Cerca Hotel al miglior prezzo

Padenghe sul Garda: la spiaggia e la visita al Castello

Padenghe sul Garda, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Padenghe sul Garda, paesino affacciato sull’omonimo lago in provincia di Brescia in Lombardia, beneficia di una posizione a suggello di un paesaggio in realtà meraviglioso lungo tutta la costa lacustre, entroterra compreso.

Storia

Sorge in una zona preistoricamente pregna di tracce a indicare un primigenio villaggio che, per le frequenti incursioni ungare verificatesi tra IX e X secolo, fu costretto a traslare di alcuni chilometri verso la collina e proprio lì vide la luce il castello intorno al quale si organizzò il borgo di Padenghe, citato nel 1154 in un documento firmato da Federico Barbarossa.

Un medioevo piuttosto turbolento animò non poco la vita sociale degli abitanti, al centro delle contese territoriali fra Brescia e Verona fino al sopravvento dei Visconti, che non poterono tuttavia impedire i futuri saccheggi compiuti dalle milizie imperiali tedesche nel 1513 e dai banditi che imperversavano nell’area, uno fra tutti Giacomazzo da Padenghe.

Il Risorgimento non fu più tranquillo, anzi presso il paese gli accoliti di Tito Speri catturarono il 28 marzo 1848 il generale austriaco Schonhals mentre si stava dando alla fuga. La Seconda Guerra Mondiale portò l’occupazione tedesca post armistizio e battaglie della Resistenza a supporto della liberazione compiuta dagli Alleati anglo-americani.

Il Castello medievale

Padenghe oggi non supera i 4.500 abitanti, eccezion fatta per i periodi di bella stagione in cui nelle località del Garda si riversano moltissimi turisti in cerca di refrigerio e attrattive da visitare, specialmente per quanto concerne il patrimonio architettonico, in questo caso rappresentato decisamente dal Castello medievale che può in tutto e per tutto testimoniare – non essendo stato mai alterato – l’epoca in cui esso è stato costruito.

La struttura è potenziata da massicce mura composte da grossi ciottoli, intervallate da tre torri, con la principale quadrata che non possiede merlature. Un incantevole percorso dà adito a una lunga ed esaustiva passeggiata fino all’altro castello, quello di Drugolo.

Un altro tracciato immersivo nella natura circostante alimenta il desiderio di praticare sport all’aria aperta e prevede la partenza da Piazza D’Annunzio a piedi o in bicicletta attraverso tappe segnalate da indicazioni e cartelli. Esiste poi l’itinerario Balosse per il fit-walking, sentiero di 3.500 metri che indaga flora e fauna molto da vicino.

Cosa vedere a Padenghe sul Garda

La Giunta comunale si è insediata a Villa Barbieri, attuale municipio le cui fondamenta sono state erette nel Settecento.

Le chiesette del circondario fanno capo alla Parrocchiale di Santa Maria, edificata nel 1682 e custode al suo interno di diversi dipinti attribuiti a Zenone Veronese come la Madonna col Bambino e Santi, oltre a sculture di Antonio Callegari e Beniamino Simoni. Più antica è la Pieve di Sant’Emiliano, vicina alla rocca e bella da vedere per via dell’abside semicircolare del XII secolo su cui sono chiare le modifiche d’imprinting barocco.

Vi sono poi la Chiesa della Madonna della Neve e di San Giovanni Battista decollato in frazione Villa, la Chiesa della Visitazione della Beata Vergine Maria e di Sant’Eurosia (1720) in frazione Pratello, infine il Santuario della Beata Vergine della Torricella posta a destra del cimitero.

La spiaggia di Padenghe sul Garda

Dopo aver ammirato il lato culturale paesano, conviene fruire di sano relax rivolgendo l’attenzione alla spiaggia di Padenghe, luogo ideale per una vacanza anche solo di un giorno, coccolati dalla brezza lacustre e opportunamente serviti grazie alla cospicua disponibilità di attrezzature, strutture ricettive, bar e ristoranti. Nei dintorni non mancano locali alla moda e discoteche che sostengono la movida notturna.

Eventi e manifestazioni

La primavera è ravvivata dalla manifestazione Padenghe Verde, una tre giorni che a fine maggio dà spazio a una grande esposizione di piante e fiori. A luglio la musica entra nel borgo ed è protagonista del Padenghe International Jazz Festival.

Il borgo si trova lungo la Strada dei vini e dei sapori del Garda, ergo qui si possono gustare ottimi nettari di Bacco a Denominazione di Origine Controllata: il Garda Classico e il Chiaretto risultano inconfondibili al palato preparato.

Come arrivare

In auto dall’Autostrada A4 Torino-Venezia si esce a Desenzano, dove si trova anche la stazione ferroviaria a 6 km da Padenghe; nel raggio di 35 km sono disponibili gli aeroporti di Verona, Bergamo e Brescia.
  •  

News più lette

close