Cerca Hotel al miglior prezzo

Scoglitti (Sicilia): vacanze sulle spiagge e il mare di Montalbano

Scoglitti, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

L’unica frazione di Vittoria in provincia di Ragusa risplende affacciata sul canale di Sicilia: è Scoglitti, località marina dalle spiagge spaziose dove le dune raccolgono sabbia dorata e finissima. Se oggi Scoglitti è conosciuta per essere stata una località dove sono state girate alcune sequenze della fiction RAI “Il commissario Montalbano” con protagonista Luca Zingaretti (vedi il nostro articolo In Sicilia nei luoghi del Commissario Montalbano), è indubbio che come come località costiera le sue origini risalgano al tempo della dominazione araba.

Origine del nome e storia

Nato sotto il segno delle marcate influenze saracene (nel Seicento compare il primigenio nome Gazirat-el-Haman, traducibile con "Scoglietti dei colombi"), questo piccolo borgo è stato soggetto al regime feudale fino al 1812, conseguentemente poté iniziare a espandersi commerciando vino e sfruttando le risorse ittiche del Mediterraneo nonché di un hinterland particolarmente ubertoso a livello agricolo. Per gran parte del Novecento, assistiamo a un proliferare di magazzini destinati esclusivamente alla salatura del pesce, eppure oggi tali strutture sembrano essere scomparse eccezion fatta per alcuni residuati entrati nel novero dell’archeologia edile. Il XX secolo ha comunque assistito a epocali avvenimenti storici e uno di questi ha coinvolto direttamente Scoglitti essendo esso stato teatro dello sbarco degli Alleati nel 1943 nell’ambito della cosiddetta Operazione Husky per la liberazione dell’Italia dagli occupanti nazifascisti.

Il turismo ha spiccato il volo più o meno a partire dal boom economico di fine anni ’50, cosicché il paese ha saputo farsi trovare pronto caratterizzandosi per un grazioso porticciolo adibito all’ormeggio dei pescherecci ma anche delle barche utilizzate per i tour delle vacanze sul mare della Sicilia. Lungo i piccoli moli e gli spiazzi viene organizzato ogni giorno il mercato ittico, che di per sé va a costituire una formidabile attrazione per quanti sono interessati ad acquistare pesce freschissimo o anche solo a godersi un ritratto di costume della località. Da qui partivano e partono tuttora alla volta di Malta imbarcazioni cariche di vino Cerasuolo, prodotto in grande quantità data la cospicuità di vigneti sparsi per il circondario campestre.

Le spiagge e il mare di Scoglitti

Siamo in una zona geografica davvero ricca di spiagge, tutte bellissime e dagli arenili sinceri appartenenti a realtà sabbiose quali Lanterna, la Baia del Sole e la Baia Dorica, Passo Marinaro e, ancora, La Forestale, Cammarana e Costa Fenicia, bagnate da un mare limpidissimo e vivamente consigliate dai pediatri italiani per portarci i bambini, tanto che da anni questi litorali sono insigniti della Bandiera Verde. Codeste spiagge si estendono per chilometri a perdita d’occhio, alcune attrezzate ad hoc, altre assolutamente libere e selvagge, insomma per tutti i gusti e le occasioni. Se la natura appaga per le sue delizie spontanee, la cultura soddisfa per uno sfoggio architettonico non sfarzoso ma decisivo nei termini di una conoscenza pressoché completa del territorio, delle sue tradizioni e delle annesse sfumature e tendenze.

Cosa vedere a Scoglitti

Non è dunque soltanto il comprensorio di dune bianche ad attrarre il turista né unicamente gli stabilimenti balneari: ci si concede nell’arco di una vacanza seppur breve la visita a gioiellini come la Chiesa di San Francesco da Paola che ospita dall’Ottocento il culto dell’Assunta di Cammarana, venerata soprattutto dai pescatori; la chiesetta (la più antica del borgo essendo ascrivibile a inizio Settecento) spicca per una facciata esaltata dal barocco campanile a vela e dall’Attraversamento di San Francesco di Paola dello Stretto di Messina, una fine composizione in maiolica di Caltagirone. L’interno appare satollo di statue sacre e alcune tele, un patrimonio comunque esiguo rispetto a quello contenuto nella Chiesa di Santa Maria di Portosalvo, parrocchiale del paese dal 1937. Lungo l’unica navata si mostrano opere d’arte quali la statua dell’Assunta di Cammarana e la statuetta di San Franciscuzzu risalente alla fine del Seicento, ritrovata in mare da un gruppo di pescatori nel XIX secolo. Sotto il basso soffitto a cassettoni fa presenza il grande mosaico.

Eventi, sagre e manifestazioni

È l’estate la stagione delegata a ospitare numerosi eventi che i turisti trovano sempre gradevoli e specchio del folclore locale: tra questi si distinguono indubbiamente l’Estate Scoglittese, la Festa patronale di Maria Santissima di Portosalvo il 14 e 15 agosto, le Tavole di San Giuseppe nel mese di marzo e le varie celebrazioni religiose del Venerdì Santo.

Come arrivare a Scoglitti

Percorrere l’Autostrada per Siracusa/Noto, uscire sulla superstrada 194 per Ragusa fino all’uscita di Ragusa Ovest, continuare per 300 metri in direzione di Comiso e infine imboccare la Provinciale diretta a Scoglitti; la stazione ferroviaria si trova a Catania e da qui bisogna proseguire in auto; gli aeroporti di riferimento sono quello di Comiso e l’internazionale di Catania; in nave si arriva al porto di Palermo e poi si prosegue in automobile o con gli autobus che partono da Piazza Marina e giungono al paese.

  •  

News più lette