Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Albettone

Albettone (Veneto): visita alla localitą e la pista sci

Pagina 1/2

Collocato in provincia di Vicenza, nella zona intermedia fra i Monti Berici e le propaggini nord-occidentali dei Colli Euganei, la piccola località di Albettone sorge su un territorio nel quale ripetuti scavi archeologici hanno riesumato centinaia di reperti in grado di individuare le probabili origini del luogo in epoca romana pur abitato già nell’antichità antecedente.

Origine del nome

Il suo curioso nome da fumetto deriva da “Al Betone”, ricondotto al toponimo bodo, cioè "fossato", in relazione ai corsi d’acqua come il Bisatto che vi scorrono attraversando il paese.

Proprio per la cospicua presenza d’acqua, fu possibile storicamente dare costanti impulsi all’economia e al commercio particolarmente fiorenti lungo il canale, tant’è che si rese necessaria l’edificazione di varie torri di controllo, tra le quali oggi sopravvive La Colombara, bastione a guardia del porto.

Il preambolo porta a ogni modo ad attestare la nascita del borgo intorno al 983, circostanziale a un castello che sorgeva sul Colle Castellaro ma andato purtroppo distrutto fra il XIII e il XIV secolo durante la guerra anteponente Padova e Vicenza.

Cosa vedere ad Albettone

Poco male, poiché la contemporaneità può oggi ammirare altre belle costruzioni, in maggioranza ville signorili come quella adibita a Municipio comunale, Villa Negri De Salvi, affascinante nonostante sia stata più volte rimaneggiata nel tempo allontanandosi dalla propria originaria veste architettonica.

Fortunatamente è rimasta intatta la sala al piano terra, riccamente affrescata da Giovanni Antonio Fasolo. Villa Ricci Manfredini – che molti in paese hanno rinominato Ca’ Brusà – è stanziata invece nella frazione di Lovolo e sì, essa conserva il suo impianto medievale che farebbe pensare sia stata ai primordi della sua esistenza una sorta di fortilizio ben adattato.

La vicina Chiesa di San Michele avvia il discorso sul rappresentativo manipolo di chiese sparse ad Albettone e dintorni, presentando ai turisti la gemma del parterre ecclesiastico, ovvero la Parrocchiale della Natività di Maria Vergine, ricostruita nel 1860 su un vecchio impianto risalente al XV secolo. Per importanza le fa eco la Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo su cui in passato s’addossava un ospedale scomparso nel XIV secolo.

... Pagina 2/2 ... La Chiesa di San Silvestro è più distaccata rispetto alle altre due, prende posto a Lovertino insieme alla chiesetta dei Santi Vito e Modesto, già presente nel 753 se non addirittura prima, considerata dal compianto archeologo Lorenzonla gemma dei Berici”.

Pista sci sintetico a Albettone

A ottobre 2016 è stato inaugurato un impianto di sci sintetico, con una pista che può essere utilizzata anche fuori stagione invernale grazie allo spargimento di neve in polietilene. Il progetto, denominato “My dream”, prevede una piattaforma di 120 metri di lunghezza (che diverrà di 200 metri) e 14 di larghezza che sarà presto implementata con illuminazione notturna, tapis roulant di risalita, una snow park free style zone e persino una linea di discesa Super G.

Questa meraviglia tecnologica vedrà inoltre il sorgere di un resort, un campo da basket, un’area per eventi e ricevimenti, un parcheggio camper e un camping.

Festival, sagre e manifestazioni

L’impianto si trova sul Colle San Giorgio e si prefigge l’obiettivo di incentivare il turismo durante tutto l’anno. L’Amministrazione Comunale, orgogliosa di questa brillante idea imprenditoriale di Nicola Facco e Renato Castellan, ha così lanciato a novembre 2016 la prima edizione del Winter Festival dedicato agli appassionati di sci e snowboard. Altra curiosità riguarda la presenza di un centro Hare Krishna, il Prabhupada Desh, che annovera alcuni adepti presso la popolazione autoctona.

I maggiori eventi nostrani corrispondono alla Sagra delle Rose, manifestazione enogastronomica che a maggio esalta i piatti tipici della cucina locale come la costata e la quaglia alla brace, e la Festa dei Maroni, che il terzo weekend di ottobre a Lovertino crea semplicemente un’occasione di ritrovo al quale molti paesani partecipano chiacchierando e divertendosi in compagnia.

Come arrivare ad Albettone

Da Venezia in auto, imboccare l’autostrada per Milano, oltrepassare Grisignano, svoltare per Valdastico-Rovigo, poi uscire ad Albettone-Barbarano; in treno bisogna arrivare alla stazione di Vicenza e da qui raggiungere Albettone con la linea bus extraurbana per Noventa Vicentina-Montagnana che ferma a Ponte Botti, da cui si può proseguire a piedi fino alla località.


loading...
close