Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Castelvetrano

Castelvetrano (Sicilia), la cittą dei templi di Selinunte e degli ulivi

Pagina 1/2

I suoi abitanti la chiamano Castedduvitranu e sono fieri dei loro piccoli grandi gioielli: centro agricolo legato alle cose semplici della terra, Castelvetrano è allo stesso tempo grandiosa e nobile per i magnifici reperti archeologici di cui è scrigno. Popolata da circa 30 mila abitanti, adagiata sui rilievi collinari che si increspano tra il fiume Belice e il Delia, Castelvetrano è una bella cittadina siciliana in provincia di Trapani, incorniciata dai vigneti e lucente di ulivi argentati.

A permettere la crescita rigogliosa di filari e uliveti, oltre alla spontanea e profumatissima macchia mediterranea, contribuisce il clima idilliaco tipico del Sud d’Italia: in estate le temperature sono piuttosto alte e invogliano le cicale a cantare, con valori medi compresi tra una minima di 21°c e una massima di 30°C in giugno e luglio; gli inverni si mantengono invece miti, con una minima media di 8°C e una massima media di 15°C nei mese più freddi, gennaio e febbraio. Le precipitazioni, che in inverno sono un toccasana per nutrire la terra di Sicilia, sono molto scarse nei mesi estivi: da una media di 2 giorni piovosi nel mese di luglio, si passa a un picco di 12 giorni di maltempo in dicembre e gennaio.

In una città come Castelvetrano, che si sta attrezzando sempre più per accogliere al meglio i visitatori, protagonista indiscusso rimane il passato: tutto, nel territorio, narra la storia antica della città, diffondendo nel paesaggio unico della Sicilia un’atmosfera sacrale e magica. Fondata dalle antiche popolazioni sciane di Legum e dai veterani di Selinunte, la città porta i segni della civiltà greca e di quella araba, mentre dal 1300 appartenne alla nobile famiglia dei Tagliavia fino al 1800.

Nel centro storico si possono ammirare alcuni monumenti interessanti, come la chiesa Madre che si affaccia su Piazza Garibaldi, fondata nel 1520 e terminata nel 1579, decorata all’interno dalle opere d’arte del Serpotta. Altre chiese da non perdere sono quella del Purgatorio, eretta nel 1642, e quella di San Domenico che si erge su Piazza Regina Margherita, del 1470 ma rimaneggiata più volte nel tempo. Sul lato opposto della piazza c’è la chiesa di San Giovanni Battista, mentre a 4 km circa dal nucleo abitato si incontra la chiesa della SS Trinità di Delia, realizzata nel XII secolo in un giardino tuttora splendido, rigoglioso e piacevolmente ombreggiato.

... Pagina 2/2 ... Tra gli edifici civili si distinguono il Palazzo Pignatelli del XIII secolo, e l’elegante fontana della Ninfa situata in piazza Umberto I. Per gli appassionati di storia c’è il Museo Civico di Castelvetrano, ricco di dipinti e sculture un tempo appartenute a diverse chiese delle zona, tra cui una Vergine con Bambino in alabastro del 1467.

Il pezzo forte della collezione sono però i reperti archeologici rinvenuti nella zona di Selinunte: nel parco archeologico di Selinunte, il più grande d’Europa, compreso nel territorio comunale di Castelvetrano, si ergono imponenti 5 templi di origine greca, che attirano da sempre innumerevoli visitatori e sono famosi in tutto il mondo.

A una storia così vivida si accompagna un’altrettanto sentita attenzione alle tradizioni. A Castelvetrano, infatti, si alimenta da anni una forte devozione per Santa Rita da Cascia e per la spiritualità agostiniana, che dagli anni ’90 trova la maggiore testimonianza nel Corteo Storico di Santa Rita. Non si tratta di una semplice funzione religiosa, ma di un vero e proprio evento teatrale di grande spettacolarità e fedeltà storica, che rappresenta con otto quadri viventi gli otto momenti più significativi della vita della senta.

Per raggiungere Castelvetrano esistono diverse possibilità: Chi viaggia in auto e viene da Palermo deve prendere l’autostrada A29 Palermo-Mazara del Vallo, imboccare la diramazione per Trapani e uscire a Castelvetrano, quindi girare a destra nella E931 e continuare a sinistra lungo la SP81 fino alla meta. Chi viene da Trapani deve fare l’autostrada A29 Birgi-Palermo e uscire allo svincolo per Castelvetrano, per poi seguire anche in questo caso la E931 e la SP81. Gli aeroporti più vicini sono quello di Trapani, a 55 km, e quello di Palermo, a 77 km circa.
loading...
23 Maggio 2017 Festa del Risotto a Villimpenta: la sagra ...

Decine di quintali di riso cucinati dai mastri risottai, una vera e ...

NOVITA' close