Cerca Hotel al miglior prezzo

Castellammare del Golfo (Sicilia): le spiagge, il castello e cosa vedere

Castellammare del Golfo, guida alla visita: cosa fare e cosa vedere tra le sue attrazioni. Castellammare del Golfo dove si trova? Cosa visitare nei dintorni, come arrivare e il meteo.

I suoi abitanti la chiamano Casteddammari, mentre per il resto d’Italia è Castellammare del Golfo. In ogni caso si tratta di un’incantevole località marittima siciliana della provincia di Trapani: popolata da circa 15 mila abitanti, incastonata come una perla trasportata dalla corrente nel cuore del golfo a cui dà il nome, alle pendici del Monte Inici, Castellammare è compresa tra Capo Rama a est e Capo San Vito a ovest.

Storia

Sorta nel luogo in cui si apriva verso il mare l’antico porto di Segesta, la cittadina divenne in epoca medievale una massiccia roccaforte militare, resa inespugnabile da un fortilizio innalzato in cima a un promontorio. Ma il vero e proprio nucleo abitato venne realizzato successivamente, in una fase particolarmente fiorente dopo il periodo del regno aragonese: nel 1560 circa venne costruito un borgo fortificato, abbracciato da possenti mura e cinto da un fossato, dominato dall’imponente mole del castello. Affiancato su entrambi i lati da due splendide spiagge, il castello subì varie modifiche nel corso dei secoli, soprattutto in età normanna e sveva: è il cittadino più anziano di Castellammare del Golfo, da cui poi si sviluppò il villaggio tramite la creazione successiva di vari ponti che mettevano in collegamento le diverse zone dell’abitato.

Cosa vedere a Castellammare del Golfo

Chi intraprende una visita del castello troverà, nell’ala orientale dell’edificio, un Museo Etnoantropologico dedicato agli usi e alle tradizioni della civiltà contadina di un tempo, ricco di oggetti della vita quotidiana e di attrezzi per la coltivazione dei cereali, della vite e dell’ulivo, oltre agli utensili per le diverse attività artigianali come quella del fabbro, del calzolaio o del falegname.

Oltre al grande maniero ci sono alcuni gioielli che vale la pena di visitare: nel cuore antico della città si possono ammirare, ad esempio, la Chiesa Madre di Castellammare e la Chiesetta del Rosario, a cui si accede attraverso un magnifico portale decorato realizzato nel XVI secolo.

Per chi si spinge un poco oltre i limiti cittadini c’è un piccolo Museo del Mare a due passi da Cala Marina, di dimensioni ridotte e di recente realizzazione ma molto interessante per chi ama il turismo nautico d’altura e da diporto.

A completare la sua offerta turistica ci pensa il complesso termale delle Terme Segestane, che sfrutta le acque terapeutiche del sito della Magna Grecia, non lontanao dall'area archeologica di Segesta.

Le spiagge di Castellammare del Golfo

Meta perfetta per una vacanza di mare in Sicilia, questa località offre una bella collezine di spiagge da non perdere: partendo da oriente troviamo una bella spiaggia sabbiosa con un fronte di 1,3 km che dai confini del Comune di Alcamo si estende fino alle rocce della Punta di Nord-Est. Procedendo verso occidente si incontrano alcuni lidi privati ma che possono essere raggiunti via mare, ma poi si raggiunge Cala Petrolo, una stretta insenatura dalle acque limpide e calme che va a chiudersi in corrispondenza del Castello Arabo-Normanno.

Superata la zona del porto, al cui culimine troviamo una spiaggia, ma non utilizzabile, si supera inizialmente un tratto di costa rocciosa, non adatto alla balneazione. Sulla punta di questo promontorio troviamo alcune calette meritevoli di attenzione, raggiungibili via sentiero: si tratta della Fosso dello Stinco, prevalentemante rocciosa e di Cala dei Sogni. Seguono più ad occidente le spiagge selvagge di Cala Bianca e Cala Rossa, prima di arrivare ad una spiaggia degna del suo nome in Baia di Guidaloca. Più a nord ci inoltramo in direzione di Scopello ma prima di raggiungerla troviamo la Cala dell'alberello, un tripudio di rocce e ciottoli impreziositi da un piccolo albero che sempra sfidare la natura da una posizione a picco sul mare.

Inoltre Castellammare del Golfo è il trampolino di lancio ideale per chi apprezza la vita in mezzo alla natura più selvaggia e incontaminata. Da qui, infatti, si raggiunge comodamente e in poco tempo la Riserva Naturale dello Zingaro, la prima riserva naturale ad essere stata realizzata in Sicilia: per raggiungerla è sufficiente affittare un motoscafo al molo del paese, e navigare per pochi minuti fino a raggiungere un vero e proprio paradiso di calette pittoresche.
Partendo dalla Tonnara di Scopello, durante l’escursione, si possono infatti scoprire numerose spiaggette dall’anima timida e discreta, silenziose ma splendenti di colori accessi e profumi mediterranei, ed è possibile avvistare un’antica tonnara ormai dismessa.

Eventi, sagre e manifestazioni

Tra le manifestazioni che si organizzano periodicamente a Castellammare del Golfo ce n’è una particolarmente cara agli abitanti del luogo e fortemente radicata nelle tradizioni locali: si tratta della rievocazione storica dell’attacco al porto sferrato dagli inglesi, neutralizzato secondo la leggenda dall’arrivo della Madonna del Soccorso. La celebrazione, solenne e festosa allo steso tempo, si ripete in città ogni due anni.

Come arrivare

Per raggiungere Castellammare del Golfo ci sono varie possibilità. Chi deve prendere l’aereo può atterrare in uno degli aeroporti più vicini, come quello di Birgi o Punta Raisi, mentre chi viaggia in auto deve imboccare l’Autostrada A29 Palermo-Trapani e uscire a Castellammare del Golfo. Chi sceglie il treno trova la stazione ferroviaria cittadina lungo la linea Palermo-Trapani, via Milo, mentre la città è collegata a Palermo anche da un efficiente servizio di autobus.

Clima e quando andare

Una volta giunti a destinazione sarà facile innamorarsi del clima idillico che spira lungo la costa: una brezza marina costante addolcisce la calura estiva, mentre gli inverni si mantengono miti grazie all’influsso benefico del mare. In gennaio, il mese più freddo dell’anno, le temperature medie variano da una minima di 8°C a una massima di 15°C, mentre in agosto si va da una minima di 21°C a una massima di 30°C. Le piogge, quasi assenti durante i mesi estivi, raggiungono l’apice in gennaio, quando si presentano in media per 12 giorni sul totale.
  •  

 Pubblicato da - 11 Maggio 2020 - Riproduzione vietata

News più lette

25 Febbraio 2021 Gite domenicali fuori porta in Campania. ...

Grande, bella e con una personalità del tutto unica che ha varcato ...

NOVITA' close