Cerca Hotel al miglior prezzo

Buseto Palizzolo (Sicilia): la spiaggia e la visita alla cittadina

Buseto Palizzolo, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Un lembo di terra fra Erice e Segesta (sito archeologico molto ricco di reperti) offre uno spettacolare colpo d’occhio che si tinge di verde, quello di una macchia mediterranea estesa come tinta allegra di colore nell’angolo più suggestivo della provincia di Trapani. La pennellata urbana di cui ci troviamo a parlare è Buseto Palizzolo, paese di quasi 3.000 abitanti fiancheggiante il Monte Luziano, la più alta delle colline del territorio contemplante anche il Bosco D’Arcudaci (ex Scorace), selva fra le più ampie della Sicilia a fronte di 750 ettari di vegetazione regolamentata e attraversata da sentieri attrezzati confluenti nel paradisiaco laghetto collinare. È un luogo che certamente fomenta il turismo rurale date le ingenti risorse paesaggistiche e gli scorci indimenticabili che accolgono qualunque tipologia di escursione, oltre che offrire la sua vicinanza a blasonati luoghi di villeggiatura come San Vito lo Capo, Custonaci e la Riserva dello Zingaro.

Storia

Anticamente Buseto era feudo di Monte San Giuliano come da concessione scritta di Federico II di Svevia. Esattamente al pari di tantissime realtà sicule, anche la località in questione dovette soggiacere a diverse occupazioni, in primis quella araba, ma fu essa un bene poiché a quel tempo risale l’introduzione di colture importantissime per la futura economia locale, arance, limoni, cotone, gelso e palme attecchenti in terre bonificate, arate e rese pienamente coltivabili. Se s’intende approfondire il viatico di agricoltura e allevamento, allora bisogna visitare il Museo della Civiltà Locale che vuole raccontare con dovizia un percorso di evoluzione lungo centinaia di anni. Lo sviluppo urbanistico e l’assetto dell’area geografica in casali fu invece appannaggio dei Normanni, il cui merito risiedeva nell’organizzazione di attività e assetti politici precisi.

Per lungo tempo Buseto si presentò ai forestieri per quel che effettivamente era, un piccolo agglomerato di case abbracciato dalla calura di una sconfinata campagna trapanese, tal per cui la definizione in centro urbano seguì fedelmente l’iter di crescita demografica verificatasi solo a partire dal XIX secolo e proseguita subito dopo la nomina di Comune a metà ‘900. Da quel momento Buseto Palizzolo ha potuto per così dire sbloccarsi, ovvero svincolarsi da una veste troppo costrittiva per indossare abiti più scollati e accomodare dunque gli avventori in alberghi, agriturismi e varie altre strutture ricettive che rappresentano la base perfetta per compiere viaggi dentro e fuori il paese.

Cosa vedere a Buseto Palizzolo

Buseto riserva un parco di chiese che traboccano di semplicità architettonica, ergo consigliabile una visita anche rapida alla Chiesa di Maria Santissima del Carmelo che sorge proprio nel centro storico insieme alla Villa Comunale (connubio di eleganza e fascino dati da sculture armonizzate in una fine pangea di spazi verdi composti da pini, cedri, oleandri, cipressi e tante altre pregevoli piante), a differenza di tutte le altre formanti una corona inanellata dalle frazioni, e quindi ci riferiamo alle chiese di Maria Santissima di Fatima, Santa Teresa del Bambin Gesù, Maria Santissima Immacolata e Maria Santissima Addolorata che sono ubicate rispettivamente a Pianoneve, Badia, Bruca e Tangi.

Le spiagge nei dintorni

La zona di Buseto Palizzolo può essere un ottimo punto di appoggio per poi andare a scoprire le più belle spiagge del nord-ovest della Sicilia, tutte poste nel raggio di appena 15 km di distanza dal comune.
Le nostre preferite sono la Guidaloca di Scopello, a seguire la spiaggia di Castellamare del Golfo, poi Castelluzzo, le spiagge di San Vito lo Capo e quelle di Alcamo Marina a circa 18 km di distanza.

Eventi, sagre e manifestazioni

Per quanto riguarda le manifestazioni, beh… c’è solo l’imbarazzo della scelta. Segnatevi intanto che il 16 luglio è il giorno della Festa Patronale della Madonna del Carmelo, mentre nel periodo pasquale non è da perdere la Processione dei Misteri con la Via Crucis fatta di quadri viventi. Eventi legati all’enogastronomia fioccano e in prevalenza sono sagre, vedesi la Sagra del Grano a Tangi, la Sagra della Pasta cu l’agghia e sasizza arrustuta (divertente appuntamento estivo), la Sagra della Cassatella e la Mostra Mercato inclusiva della Sagra della Busiata. Fra settembre e ottobre va in scena Sapori d’Autunno.

Come arrivare a Buseto Palizzolo

Da Trapani imboccare l’Autostrada A29 PalermoMazara del Vallo, uscire a Dattilo, proseguire sulla SS 113 in direzione di Fulgatore e infine sulla SP 22 verso Buseto Palizzolo; in treno occorre arrivare alla stazione di Trapani e continuare a bordo di autobus di collegamento; comodi gli aeroporti “Vincenzo Florio” di Trapani e il “Falcone Borsellino” di Palermo.

  •  

News più lette