Cerca Hotel al miglior prezzo

Airasca (Piemonte): cosa vedere nel comune in provincia di Torino

Airasca, guida alla visita: cosa fare e cosa vedere tra le sue attrazioni. Airasca dove si trova? Cosa visitare nei dintorni, come arrivare e il meteo.

Airasca occupa una porzione pianeggiante dell’hinterland di Torino in Piemonte, precisamente a sud-ovest del capoluogo dal quale dista una ventina di chilometri. Il territorio, ricco di sorgive (se ne possono incontrare alcune percorrendo lungo la vecchia ferrovia la pista ciclabile Airasca-Moretta, altresì conosciuta come Via delle Risorgive), spiega la sua nascita come villaggio agricolo assai agevolato dall’abbondanza di acqua.

Storia

Nel Medioevo il luogo era identificato con il nome Ayrasca, piccolo feudo di proprietà dei Piossaschi Derossi accompagnato dalla presenza del Castello della Marsaglia, nei pressi del quale si fronteggiarono gli eserciti di Vittorio Amedeo duca di Savoia e del generale Catinat. Nel 1693 le truppe francesi portarono distruzione un po’ ovunque, eppure Airasca è ancora qui e non disdegna affatto i turisti curiosi di scoprirne le attrazioni architettoniche e i monumenti.

Cosa vedere ad Airasca

Di buona estetica la Parrocchiale di San Bartolomeo Apostolo, il cui primigenio impianto risale al 1332. Ricostruita in stile barocco al culmine del Seicento, la chiesa ha conservato il campanile originario, infatti è palese la differenza di costrutto che, tuttavia, infonde al complesso un fascino tipico degli edifici accumulanti elementi e dettagli di epoche diverse.

Una volta entrati si contemplano gli arredi lignei, il coro, il pulpito e una serie di affreschi ascrivibili al XVII secolo. È invece settecentesca la Chiesa dello Spirito Santo, esponente dell’architettura piemontese.

Eventi, sagre e manifestazioni

Il Comune organizza ogni inizio aprile la grande Fiera Primaverile che coinvolge la popolazione nel mercato paesano e nel coacervo di divertimenti in seno alla manifestazione. Il carattere di Airasca traspare nei colori e nella bizzarria variopinta del Carnevale, festeggiato con una suggestiva sfilata di carri allegorici (arrivano anche da molti comuni limitrofi), cortei di figuranti e maschere tradizionali, fra le quali si distinguono le protagoniste Prajé e Marghera.

La Festa Patronale di San Bartolomeo che va in scena ad agosto ha molto di anticonvenzionale, vedasi la Sagra del Pollo: durante l’evento si imbastiscono lunghe tavolate su cui gli airaschesi gustano avidamente il ruspante pollo nostrano cucinato davvero in tutte le salse.

La kermesse folkloristica per eccellenza da queste parti rimane il Palio dei Borghi, sicché a giugno il divertimento è assicurato da giochi e intrattenimenti che si tengono per quattro intense giornate nel mese di giugno.

Come arrivare ad Airasca

Il paese si raggiunge comodamente in auto seguendo le indicazioni autostradali per Pinerolo; la stazione di Airasca è ubicata sulla linea ferroviaria Torino – Torre Pellice; l’aeroporto internazionale “Sandro Pertini” di Caselle Torinese è quello di riferimento.

  •  
24 Febbraio 2020 La Mostra di Marina Abramovic a Modena, ...

Prosegue il viaggio di un evento tra i più pop del 2020 che vede ...

NOVITA' close