Cerca Hotel al miglior prezzo

Riva del Garda: week end nella Riviera del Benaco

Riva del Garda, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

All’angolo nord-occidentale del Lago di Garda sorge, come il nome suggerisce, Riva del Garda: si tratta di una delle cittadine più importanti e visitate della riviera del Benaco, incastonata, come un gioiello da custodire gelosamente, tra il Monte Rocchetta, sul lato occidentale, e il Monte Baldo, dalla parte orientale.

A incoronare l’accogliente paese affacciato sul lago, concorrono una serie di dettagli paesaggistici dall’attrattiva innegabile: il Lago di Tenno, il Lago di Ledro, con il suo Museo di paleo-etnografia, e le cascate del Varone. Piccola ma incantevole è la frazione di Pregasina, che si presenta timida e quieta ma offre una spettacolare veduta dello specchio d’acqua su cui si sporge.

Quando andare

L’acqua del lago di Garda, più fredda dell’aria circostante nel periodo estivo e dalla temperatura più elevata nei mesi invernali, contribuisce a intiepidire i mesi più freddi e a dare ristoro in quelli normalmente più afosi, rendendo il clima gardesano eccezionalmente mite e temperato. Il clima è infatti submediterraneo, differente da quello degli altri laghi italiani, tanto che si può parlare di un vero e proprio clima benacense. La media delle temperature invernali oscilla tra i 12° e i 18° C, quella estiva tra i 24° e i 30° C.

Come arrivare

Si può raggiungere Riva del Garda sia da sud che da nord, servendosi della statale 12 del Brennero o dell’autostrada A22 (uscita Rovereto Sud - Lago di Garda Nord, distante dal casello 15 km), continuando per la strada statale SS 240. Chi viene da Trento, anziché l’autostrada, può prendere la SS 45 bis. Venendo dal sud del Lago di Garda si può prendere la SS 249. Se si decide di optare per i trasporti pubblici, si può raggiungere direttamente la stazione FFSS di Rovereto, collegata al paese mediante un efficace servizio di pullman. Gli aeroporti più vicini sono lo scalo Catullo di Verona, a circa 90 km; il Marco Polo di Venezia distante 195 km; il Milano Linate a 245 km e, infine, a 60 km c’è il nuovo aeroporto di Bolzano.

Una volta giunti in paese, sarà ora di pianificare un piacevole ed entusiasmante percorso attraverso le numerose bellezze, pronte a farsi ammirare.

Cosa vedere a Riva del Garda

Punto forte di Riva del Garda è la chiesa dell’Inviolata, collocata nel cuore della città, progettata in sontuoso stile barocco da un architetto portoghese. La passeggiata può proseguire verso Piazza Tre Novembre, abbracciata da palazzi in stile lombardo-veneto, autorevoli testimoni di chi occupò il paese in passato: primo fra tutti spicca Palazzo Pretorio, scrigno di varie lapidi di origine medievale, romana o più recente, decorato sulla facciata ad affresco dallo stemma del Principe Vescovo Giorgio III di Neideck. Poco lontano, si viene accolti da Piazza San Rocco, custode dell’inconfondibile vecchio stile della città, con i resti delle antiche mura e delle torri e la Chiesa dei Santi Rocco e Vigilio, in parte distrutta durante la prima guerra mondiale.

All’angolo più orientale, incontriamo la Torre Apponale, culminante con la campana e l’orologio, costruita nel 1200. Inizialmente edificata per essere usata come prigione, usata poi nella prima guerra mondiale come punto di osservazione, dalla cima un angioletto, l’Anzolim de la Tor, veglia sulla città che brulica di vita 34 m più sotto.

La Rocca di Riva del Garda fu costruita nel 1124 per la difesa della città, e con il trascorrere del tempo divenne sempre più importante come presidio militare, tanto da essere trasformata in caserma dagli austriaci e ospitare, attualmente, il museo civico. Degne di attenzione sono Piazza Catena, Piazza C. Battisti e Piazza Garibaldi. Da quest’ultima fugge tra le case del borgo via Maffei: un tempo era la via signorile del luogo, e oggi è ancora possibile coglierne la bellezza nei bei palazzi Lutti, Armani, Martini, e Clari.

La strada sfocia infine su Piazza delle Erbe, dominata da Palazzo Bettinazzi e Casa Menghin. Altri trenta minuti di passeggiata sono necessari per giungere al Bastione, fortezza veneta del 1508, da cui proseguire e andare a visitare la chiesetta di Santa Barbara, costruita nel 1935, situata a metà del Monte Rocchetta. Qui l’energia spesa nella camminata viene totalmente ripagata dalla splendida vista panoramica sulla zona del lago.

Eventi, sagre e manifestazioni

Un sentimento comune che anima gli abitanti di Riva del Garda è l’amore per la musica: dopo aver dato vita a due cori bandistici, un coro, una scuola musicale civica, ed essersi fatta sede distaccata del conservatorio Bonporti di Trento, la città continua ad offrire durante l’anno vari appuntamenti musicali. Primo fra tutti il Musica Riva Festival, curato negli aspetti artistici dal celebre soprano lirico Mietta Sighele, che rappresenta un’occasione unica di incontro tra giovani artisti provenienti da tutto il mondo, insieme al concorso lirico “Riccardo Zandonai”.

Per chi non fosse appassionato di lirica, ma preferisse abbandonarsi alle note sofisticate e stuzzicanti del jazz, appuntamento imperdibile sarà il Garda Jazz festival, diretta evoluzione dello storico Torbole Jazz, uno dei primi festival comparsi in Italia.

Dalle tre giornate di concerti delle edizioni precedenti si è passati con il Garda Jazz Festival a tre settimane di eventi, distribuiti nei luoghi più suggestivi della zona, fra Castelli e terrazze sul lago. È ormai diventata tradizione la collaborazione con alcuni locali e pub, per la realizzazione dei Jazz Café, appuntamenti con musicisti provenienti dal tutto il Nord Italia. In più, in questi anni, il Festival, attraverso l'attività della Scuola Musicale Civica di Riva del Garda, ha organizzato seminari tenuti da diversi artisti, che in passato si sono esibiti durante il Festival. Tutta la cittadinanza, insomma, ama sentire risuonare il magico golfo di buona musica, e si impegna per tenere in vita un’abitudine così ricca di sorprese ogni volta diverse.

Con i suoi due porti, Riva del Garda è ben attrezzata per la vela e il windsurf, favoriti dai venti che soffiano costanti per la gioia degli sportivi. La barca "Riva del Garda" ha vinto nel 2002, 2006 e 2007 il giro d'Italia a vela e si è comunque piazzata sul podio nel 2003, nel 2004 e nel 2005, con il rivano Gianni Torboli a controllare il timone.

Persino i ciclisti riconosceranno in questa città un angolo di paradiso a misura di pedalata, grazie alla morfologia della valle, con itinerari unici che si snodano tra alte e imponenti vette e l’azzurro del lago: migliaia di ciclisti di tutte le nazionalità ogni anno si riuniscono per uno dei festival più importanti nell'ambito della mountain bike: il "Bike festival", che ha fatto registrare oltre 20.000 visitatori nell'ultima edizione.
  •  
16 Dicembre 2017 La Mostra del Radicchio Rosso a Mogliano ...

Nel cuore della marca trevigiana, nel comune di Mogliano Veneto, dal 16 ...

NOVITA' close