Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Lefkada

Lefkada (Lefkas), cosa vedere nell'isola

Pagina 1/2

La quarta isola, per dimensioni, del Mar Ionio. E' situata tra l'isola di Cefalonia e Corfù. Una piccola striscia di mare, separa l'isola dalla regione dell'Acarnania. Per primi i Corinzi scavarono questi fondali, per rendeli più profondi intorno alla metà del VII secolo a.C.. L'accesso all'isola è facilitato da un ponte galleggiante che unisce le due coste del canale. Lefkada deve il suo nome al suo promontorio più meridionale, il promontorio di Lefkata, che nell'antichità era denominato "Lefkas petra" o " Lefkas akra". Ventiquattro isole più o meno grandi, sparse sul mare, costituiscono la provincia di Lefkada. Questo arcipelago in miniatura, con la varietà del paesaggio e le sue particolarità, è una sfida per coloro che amano l'esplorazione.

Il capoluogo dell'isola è stato portato dalla zona di Koulmo, al castello di Aghia Mavra (dal primo decennio del XIV secolo) e successivamente, nel 1684 da Enetò Morosini, nella piana di Amaxikì, dove si trova attualmente. Sorge su di una penisola, circondata da affascinanti specchi di acqua: il canale e la laguna, dove si specchiano le case variopinte, i monti verdeggianti, il cielo.

Più a nord la sottile linea circolare della spiaggia di Ghira con i pochi alberi ed i mulini, interrompono ma allo stesso tempo rendono più intensa la vista dell'immenso Ionio. Il suo tessuto urbano è simile a quello dell'Europa medievale. Il piano regolatore, elaborato dai veneziani, ricorda una "lisca di pesce" - si dice - e costituisce il centro storico dell'attuale capoluogo. Il sistema edilizio di Lefkada è unico in Grecia ma anche in Europa, esempio rappresentativo di edilizia antisismica. Le tradizionali case e le chiese, (basiliche) decorano i vicoletti con i colori smaglianti ed il profumo dei fiori che si riversano dai giardini e dai vasi.

Il lato orientale dell'isola è mite e tranquillo con infrastrutture turistiche ben sviluppate. Qui, le spiagge hanno fondali poco profondi. Baie riparate dal vento si offrono per il rifornimento di imbarcazioni a vela. Kariotes, Lighià, Nikiana, Gheni, Dessimi, Poros, Sivota e Vassiliki attirano la maggior parte dei turisti. Sul lato orientale dell'isola, domina Nidri, la località turistica più sviluppata della regione. Ogni estate pullula di turisti che vi trovano moderne strutture alberghiere, locali notturni, ma anche un panorama impareggiabile con la veduta della baia e della zona circostante.

... Pagina 2/2 ... Davanti a Nidri, vi sono isolotti più o meno grandi. Madouri, che appartiene alla famiglie Valaoritis a Scorpio e Sparti di Onassis, Skorpidis, "isola dei Tafi"), ma anche il promontorio di Aghia Kiriaki, dove è sepolto lo studioso omerico tedesco Dairpfeld, secondo cui Lefkada rivendica il titolo dell'ltaca omerica. Vassiliki si è sviluppata dal punto di vista turistico ma è riuscita a conservare la sua pittoricità. Qui si trova una spiagge delle più note - a livello mondiale - per il wind surf.

Una delle più recenti acquisizioni di Lefkada è la sua marina, la più moderna di tutta la Grecia, che si trova sul lato orientale detla città. Ha la capacità di offrire ormeggio a 500 imbarcazioni. Una struttura completa che disponde di: torre di controllo, edificio multifunzionate, club nautico, complessi di uffici e negozi, piccolo albergo, unità di riparazione e manutenzione di imbarcazioni, ampi spazi adibiti a parcheggio per 455 automobili, spazi per il rimessaggio invernale di 300 imbarcazioni ed anche spazi dedicati al divertimento e spazi di verde attrezzato. Ha una banchina lunga 1.700 metri e molo galleggiante di una lunghezza di 940 metri.

Il lato occidentale si è formato da un enorme smottamento (in epoche geologiche), e per questo motivo il suo aspetto è selvaggio e spettacolare, con rocce scoscese che si gettano in un mare smeraldo. Qui domina il verde. i pini raggiungono il mare, ma anche cipressi, cercis siliquastrurn selvatiche e tutta la varietà di cespugli mediterranei ed ancora olivi e vigneti, ricordo nostalgico della viticoltura che un tempo, costituiva l'occupazione principale degli agricoltori della zona. Alcune tra le più belle spiagge d'Europa, si trovano sulla costa occidentale di Lefkada. Spiaggia di Kastro, Ai Ghianni, Pefkoulia, Milos, Kathisma, Ghialos, Egghremnì, Porto Katsiki. Spiagge sabbiose con acque cristalline, coste dove a volte il verde raggiunge il mare, ed altre tagliate violenternente ed imponentemente da scogliere impressionanti. La costa occidentale termina con il promontorio di Lefkata o Kavo tis Kiràs o anche tis Niràs (secondo la pronuncia dei nativi), dove, era situato il tempio di Apollo, che - secondo la mitologia - fu eretto dal compagno di Ulisse, Lefkos. Sulle sue rocce scoscese, nell'epoca antica, si facevano sacrifici umani, ma la tradizione dice che il salto nel vuoto dal promontorio di Lefkata, era qualcosa di liberatorio dalla passione erotica. Il mito racconta anche che la poetessa Saffo saltò da questo punto nelle acque dello Ionio per liberarsi dal suo amore per Faona.

Per gli appassionati di mare ecco il nostro articolo sule spiagge più belle di Lefkada
close