Cerca Hotel al miglior prezzo

Amantea e il suo mare: vacanza sulla costa tirrenica della Calabria

Amantea, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Rinomata cittadina balneare, antico borgo di pescatori e località dall’animo contadino: queste le caratteristiche della splendida Amantea, meta turistica del basso Tirreno, nella provincia calabra di Cosenza. Popolata da circa 13 mila abitanti e gremita di istituzioni culturali, Amantea non è soltanto uno dei comuni più estesi della Calabria, ma anche un importante centro di arte e cultura.

La presenza più affascinante e prorompente è certamente quella del Mar Tirreno, limpido e dai riflessi turchesi sulla riva, dove lascia trasparire l’oro della sabbia, e blu intenso al largo, dove le barche lasciano scie spumose brillanti sul pelo dell’acqua. Tra le destinazioni preferite da chi si muove in barca, partendo da questa zona, sono gli Scogli d’Isca, piccoli frammenti rocciosi che emergono dalle onde a circa un chilometro dal litorale, dove si possono fare lunghi bagni e osservare fondali sorprendenti. La zona è anche ben nota tra gli appassionati di windsurf e kite surf.

Risalendo sulla riva e spingendosi nel cuore del paese, si scoprono le numerose attrazioni di Amantea: tra gli edifici più importanti si fa notare la Chiesa di San Bernardino da Siena, di origine quattrocentesca e inizialmente collegata al vicino convento dei Minori Osservanti. Un bel portico ogivale, formato da cinque ampie arcate, precede la facciata; questa, un tempo, era sormontata da un’originale decorazione, fatta con piatti di ceramica di fattura arabo-siciliana, disposti a forma di croce e oggi conservati nel Museo Nazionale di Reggio Calabria.

Le meraviglie dell’interno cominciano sin dalla prima cappella, dove si può ammirare la Madonna col Bambino realizzata da Gagini nel 1505. Da vedere sono anche la Parrocchiale di San Biagio, del 1677, e il Convento dei Francescani fondato tra il XIII secolo e il XIV secolo poco fuori dal centro, visibile da lontano per la sua imponente cupola ottagonale. Tra le più belle costruzioni civili di Amantea c’è l’imponente Castello di età bizantino-normanna, edificato alla sommità più alta del borgo e modificato più volte nel corso dei secoli: prima ampliato dagli Aragonesi nel XV secolo, venne poi ritoccato da Carlo V nel periodo della dominazione spagnola.

Chi ha la fortuna di trovarsi ad Amantea in agosto, oltre ad apprezzare la natura mediterranea in tutto il suo splendore e a godersi le splendide spiagge, potrà assistere a un’originale manifestazione popolare, che si ripete ogni anno verso la metà di agosto. Si tratta della sfida nazionale della zucca, che si svolge nel pittoresco parco fluviale Sant’Anna, sul fiume Oliva, nei pressi della città, e vede centinaia di agricoltori impegnati nella competizione a chi presenta la zucca più pesante…anno dopo anno si sono viste zucche di ogni tipo e fattezza, sino al record di un zucca gigante di 150 kg! Oltre alla sfida vera e propria, la cittadinanza è attirata dagli spettacoli folkloristici e dalle degustazioni di prodotti tipici.

Amantea è infatti famosa anche per la sua cucina e, in particolare, per la sua pasticceria: il Buccunotto, dolcetto a forma di barchetta, è un guscio di biscotto ripieno di cioccolato, spezie deliziose e leggendari ingredienti segreti che le massaie paesane non rivelano a nessun estraneo. Un’altra golosa abitudine è quella di ricoprire i fichi secchi con cioccolato nero o bianco, e non è da meno la prelibata cucina a base di pesce fresco.

Per raggiungere quest’oasi fuori dal tempo si può scegliere tra varie possibilità: chi viaggia in auto deve percorrere l’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e, se viene da nord, deve uscire a Cosenza poi continuare sulla statale per Paola fino a Amantea; venendo da sud bisogna uscire invece a Falerna e continuare lungo la statale 18. Per chi preferisce il treno, la stazione FS di Amantea si trova lungo la linea tirrenica, ma per raggiungerla è necessario scendere a Paola e, da lì, prendere un treno locale. Amantea è servita efficacemente dagli autobus, che la collegano sia a Cosenza che a Lamezia Terme; proprio a Lamezia, poi, si trova l’aeroporto più vicino, a 35 km da Amantea.

Prima di partire si può iniziare a pregustare un clima eccezionale temperato, mitigato dal Mar Tirreno. La bella stagione dura a lungo e l’estate, a volte, si protrae addirittura da aprile a novembre, con le sue piacevoli brezze marine che rinfrescano l’aria. Rarissime sono le gelate e le nevicate, causate di tanto in tanto dalla vicinanza alla Catena Costiera. Le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da 4°C di minima a 11°C di massima, mentre in luglio e agosto, i mesi più caldi, si va da 18°C a 32°C.
  •  

 Pubblicato da - 21 Maggio 2009 - Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close