Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Arco

Arco (Trento), nel comprensorio dell'Alto Garda e Ledro

Pagina 1/2

Arco è una ridente località del Trentino Alto Adige, posta appena a nord del magnifico Lago di Garda. Stazione climatica circondata da montagne ricche di fascino, la sua notorietà attraversa la storia al pari della sua bellezza.

Del XVI secolo è la testimonianza estasiata di Scipione de Castro, un portoghese ospite dei Conti d’Arco: “In questo tempo, per quanto si sia ai primi di dicembre, mi par di vivere nel paradiso terrestre, un’eterna primavera di fiori, di frutta, di un mitissimo clima, che mi ridona le forze e la salute... un paese che potrebbe esser cantato da greci e da latini”.

Arco è situata a 5 km dalla sponda settentrionale del lago di Garda, nella conca del Basso Sarca, fiume immissario del Lago di Garda che nasce dai ghiacciai del gruppo Adamello-Presanella. La vicinanza al lago è la principale responsabile di una situazione climatica piacevole come quella descritta da Scipione. La parte pianeggiante, infatti, è un tripudio di parchi e giardini dai toni mediterranei, che contrastano tuttavia con le vette maestose delle Alpi, creando un effetto di magnificenza sublime.

Grazie alla speciale purezza dell’aria, questo paese immerso nella natura, che si allunga in un lembo sottile sino a toccare il lago, ha sempre goduto di fama di clinica naturale, salutare per chi vi si reca.

La parte antica della città cinge le rocce del castello, recentemente restaurato e attualmente visitabile. Sovrasta il paese e guarda i passanti dall’alto la superba mole della Collegiata, di scuola palladiana, iniziata nel 1613 sui resti di un’antica pieve, menzionata per la prima volta nel 1144. A far da corona alla Collegiata ci sono altre belle chiese, distribuite nel centro storico o nella vicina periferia, ciascuna con una storia intrisa di fede e di tradizioni, con le sue particolarità architettoniche ed artistiche. Tra queste vanno ricordate la Chiesa di Sant’Anna, la chiesetta di San Giuseppe e la Chiesa San Bernardino. Infine, per chi ama la pace e la meditazione, a Nord di Arco, all’ombra fresca degli ulivi, si snoda la Via Crucis che conduce al Santuario della Madonna di Làghel.

Oltre alle Chiese meritano l’attenzione del visitatore i numerosi palazzi: Palazzo Nuovo, affacciato sulla piazza principale e scelto come residenza dal conte Francesco d’Arco, vissuto nel Quattrocento; Palazzo Marchetti, il cui primo nucleo potrebbe risalire alla fine del XV secolo; Palazzo di Piazza, ora sede del municipio con un bellissimo portale recante la versione più recente dello stemma di casa D’Arco; infine, Palazzo della Lega e Palazzo dei Panni.

... Pagina 2/2 ... Tra le manifestazioni più importanti di Arco va citato il Carnevale Asburgico, di ricorrenza annuale, suggestiva rievocazione storica della vita rurale dell’ultimo Ottocento in paese, periodo in cui fu meta prediletta per il soggiorno degli Asburgo. Qui i visitatori sono accolti da sfilate di carrozze e dal Gran Galà Asburgico organizzato nell'antico palazzo asburgico affrescato, dove gustare prelibati piatti preparati secondo le antiche ricette della tradizione.
Il tutto è allietato da gruppi folkloristici mascherati e da musicisti. Chi non teme i peccati di gola, inoltre, potrà avventurarsi in una passeggiata enogastronomica di 5 chilometri tra gli ulivi. Non mancano mai le sfilate dei carri carnevaleschi trentini.

Ma l'evento più atteso dell'anno riguarda dicembre e gennaio: si tratta dei Mercatini di Natale, che invadono il cuore di Arco con una quarantina di casette di legno in cui fanno bella mostra di sé prodotti artigianali e gastronomici. Tra i souvenir più caratteristici ci sono le pantofole tirolesi e i maglioni d'alpaca, i giocattoli fatti a mano per i bambini e formaggi e confetture per i buongustai. Caldarroste e vin brulé penseranno a scaldare gli ospiti, mentre gli animali da cortile intratterranno grandi e piccini e le visite guidate organizzate mostreranno al pubblico le bellezze del centro.

Info utili: quando andare e come arrivare ad Arco

Ad Arco ogni stagione regala qualcosa di magico. L’inverno presenta in media pochi giorni di gelo, e le temperature minime in questi giorni non scendono al di sotto di -5°C. Le piogge sono scarse, e la neve cade di rado per rimanere sul fondovalle solo poche ore. In primavera la temperatura sale rapidamente, oscillando di giorno fra i 15 e i 25° C, mentre due notti su tre presentano temperature superiori a 8°C. Verso la fine di marzo inizia a spirare una brezza ristoratrice, che in estate ha l’effetto di rendere il clima piacevole, con temperature medie massime, in luglio, di 28,4°C. L’autunno è, in questa zona, la stagione più carica di piogge, ma nei giorni in cui il sole si concede alto nell’aria frizzante vale la pena di essere nei dintorni: i colori cangianti della vegetazione, le rocce lambite dal sole, le colline costellate di ulivi argentei e, in lontananza, l’azzurro del Garda, si mostrano nella massima bellezza.

Arco è raggiungibile in macchina tramite l'Autostrada A22 del Brennero, imboccando l’uscita Rovereto Sud, seguendo le indicazioni per il Lago di Garda, per poi al bivio del paese di Nago svoltare a destra e seguire le indicazioni per Arco, a 4 Km dalla strada Statale 45 Bis. Se si sceglie il treno, conviene servirsi della fermata ferroviaria di Mori (Rovereto sud), dalla quale è poi disponibile un autobus di linea per Arco. L’aeroporto più vicino è il Catullo di Verona Villafranca, da cui servono in automobile 60 min circa.

01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close