Cerca Hotel al miglior prezzo

In viaggio a Rodi, l'Isola di Apollo

Rodi, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Rodi ha origine antiche, e il suo nome è entrato nell'immaginario di generazioni di bambini che hanno sognato del suo Colosso, una delle meraviglie del mondo, persa nel tempo dopo un disastroso terremoto.
Rodi è sempre stata un isola importante dal punto di vista strategico e le sue memorie storiche risalgono fin dalla preistoria. Gli archeologi raccontano che fin da subito l'isola si dimostrò un centro commerciale e artistico tra i più importanti della Grecia antica. Tra i vari miti che cantano di queste terre ce ne è uno che vede l'isola scelta direttamente dal dio Apollo (Helios, il sole) che la pretese a Zeus ammaliato dalla magia delle sue coste e delle sue spiagge immacolate.

E il dio Apollo sembra ancora voler baciare questi lidi, regalando un clima decisamente favorevole, con una staione balneare che si prolunga da maggio fino ad ottobre. Nei mesi della calura estiva ci pensa il Meltemi, il vento fresco da nord-est a mantenere il clima respirabile ed alietare le giornate degli amanti del wind-surf.
La presenza costante del Meltemi è testimoniata dall'esistenza dei mulini a vento, creati appunto per sfruttare l'energia costante di questo vento.

Per arrivare a Rodi il mezzo migliore è l'aereo. L'isola è una delle più remote dell'Egeo, a pochi km dalla Turchia, e il viaggio in traghetto risulta molto dispendioso sia come costo che in termini di tempo. Meglio affidarsi ad un ottimo fly and drive, e noleggiare un auto in modo da sfruttare al meglio i chilometri di costa a disposizione. La strada che compie il periplo dell'isola conta circa 180 km in totale ed anche nel periodo di massimo affollamento potrete trovare la spiaggia ideale dove riposare senza troppa confusione e in totale tranquillità

Rodos (Rodi) è la città principale, un vero monumento vivente tanto che la città vecchia è stata iscritta per intero al patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Qui si che l'afffollamento estivo si fa sentire, ma anche il brulicare della gente tende a scomparire davanti a tale bellezza antica, che permea le mura imponenti, il Palazzo del Grande Maestro, i numerosi altri edifici storici e le case bianche con le stradine medioevali su cui si affacciano numerosi negozi. Favvero un luogo tra i più affascinati dell'intera Europa.

Altre località da visitare sono: Lindos, il secondo centro per importanza, famoso per la sua Acropoli, i castelli di Kritinia e Monòlithos, l'antichissima Kamiros, le spiagge di Faliraki e Afandu e moltre alti siti ancora. La baia di Tsambika (vedi foto) è un altro luogo da non perdere, con rocce bianche, acqua turchesi che contrastano con una sabbia dorata di grande effetto cromatico.

  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close