Cerca Hotel al miglior prezzo

Il clima dell'Estonia, temperature e il periodo migliore per un viaggio

Pagina 1/2

L'Estonia è un Paese dell'Europa nord/orientale affacciato sul mar Baltico. Le sue dimensioni sono decisamente piccole: si estende su appena 45.227 km², una superficie che equivale esattamente al doppio di quella dell'Emilia Romagna. Confina a sud con la Lettonia, a est con la Russia mentre a ovest e a nord si affaccia sul mar Baltico. Il Golfo della Finlandia la separa proprio dal Paese più orientale della Penisola Scandinava.

L'Estonia è il più settentrionale dei Paesi Baltici, anche se è più legato alla Scandinavia sia come cultura che come economia e relazioni sociali. La popolazione è di un milione e 300 mila abitanti, concentrati prevalentemente nella deliziosa città medioevale di Tallin, la capitale, dove vivono quasi mezzo milione di persone. Tallin, principale porto del Paese, si affaccia a nord, proprio di fronte Helsinki e la Finlandia: le due capitali sono separate da appena 80km di mare.
Il territorio estone è quasi completamente pianeggiante, con poche dolci colline. Per il 40% del Paese ci sono boschi, con molti laghi e fiumi. Le coste si estendono per quasi quattro mila chilometri e sono molto frastagliate. A largo di queste coste sorgono più di 1.500 isole, tutte molto piccole.

Il lago principale è il Peipsi Järv, al confine con la Russia: la parte estone ha un'estensione di 1.570 km² ma complessivamente è esteso per ben 3.555 km² e per questo è il quarto lago di acqua sorgiva più grande in Europa. Un altro lago molto grande, situato nella parte centrale del paese, è il Võrtsjärv (270 km²). Sul territorio estone si contano circa altri 1.200 laghi naturali, molti dei quali si trovano nel sud del Paese. I fiumi principali sono invece il Pärnu (144 chilometri), il Kasari (112 chilometri), l'Emajõgi (101 chilometri) e il Narva (77 chilometri).

Il clima dell'Estonia, a prescindere dall'orografia del territorio, è freddo, vista la latitudine. Le medie annue delle temperature sono di circa +5°C. Le zone costiere sono le più "miti", ma comunque fredde specie d'inverno. Il clima del Paese non è molto vario, viste le esigue dimensioni dell'Estonia e la sua omogeneità orografica. Le uniche differenze si possono ravvisare proprio tra le zone interne, dall'andamento termico più continentale, e quelle costiere. Nei mesi invernali (febbraio è il più freddo in assoluto), le temperature medie oscillano tra i -5°C delle coste fino ai -10°C delle zone più interne, con settimane intere di valori inferiori allo zero termico sia nelle ore diurne che in quelle notturne. D'estate, seppur raramente, la colonnina di mercurio può arrivare a toccare i +30°C nelle giornate più calde. Le medie, ovviamente, sono molto più basse e di circa +17°C. L'estate è comunque una stagione breve, mentre gli inverni sono molto più lunghi. Ad esempio a Tallin, nella capitale, la media di luglio e agosto, che sono i mesi più caldi, è di +12/+13°C nelle temperature minime e di +19/+20°C nelle massime, mentre a febbraio la media delle massime è di -3°C e quella delle minime è di -7°C.

Le precipitazioni non sono né particolarmente basse, né particolarmente alte. In media, sul territorio estone cadono 650/700mm di pioggia l'anno, e si tratta di precipitazioni concentrate prevalentemente nelle stagioni estiva e autunnale, quando sono frequenti temporali anche intensi, anche se comunque le precipitazioni si verificano in tutti i mesi. D'inverno è rarissima la pioggia e le precipitazioni sono quasi esclusivamente nevose, spesso abbondanti. La zona più piovosa è quella settentrionale, lungo la costa che affaccia sul Golfo della Finlandia.
... Pagina 2/2 ...
Altra particolare caratteristica dell'Estonia è la durata della luminosità: d'estate le ore giornaliere di sole arrivano fino a 19 ore su 24, mentre d'inverno c'è luce solo per 6 ore nelle giornate più corte.

La natura dell'Estonia è molto ricca e varia, nonostante il territorio piccolo e compatto: per quanto riguarda la flora, nel Paese c'è una grande varietà di specie uniche e per quanto concerne invece la fauna bisogna ricordare, oltre agli animali come il capriolo, l'alce o lo scoiattolo volante, altre rare specie di anfibi e rapaci (l'aquila dorata, l'aquila maculata o la rara cicogna nera).

L'Estonia ospita diverse riserve naturali e parchi nazionali; il Parco Nazionale di Lahemaa è il parco principale del Paese, dove si ammirano le due riserve naturali di Koljaku-Oandu e di Laukasoo, tra foreste, antiche paludi, laghetti, fiumi e cascate, nonché caratteristiche ville nobiliari del XVIII secolo. Tra le principali attrazioni naturalistiche c’è il Parco Nazionale di Soomaa che sorge su un’affascinante laguna navigabile sulle Haabja che sono le tradizionale canoe locali. Il Parco di Kadriorg è facilmente accessibile da Tallin essendo distante soli 2 chilometri dalla capitale, qui vi troverete un mondo naturale di grandi alberi da quercia e di ippocastani.

Il periodo consigliato per un viaggio in Estonia è quello estivo, non solo per le temperature che nelle altre stagioni dell'anno sono rigidissime, ma anche per le prolungate ore di sole e per la possibilità (elevata) di assistere all'affascinante fenomeno delle aurore boreali.
Anche nei mesi estivi, però, vi consigliamo di portare in valigia abiti pesanti e adatti alle intemperie: è comunque la stagione più piovosa dell'anno, quindi potrebbe capitarvi di avere a che fare con precipitazioni e temporali, e dopotutto anche le temperature sono basse rispetto agli standard Mediterranei, e la possibilità di avere picchi diurni di +30°C è comunque piuttosto remota. E' molto più probabile avere giornate che in Italia consideriamo primaverili, con massime tra +20 e +25°C e minime comunque sempre inferiori ai +15°C.
loading...
close