Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Levanzo

Levanzo (Arcipelago delle Egadi): vacanza nell'isola del Tirreno

Pagina 1/2

L’isola di Levanzo, gioiello in miniatura della Sicilia e in particolare delle Isole Egadi, si estende sul mar Tirreno per poco più di 5 km quadrati: la si potrebbe percorrere tutta comodamente a piedi, se non fosse per l’assenza di strade, che rende i percorsi un poco più tortuosi ma di fascino indiscutibile. Originariamente conosciuta come Phorbantia, dal nome di una spezia profumata che prosperava nel territorio, Levanzo è parte del comune di Favignana ed è la più piccola isola dell’arcipelago (che comprende anche l'isola di Marettimo), a circa 15 km dal capoluogo di provincia Trapani.

Da lontano pare una scultura di rocce calcaree bianche e friabili, su cui aderiscono come conchiglie le casette squadrate dello stesso colore. Il solo villaggio presente ospita un porticciolo a dimensioni di bambola, inadatto ad ospitare le grandi navi. Il territorio dell’isola si presenta vario, frastagliato e abilmente intagliato dal vento e dal mare nel corso dei secoli, come se fini artigiani vi avessero messo mano per creare un’opera d’arte: il risultato è un susseguirsi curioso di grotte, insenature e calette segrete, il tutto dominato dal promontorio più alto, il Pizzo Monaco, con i suoi 270 metri s.l.m. di quota.

Tra le tante grotte che frastagliano il litorale c’è la Grotta del Genovese, eloquente testimonianza delle antichissime origini dell’isola. Intagliata sul versante occidentale di Levanzo, raggiungibile soltanto in barca o con l’aiuto di un fuoristrada che non tema la fitta vegetazione, si tratta di un’ampia caverna in cui la luce penetra a fatica: appena entrati bisognerà fermarsi un istante per abituare gli occhi all’oscurità, ma poi si potrà finalmente scorgere l’interno e rimanere affascinati di fronte alle pitture murali preistoriche sulle pareti rocciose: una fitta trama di graffiti risalenti al Paleolitico Superiore e al Neolitico narra scene di caccia e di pesca del tonno, oltre a raffigurare scene tradizionali di danze propiziatorie.

Chi giunge a Levanzo è generalmente in cerca di pace e tranquillità, ma anche di sole e di mare: per questo da non perdere assolutamente è Cala Tramontana, raggiungibile a piedi dalle pendici di Pizzo del Monaco. Si tratta di uno degli scorci più affascinanti dell’isola con le sue rocce dai colori surreali, la trasparenza sorprendente del mare, le piante marine che si scorgono dalla sponda e i numerosi pesci che nuotano sotto il pelo dell’acqua giocando con i raggi del sole.
Non è ovviamente l'unica caletta dell'isola: tra le più belle ricordiamo Cala Dogana, su cui si affaccia una graziosa borgata, e Cala Minnola, con gli alberi slanciati e frondosi che si specchiano tra le onde. Verso sera, non bisognerebbe perdere l'occasione di andare a vedere il tramonto sul Faraglione, non distante dal paese, camminando lungo la strada alla sinistra del porto.

Clima
... Pagina 2/2 ... Anche dopo i mesi estivi, il sole e le temperature elevate continuano a stazionare sull’isola: il clima mediterraneo, infatti, regala belle giornate in ogni periodo dell’anno. In estate i valori medi vanno da una minima di 20°C a una massima di 30°C, e le precipitazioni sono pressoché assenti. In gennaio invece, che è il mese più freddo, si va dagli 8°C ai 15°C e le precipitazioni raggiungono un massimo di 65 mm al mese.

Come arrivare
Per raggiungere Levanzo è necessario servirsi della nave o dell’aliscafo: ci si può imbaracare a Trapani con una delle diverse compagnie di traghetti o aliscafi (Ustica lines e Siremar) e giungere a Levanzo facendo tappa a Favignana.
Le corse, garantite tutto l’anno, sono più frequenti nei mesi estivi, da giugno a settembre.
Per chi viene da lontano e deve avvicinarsi con l’aereo, gli aeroporti più vicini sono il Birgi di Trapani (20 km) e il Punta Raisi di Palermo (100 km). Da entrambi gli aeroporti partono regolarmente i bus diretti al porto di Trapani.

Se amate il mare e le spiagge di Levanzo, leggete anche il nosto articolo sulle spiagge più belle delle Egadi.
loading...
24 Aprile 2017 La Uglia di Pignola

La sera che precede la terza domenica di maggio (20 maggio), il centro ...

NOVITA' close