Cerca Hotel al miglior prezzo

Manerba del Garda (Lombardia): le sue spiagge e le attrazioni da vedere

Manerba del Garda, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Non in tutti i luoghi dello Stivale è possibile vivere bene e in armonia. La perfezione risulta un privilegio riservato a pochi, e tra quei pochi c'è Manerba del Garda, scintillante località della provincia di Brescia eletta "10° Borgo felice d'Italia" in una selezione di 158 comuni su un totale iniziale di 8.047.

Le spiagge di Manerba

Ne saranno dunque felici i 5.280 abitanti, consapevoli della loro grande fortuna, quella cioè di risiedere in un angolo di paradiso. Comprendente le incantevoli frazioni di Balbiana, Gardoncino, Montinelle, Pieve Vecchia, Crociale e Solarolo, Manerba s'incastona in un territorio nel quale domina il rinomato lago di Garda, foriero di lunghe spiagge (quelle della Romantica, del Torchio e di Pisenze sono certamente le più belle) e scorci per cui il turista farebbe follie.

Un esempio lo offre il vastissimo Parco Naturalistico Archeologico della Rocca, 90 ettari di oasi verdeggiante sormontata dalla fortificazione medievale che dà il nome al sito: su questo sperone roccioso sono stati effettuati numerosi scavi archeologici dai quali si è praticamente evinta la storia di Manerba, raccolta in un arco di tempo che ha il suo incipit nella lontanissima cultura di Lagozza, 4000 a.C., fino a ca. il 1574.

Cosa vedere a Manerba del Garda

E' in quest'intervallo che si fanno risalire i resti di un'antica villa romana nonché di un arcaico laghetto intermorenico. La sintesi esplicativa di tale viaggio storico confluisce nel Museo Civico Archeologico della Valtenesi, il cui percorso espositivo biforca in due livelli corrispondenti a due distinti piani, che custodiscono pannelli tematici riguardanti rispettivamente la sezione archeologica e quella naturalistica, perfettamente accessibili anche alle scolaresche, indirizzate verso laboratori didattici e interattivi. Per i turisti sono a disposizione audioguide multilingua, punti di ristoro e persino aree pic-nic.

Altra splendida attrattiva è rappresentata dalla coppia di isole giacenti nelle acque azzurre del Garda, vale a dire l'Isola del Garda - sede di un imponente palazzo ottocentesco neogotico veneziano - e l'Isola di San Biagio, soprannominata anche "Isola dei Conigli" per la forte presenza nel ‘500 di lepri e, appunto, conigli. Curioso il fatto che nei maggiori periodi di secca, questo lembo di terra sia raggiungibile addirittura a piedi, un'esperienza da provare.

Il tessuto religioso si fregia di numerosi edifici sparsi per le diverse frazioni: in frazione Pieve sorge la chiesa di Santa Maria in Valtenesi, madre di tutte le altre chiese, punto di riferimento e parrocchiale fino alla metà del ‘700; la parrocchiale di Santa Maria Assunta in frazione Solarolo è l'erede naturale della Pieve Vecchia, iniziata nel 1746 e completata in stile neoclassico; sempre in frazione Solarolo s'ergono la chiesa di San Giovanni Battista Decollato - dapprima proprietà dell'Ordine dei Cavalieri di Malta - e la chiesa della Santissima Trinità, cappella del cimitero ricca di affreschi attribuiti al "Maestro di Solarolo"; in frazione Montinelle ecco la chiesa di San Bernardo e in frazione Balbiana la chiesa di Santa Lucia; la chiesa di San Savino giace nella località omonima, mentre la chiesa di Santa Caterina e la chiesa di San Giorgio risiedono rispettivamente a Gardoncino e località San Giorgio.

La cultura popolare è racchiusa e al contempo sprigionata da Palazzo Minerva, nel centro del paese, che attualmente ingloba la Biblioteca Civica Comunale e il Museo della Cultura Popolare, crogiuolo di attrezzi e utensili utilizzati nell'agricoltura tradizionale e nell'ambito di antichi mestieri come il falegname, il fabbro e il tessitore.

Il patrimonio culturale di Manerba traspare anche dalla fitta offerta enogastronomica: intorno al lago di Garda, il territorio brulica di colline che sono fucina di prodotti di eccellente qualità quali l'olio extravergine d'oliva e il vino, che si differenzia in Garda classico bianco Doc, Rosso e Rosso superiore Doc, Chiaretto Doc. Terra e acqua consegnano assaggi di paradiso, e tra questi si annoverano la carne allo spiedo, la polenta, salame nostrano ma anche luccio alla griglia, coregone ai ferri e sardine en saor.

Eventi, sagre e manifestazioni

Sono piatti che si possono assaporare nelle trattorie di zona e in eventi e manifestazioni aggregative. Imperdibile il Natale a Manerba, con relativo Presepio meccanico, gioiello artigianale che si sviluppa su una superficie di 320 mq permeati da suggestivi giochi di luce e scene ricostruite alla perfezione. Questo miracolo tradizional-tecnologico è organizzato dal gruppo di volontariato "Amici di San Bernardo".
  •  
close