Cerca Hotel al miglior prezzo

Val della Torre (Piemonte): visita al comune in provincia di Torino

Val della Torre, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

In un territorio in cui i monti Musiné, Curt, Arpone e Lera fanno da cornice allo scorrere del torrente Casternone che dà il nome alla valle, si estende estremamente contenuto il comune di Val della Torre, paesino di 4.000 abitanti posto fra montagna e pianura e tappa privilegiata di molti escursionisti che ne percorrono i variegati itinerari partendo dal capoluogo del Piemonte, Torino, distante una ventina di chilometri.

Storia ed origine del nome

Una lapide funeraria presente in frazione Brione indica un’antropizzazione zonale iniziata già in epoca romana. Il nucleo urbano cominciò a svilupparsi molto più tardi, intorno al X secolo, trainato dalle evoluzioni dei monasteri di San Martiniano e Brione. La località prende il nome dalla Torre che nell’Alto Medioevo consentiva un ampio controllo sui colli circostanti della Lunella, della Portia e della Bassa. La sua ricostruzione è avvenuta nel Novecento trovando ubicazione a ridosso delle mura che circoscrivono il parco dell’ex Villa dei Conti Rossi di Montelera.

Cosa vedere a Val della Torre

Siamo in un’area che riunisce importanti sottoinsiemi territoriali quali le Valli di Lanzo, la Val Susa e una buona parte della seconda e terza cintura dell’hinterland torinese. Le implicazioni turistiche si sono dunque rivelate prematuramente capillari, anche se la stessa Val della Torre non può essere pienamente considerata un epicentro primario d’interesse. Questo perché innanzitutto non possiede un reale centro storico ancorandosi a un vivido carattere sparso che persiste da secoli coinvolgendo borgate, cascine e poderi utilizzati in ambito agricolo. Proprio l’agricoltura e l’allevamento hanno per lungo tempo accompagnato nella sopravvivenza gli abitanti fin oltre le due guerre mondiali, al che a partire dagli anni ’50 il fenomeno industriale ha preso il sopravvento dirottando l’attenzione popolare verso altri lidi, FIAT e Philips su tutti.

Il borgo ha un aspetto essenziale che sguazza nella più totale semplicità evitando ogni sorta di clamore rilevabile invece in altri centri inscritti in collaudati circuiti di visita. Val della Torre appare quasi scostante, se ne sta sulle sue ma forse per questo motivo non manca di visitatori, in prevalenza grandi camminatori, cicloturisti ed escursionisti. Una certa curiosità la fomentano i luoghi di culto che nell’abitato costituiscono le uniche attrattive architettoniche di rilievo, pensiamo in primis alla Chiesa di San Donato Vescovo e Martire, che ha abbisognato di una rivalutazione strutturale a cavallo fra ‘600 e ‘700, secolo quest’ultimo al quale s’ascrive il San Donato ligneo scolpito da Stefano Maria Clemente e conservato all’interno dell’aula. Anche il campanile è frutto di una ricostruzione.

In frazione Brione sorge la Chiesa di Santa Maria della Spina, consacrata sul finire del Duecento ed ex monastero di origine romano-gotica. Ha mantenuto un’estetica piuttosto anticheggiante, i cui elementi portanti si condensano nella facciata a capanna dalla quale trapelano le sagome dei mattoni a vista entro rampanti decorazioni in cotto. Un tempo dotata di tre absidi, oggi la chiesa ne ha solo più due, semicircolari con volte a catino. Sulla struttura trionfa il campanile eretto nel 1601. Se ne sta appartata fra boschi e sentieri la Cappella di San Valeriano, che rimira da posizione altisonante il panorama.

Eventi, sagre e manifestazioni

Manifestazione di punta organizzata dalla Pro Loco è la Sagra del Salame di Cinghiale che si svolge la prima settimana di aprile. La Festa patronale di San Donato ha luogo in piena estate.

Come arrivare a Val della Torre

Dalla Tangenziale di Torino uscire a Pianezza, proseguire sulla SS 24 e immettersi infine sulla SP 177 che conduce a Val della Torre; la stazione ferroviaria più vicina si trova ad Alpignano, da cui si procede in autobus fino al borgo; l’aeroporto “Sandro Pertini” di Caselle Torinese è distante ca. 29 km dalla località.

  •