena di arrivare fino in cima per poter beneficiare di una vista straordinaria sulla Marmilla, impreziosita dalle ampie sugherate e valorizzata dai tipici paùli.

Non è difficile imbattersi - tra una pianta di corbezzolo, una di elicriso e una di mirto - nei cavallini della Giara, ritenuti gli ultimi cavalli selvaggi di tutto il continente europeo, ma anche in cinghiali, in lepri, in conigli, in gatti selvatici, in martore, in volpi, in ricci. Gli appassionati di bird watching possono recarsi nel Parco della Giara e nel suo giardino botanico per ammirare i gruccioni, i falchi, i picchi rossi maggiori, i cavalieri d'Italia, i germani reali, le pernici e le cicogne.

L'evento più importante che si svolge a Tuili è la Sagra da su Pa(n)i Arrubiu, caratterizzata dalla presenza di prodotti tipici locali e balli folk. Su Pani Arrubiu è un pane azzimo tipico del posto che viene preparato e gustato in occasione dei festeggiamenti per il patrono della Sardegna, Sant'Antioco, realizzato con uvetta, buccia d'arancio e zafferano: gli ingredienti che gli danno il colore rosso che lo contraddistingue.

Per arrivare a Tuili è necessario percorrere la strada statale numero 131 Carlo Felice giungendo, all'altezza di Sanluri, fino al bivio per Villamar: a questo punto occorre imboccare la strada statale numero 197, seguendo per Gesturi e Nuragus. All'altezza di Las Plassas si abbandona questa strada per immettersi nella provinciale numero 45, che porta a Tuili.
loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close