Cerca Hotel al miglior prezzo

Caorle: il mare della Laguna Veneta e la Riviera Adriatica

Caorle, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Situata tra le foci dei fiumi Livenza e Tagliamento, la spiaggia di Caorle sta scalando, anno dopo anno, il cuore dei turisti italiani e stranieri. E’ una località di grande fascino, con la sua chiesa in riva al mare, particolarità assoluta nel panorama delle spiagge del triveneto, con due grande spiagge che si distendono a levante e ponente, tra loro diverse ma ambedue assolutamente adatte ad una vacanza di sano relax. La presenta degli ambienti fluviali e lagunari all’interno danno quel tocco di natura in più che rendono questa terra adatta ad una vacanza attiva e di scoperta, oltre che alla naturale vocazione mondana e vacanziera.

Caorle si raggiungere in automobile con grande rapidità: essendo posta a pochi km ad est di Venezia, basta seguire l’autostrada Serenissima A4, che congiunge Venezia con Trieste. L’uscita da prendere è quella di San Stino di Livenza. Da qui si segue la strada Sp 59 che prosegue sud, si lasciano i paesi di San Stino e San Giorgio sulla destra e si arriva a Caorle davvero in pochi minuti di percorso.

Il periodo migliore per una vacanza a Caorle è quello della stagione estiva, compresa tra giugno e fine settembre, quando le temperature dell’acqua dell’adriatico si mantiene su valori superiori ai 20 °C anche se le punte più elevate e gradevoli si ottengono a luglio ed agosto con valori assoluti di 25-26 °C.
La piovosità presso la regione di Caorle è quella tipica del nord-est e cioè caratterizzata da estati prevalentemente secche intervallate da veloci fenomeni temporaleschi che interessano principalmente il territorio interno ma che possono presentare anche fenomeni di una certa consistenza. In genere però basta qualche per poi vedere tornare a splendere il sole e il suo carico di vitalità estiva.

Cosa fare e cosa vedere a Caorle?
La spiaggia di Caorle è un magnifico arenile dalla lunghezza complessiva di circa 5 km , diviso in due settori distinti dalla presenza del nucleo storico cittadino che sfiora quasi le onde del mare. In realtà i km di spiaggia possono essere estesi verso sud-ovest e nord-est fino a raggiungere il notevole valore di 15 km circa, comprendendo le località di Duna Verde (vicino ad Eraclea) e della Brussa.

La storia di Caorle è molto antica, basta una rapida occhiata al campanile del Duomo per rimanere incantati dal fascino profondo della storia della città. Le prime testimonianza storiche risalgano a poco prima di Cristo, e lo stesso nome deriverebbe dal latino, indicando la presenza di caprette che abitavano la zona della foce del Livenza. Impressionante è il profilo del Duomo, che risale a quasi 1.000 anni fa, con un notevole campanile cilindrico, sormontato da un tetto di forma conica, con monofore e bifore, ed un caratteristico loggiato a metà della sua altezza. Il duomo costudisce reliquie importanti ed alcune opere d’arte tra cui segnaliamo la celebre Pala d’Oro.

Un'altra chiesa domina la “skyline” di Caorle ed è la Madonna dell’Angelo, che si trova proprio sul mare, a fungere da confine tra la spiaggia di ponente e la grande spiaggia di Levante. Il suo campanile possiede la classica forma veneziana, e per raggiungere la chiesa si percorre un bel lungomare bordato da bianchi scogli calcarei dove si possono ammirare sculture interessanti (Progetto Caorle Scoglieraviva).
La grande spiaggia di Levante sfiora i 250 m di profondità ed è uno dei gioielli dell’Adriatico. Qui c’è spazio per rilassarsi al sole, fare sport come il beach volley e i racchettoni, per compiere belle passeggiate lungo l’arenile che copre complessivamente una lunghezza di circa 2300 m dalla Madonna dell’Angelo fino al Porto Falconera.
Alla fine della spiaggia di ponente si trova invece il molo che segna l’ingresso del Porto Margherita, una delle marine più rinomate dell’alto Adriatico.
Da visitare poi abbiamo i paesaggi naturali della Laguna di Caorle, tra cui segnaliamo il bel villaggio di San Gaetano, una delle escursioni classiche assieme alla visita di Cà Corniani.
  •  
close