Cerca Hotel al miglior prezzo

Correzzola (Veneto): la Corte Benedettina e la visita alla cittadina

Correzzola, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Correzzola ha nel proprio DNA un profondo senso di pace e acquiescenza al territorio che ne definisce lo sfondo naturale ma altresì sociale. Il borgo appartiene alla provincia di Padova e dal Veneto ha tratto ispirazione per divenire un solido modello di cittadina vivibile in ogni suo aspetto, articolata e per nulla vanesia.

Corte Benedettina e storia

Centro nevralgico del turismo è anche quello che meglio di altri illustra una storia legata a stretto filo con le sorti di un ordine monastico, comprensibili visitando la Corte Benedettina di Corezzola, un sunto delle dinamiche che interessarono la vita rurale della regione, l’agricoltura di stampo benedettino e la cultura a tutto tondo del borgo. Furono i monaci di Santa Giustina di Padova ad aggiudicarsi nel 1129 il fondo della contessa Giuditta Sambonifacio, esteso lotto di terra che abilmente epurarono e bonificarono così da renderlo appetibile anche ai più indigenti. La Corte ospitava nella sua architettura eclettica la residenza dei religiosi, una foresteria e, inoltre, granai, fienili e vari depositi oltre a un forno, uno spazio adibito per l’attività della tessitura, pollai e persino una scuderia tale da accogliere 100 cavalli.

Questo grande e disciplinato sistema monacale subì una dura flessione durante il secolo buio, il Seicento, per poi risollevarsi a partire dal XVIII secolo grazie all’intervento diretto dell’abate Ignazio Suarez. Soppresse le congregazioni con la venuta di Napoleone Bonaparte in Italia, il sito benedettino finì sotto il controllo di Francesco Melzi d’Eril, al quale succedette Ludovico Melzi d’Eril, un innovatore e risanatore del vecchio modello che fece sì che il futuro della Corte di Corezzola fosse affidato completamente alla reggenza comunale, ergo divenisse una proprietà pubblica.

La Marciliana la festa medievale di Correzzola

I lunghi porticati, il blasone e l’imponente presenza circondata da una corona campestre fanno della Corte una meta turistica di assoluto rilievo, che ancora conserva parte dei tratti distintivi infusi dai benedettini. Per vivere appieno la meraviglia di questa perla costruttiva bisogna assolutamente assistere a La Marciliana, tradizionale festa medievale che s’anima nel Parco della Corte rievocando lo stile di vita del Quattrocento veneto, con giostre, duelli, accampamenti, spettacoli e quant’altro opportunamente ricreato per offrire agli avventori qualcosa di unico e suggestivo, beneficiante di una cornice esclusiva. Si tiene l’ultimo fine settimana di luglio ed è l’evento principale dell’estate. Sempre all'interno della Corte vengono impostati a dicembre i gioiosi Mercatini di Natale.

Ci sono poi da considerare le frazioni quali attrattive che vantano un corredo architettonico di tutto rispetto e ognuna segna una tappa nell’accrescimento urbano di Correzzola. Concadalbero, per esempio, ha visto sorgere nel XII secolo la Chiesa di Santa Maria, abbattuta nel 1573 ma ricostruita nella forma di un nuovo edificio interamente decorato dal pittore Dario Veronese. In località Civè spunta la Parrocchiale che si fregia di importanti opere come la tela della Madonna col Bambino tra i santi Prosdocimo e Benedetto in aggiunta alle statue in legno raffiguranti la Madonna e Sant’Antonio. Villa del Bosco include la Chiesa dei Santi Niccolò e Rocco, duecentesca ancella del romanico ricostruita nel 1531 ma modificata nei secoli successivi, compreso il Novecento.

Oltre alla già menzionata La Marciliana, nel territorio comunale imperversa un altro evento pregnante, la Festa dea Panocia, una tradizione che si rinnova ogni anno a settembre portando in paese musica, stand gastronomici e l’allegria di un avvenimento creato per fare aggregazione.

Come arrivare

Si deve percorrere l’Autostrada A4 MilanoVenezia, uscire a Padova Est e seguire le indicazioni per Correzzola; in treno bisogna arrivare alla stazione di Padova, posta sulla linea ferroviaria Milano – Venezia; collegamenti bus previsti; aeroporti disponibili risultano il Marco Polo di Venezia, il Catullo di Verona e il Canova di Treviso.

Cortesia foto: www.lacortehotel.info
  •  
close