Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Trezzo sull'Adda

Trezzo sull'Adda (Lombardia): la visita alla cittą e al castello Visconteo

Pagina 1/2

Nella provincia milanese si trova Trèss, antico comune di origini celtiche che in tempi lontani vide scontrarsi sul suo territorio romani e galli, vedendo succedersi fra le sue strade civiltà e culture differenti. Secondo la tradizione fu per volere della regina longobarda Teodolinda che venne costruita la prima rocca di Trezzo sull’Adda.

Successivamente, a partire dal 1161, Barbarossa, Torriani e Visconti si alternarono nel dominio del borgo e nel 1300, per volere di Bernabò Visconti, viene costruito il Castello, nelle vicinanze della rocca longobarda. Proprio fra le mura della dimora viscontea, Gian Galeazzo uccise lo zio, creando ufficialmente il grande “Stato dei Visconti”. Vista la vicinanza, il borgo diventa un importante avamposto difensivo dei Signori di Milano. Ora simbolo della città, il castello Visconteo sopravvive nella torre a pianta quadrata e nei misteriosi sotterranei.

Tutt’intorno un grande parco, che si perde fra gli antichi ruderi. Dall’alto della torre, nelle giornate prive di foschia, è possibile godere del bel panorama offerto dalle colline bergamasche e milanesi. Sorgendo su un piccolo promontorio, in un’ansa dell’Adda, il Castello si affaccia sulle acque del fiume, dove agli inizi del ‘900 è stata costruita la Centrale Idroelettrica Taccani, che srutta un salto idraulico del fiume, che nel suo meandro forma delle piccole rapide.

L’edificio è un affascinante esempio di stile liberty, elegante e raffinato, è sicuramente un classico dell’archeologia industriale. Ancora oggi in funzione, è visitabile nelle prime domeniche del mese. Ma attorno al corso dell’Adda, sono sorte negli anni anche numerose ville patrizie. Fra queste è ad esempio Villa Gardenghi, oggi sede della Biblioteca Comunale.

Al suo interno si possono ammirare numerose opere storiche e artistiche di immenso valore come l’Edipo di Giuseppe Bossi o i dipinti di Agostino Comerio. Fra gli edifici sacri presenti nel territorio, merita sicuramente una visita la Chiesa Prepositurale di San Gervaso e Protaso, ampia, dai colori chiari, impreziosita dal grande campanile. Si tratta di una graziosa chiesa medievale del XV secolo, la cui facciata è caratterizzata dal grande rosone centrale e al cui interno si possono ammirare splendidi affreschi giotteschi, quadri e bassorilievi.

Inoltre a Concesa, frazione trezzese, si trova un grande Santuario dedicato alla Divina Maternità e costruito nel corso del ‘600. In stile barocco, sorge accanto alla chiesa parrocchiale con campanile romanico ed è circondato dal verde. Del territorio del comune, che un tempo affascinò profondamente il genio di Leonardo, fa infine parte anche la bella Oasi del WWF “Le Foppe”.

Visitare Trezzo sull’Adda può rivelarsi sicuramente interessante, il comune è infatti stato nominato “Città d’Arte” e grazie ad una piacevole passeggiata di poche ore è possibile scoprirla al meglio. Dopo aver visitato il Castello dirigetevi verso la Centrale Taccani e da qui recatevi presso i resti dell’antico ponte del Castello, un tempo il più lungo ponte ad una sola arcata d’Europa. Proseguendo in direzione della frazione di Concesa, è possibile ammirare la sontuosa Villa Gina, immersa in un curato parco comunale e nei pressi del famoso Santuario.

Ovviamente a Trezzo sull'Adda, come un po’ ovunque in Italia, non mancano osterie, trattorie e ristoranti dove gustare ottimi piatti tipici a base di prodotti locali, magari accompagnati da un ottimo vino, prodotto nelle cantine trezzesi.

... Pagina 2/2 ... Le occasioni per decidere di visitare questo piccolo comune sono diverse nel corso dell’anno, in particolare la Sagra Cittadina ha luogo ogni ottobre e nello stesso periodo a Concesa si celebra la festa di Santa Teresa, mentre la festa patronale si svolge la seconda domenica di settembre. Giunto alla XIV edizione è poi Adda Danza, un importante festival internazionale di danza; ma il vero evento di Trezzo è il Carnevale del Povero Piero.

Nel sabato del carnevale ambrosiano, uno spaventapasseri, di nome Piero, viene bruciato sulle acque dell’Adda per salutare la stagione invernale e prepararsi ad accogliere le prime giornate primaverili. La festa del Carnevale del povero Piero è particolarmente amata da tutti i trezzesi e per questo motivo diventa uno spettacolo divertente e suggestivo.

Come arrivare
Trezzo è comodamente raggiungibile in auto grazie all’autostrada A4.
In alternativa, si può scegliere il treno, a Trezzo sull’Adda è infatti presente la stazione ferroviaria.
Da Milano, Bergamo e Monza partono poi diversi autobus che fermano in città.
Gli aeroporti più vicini sono quelli di Milano e Orio al Serio.

Lasciati sorprendere, vieni #inLOMBARDIA. Troverai tutte le informazioni, le foto e i consigli di viaggio per vivere una vacanza indimenticabile. Scopri tutti gli eventi in Lombardia

Segui inLombardia su Facebook - Instagram - Twitter


close