Cerca Hotel al miglior prezzo

Limone sul Garda: tra le limonaie del Lago di Garda

Limone sul Garda, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Il nome di Limone sul Garda evoca atmosfere mediterranee: fa pensare allo specchio d'acqua più bello dello stivale, il Lago di Garda, ma anche alle numerose limonaie che costellano il paese e lo fanno brillare di pepite gialle. Eppure, inaspettatamente, questa cittadina della Lombardia sulle rive nord-occidentali del Benaco (provincia di Brescia) non prende il nome dal profumatissimo agrume, ma dalla sua posizione geografica. Limone deriva dal latino "limen", ovvero "confine", ed effettivamente fino agli anni Trenta del secolo scorso il paese era in una terra di confine tra il noto e l'ignoto. A Limone sul Garda si arrivava solo attraversando il lago o compiendo un arduo percorso tra i monti, tanto che il tempo pareva essere fermo a qualche decennio prima: l'economia era semplice ed essenziale, basata sulla produzione di olive e limoni e sulla pesca d'acqua dolce.

Eppure gli ospiti illustri non erano mancati nei secoli precedenti. E' il caso di Goethe, che alla fine del Settecento compì il tradizionale viaggio in Italia - quasi d'obbligo per gli artisti e gli intellettuali dell'epoca - e ne rimase profondamente colpito. Nel suo resoconto si legge di giardini lussureggianti e coltivazioni a terrazze lungo i fianchi dei monti, ma soprattutto compaiono le descrizioni delle caratteristiche limonaie, fatte di pilastri bianchi e di pertiche che dovevano proteggere le piante nella stagione fredda.

Solo nel 1932 venne completata la Gardesana Occidentale, la strada di collegamento tra Limone e i paesi vicini, che portò in città una ventata d'aria fresca e anche un bel numero di turisti in più, fondamentali per il decollo dell'economia. Soprattutto chi veniva da nord, dopo chilometri e chilometri di paesaggio montano, apprezzava questa parentesi mediterranea inaspettata. Merito del lago, che ha da sempre reso mite il clime della zona e ha consentito la crescita rigogliosa di piante che mai ci si aspetterebbe a queste latitudini.
L'isolamento di Limone, che a lungo è rimasta nettamente separata dal resto del nord d'Italia, ha portato fortuna ai suoi abitanti, particolarmente longevi e in salute. E' quanto emerso nel 1979, anno in cui alcuni medici di Milano, visitando un paziente originario di Limone, scoprirono nel suo sangue una proteina che si comportava in modo anomalo, preservando il cuore e le arterie anche in caso di alti lavori di colesterolo e trigliceridi. In pratica la apoliproteina A-1 Milano (così è stata chiamata) agisce eliminando i grassi dalle arterie.

Sin dal XIII secolo le rive del Garda sono parse ideali per la coltivazione dei limoni - importati dall'Oriente per la prima volta intorno all'anno Mille, anche se tra l'Otto e il Novecento l'attività ha rischiato di fallire: con la crescente facilità di trasporto delle merci cominciavano a giungere in zona gli agrumi del sud, meno costosi e per questo concorrenziali, per non parlare della scoperta dell'acido citrico sintetico e delle alte spese legate alla produzione nelle limonaie.
Proprio la Gardesana ha risollevato l'economia di Limone e ha rincuorato i suoi abitanti, fieri di vendere i loro prodotti nelle bancarelle e sui carretti lungo le strade e le piazze del centro.

L'altro prodotto tipico è l'olio d'oliva: quello di Limone sul Garda è particolarmente pregiato grazie alle caratteristiche eccezionali del clima, del terreno e degli ulivi da cui si ricava. Ancora oggi si continuano ad effettuare la raccolta a mano e la spremitura a freddo. L'oleificio della Cooperativa Possidenti Oliveti, raggiungibile a piedi lungo il sentiero chiamato "Passeggiata Comboni", è aperto al pubblico da aprile a ottobre, dalle 16 alle 18, tutti i giorni eccetto la domenica.

Di passeggiate, nel territorio comunale, se ne possono fare all'infinito: sono sempre occasioni uniche per rilassarsi, fare un po' di movimento all'aria aperta e conoscere da vicino un territorio che ha tanto da raccontare. Non passeggiate solo in estate: grazie al clima mite della zona è sempre il momento giusto per camminare, ad esempio partendo dal piazzale De Gasperi e procedendo lungo la spiaggia verso la località Nanzèl, oppure percorrendo il "Sentiero del Sole" dalla piazza ai rifugi militari della Prima Guerra Mondiale in località Reamòl. Presso gli Uffici Turistici troverete utili cartine dove sono segnalate le escursioni, con tutte le informazioni utili riguardo al grado di difficoltà e ai tempi di percorrenza.

Ma Limone sul Garda non è solo natura: il centro del paese nasconde numerose chiesette che raccontano storie lontane, fatte di tradizioni immortali e un forte senso religioso. Da vedere la chiesa parrocchiale di San Benedetto di fine Seicento, custode di belle opere d'arte cinquecentesche, oppure la chiesa più antica di Limone, quella di San Pietro, edificata probabilmente nel IX secolo d.C: immersa tra gli uliveti - e per questo ribattezzata San Pietro in Oliveto - è in stile romanico ed è impreziosita da begli affreschi. A nord del centro c'è la cinquecentesca chiesa di San Rocco, inconfondibile con la sua scalinata sempre adornata di piante e fiori, eretta nei primi decenni del Cinquecento in segno di gratitudine per aver scampato la peste che mieteva vittime nel nord d'Italia.

Informazioni utili: come arrivare a Limone sul Garda e il meteo

Per raggiungere le rive settentrionali del Lago di Garda in auto basta percorrere l’autostrada A22 Modena-Brennero, prendere l’uscita Rovereto Sud/Lago di Garda Nord e seguire le indicazioni per Limone. Per chi viaggia in treno la stazione ferroviaria più vicina è quella di Rovereto, a 28 km circa, mentre l’aeroporto più vicino è il Gabriele D’Annunizo di Brescia, a 66 km circa.

Giunti a destinazione verrete accolti da un clima gradevole e mite, caratterizzato da temperature dolci e tanto sole, che beneficia della vicinanza del lago. Le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, difficilmente scendono al di sotto dello zero e possono arrivare anche a 6°C, mentre quelle di luglio e agosto, i mesi più caldi, variano tra una minima di 17 e una massima di 29°C. I mesi più piovosi sono quelli primaverili - soprattutto tra aprile e giugno - quando piove mediamente 9-10 giorni al mese.

Fonte foto, cortesia: Comune di Limone sul Garda
  •  

 Pubblicato da - 16 Settembre 2014 - © Riproduzione vietata

News più lette

close