Cerca Hotel al miglior prezzo

Nesebăr (Bulgaria): Sunny Beach, le spiagge e la visita al centro storico

Nesebar, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Nesebăr, cittadina di circa 11.000 abitanti affacciata sul Mar Nero, è una delle principali mete turistiche della Bulgaria.
Si trova nel distretto di Burgas, all'estremità orientale del paese balcanico, su una piccola penisola collegata al continente da un sottile istmo artificiale. La città nuova, invece, sorge sulla terraferma.
Dal 1983 il centro storico di Nesebăr (a volte riportata con la dicitura Nessebar) è salvaguardato dall'UNESCO come Patrimonio Mondiale dell'Umanità e anche per questo ogni estate la località viene presa d'assalto dai turisti di mezza Europa.

Storia

L'originale insediamento sorse per opera dei Traci con il nome di Menebria oltre 3000 anni fa, su quella che un tempo era un'isoletta poco distante dalla costa.
All'inizio del VI secolo a.C. la città divenne una colonia greca, di cui si possono ancora apprezzare alcune rovine come l'acropoli, l'agorà e il tempio di Apollo risalenti al periodo Ellenistico. È proprio ai greci che si deve lo sviluppo del porto commerciale.
In epoca bizantina furono costruite chiese e realizzate nuove fortificazioni. La città passò ripetutamente sotto il controllo del Primo Impero Bulgaro e degli stessi bizantini in epoca medievale, fino ad essere conquistata definitivamente dai turchi a metà del XV secolo.
Tra il XVIII e il XIX secolo Nesebăr crebbe molto economicamente grazie agli scambi commerciali che arricchirono la classe dei commercianti, i quali cominciarono a costruire ville sontuose, alcune visibili ancora oggi.

L'immenso patrimonio storico e culturale di cui Nesebăr dispone è alla base non solo del riconoscimento dell'UNESCO, ma anche dell'intensa attività turistica dei giorni nostri.

Cosa vedere a Nesebăr

Qui si mescolano storia e divertimenti, spiagge e antiche chiese.
Se è vero che dal punto di vista architettonico si possono visitare numerose testimonianze del passato, è altrettanto vero che in estate le spiagge che corrono immediatamente a nord e a sud di Nesebăr sono letteralmente invase dai vacanzieri.

Per quanto riguarda il centro storico, districandosi tra gli innumerevoli negozi di souvenir, sono le splendide chiese il vero pezzo forte: la più celebre è la chiesa di Sveti Stefan, situata in ulitsa Ribarska, che fu costruita inizialmente nell'XI secolo, salvo poi essere nuovamente edificata cinque secoli più tardi. L'ingresso (a pagamento) permette di osservare, all'interno, gli antichi dipinti murali.
Anche la piccola chiesa di Sveti Spas (in ul.Aheloi) è accessibile a pagamento: edificata nel 1609, è caratterizzata da alcuni interessanti dipinti murali.
Per chi volesse visitarle entrambe, è possibile acquistare un biglietto cumulativo presso il Museo Archeologico situato in ul.Mesembria n°2, che propone una ricca collezione di gioielli, statue, ceramiche e molti altri oggetti recuperati in questa zona.

I viaggiatori amano fotografare le rovine della Basilica della Vergine Misericordiosa, proprio sul mare all'estremità settentrionale della penisola, di cui oggi rimane però ben poco: oltre alle pietre di quel che muro e di alcune colonne, l'elemento più significativo è l'adiacente torre fortificata.
Ben più suggestiva è la chiesa di Sveta Sofia, costruita nel lontano V secolo d.C. (e successivamente ricostruita quattrocento anni più tardi) nell'ambito di un più grande complesso che includeva anche il sontuoso palazzo del vescovo. Oggi i ruderi della chiesa, liberamente accessibili, sono inseriti in un contesto urbano circondati da case in pietra e legno, bancarelle e bar frequentati dai turisti.
Altrettanto apprezzata da chi visita Nesebar è la chiesa del Cristo Pantocaratore, che presenta gli elementi tipici dello stile architettonico locale, come le strisce orizzontali di pietra bianca e mattoni rossi; tra le sue peculiarità, però, c'è il fregio a svastiche (che non ha niente a che vedere con il nazismo, in quanto è un antico simbolo sacro del Sole). L'edificio, ormai sconsacrato, ospita una galleria d'arte, proprio come la chiesa di Sveta Paraskeva (in ul.Hemus).

Sunny Beach e le spiagge di Nesebăr

Dicevamo della forte attrazione turistica estiva di Nesebăr.
Immediatamente a nord della cittadina, infatti, sorge la principale località balneare della Bulgaria: Slanchev Bryag, meglio conosciuta come Sunny Beach.
Alle spalle della spiaggia, che si estende per 5 km sul Mar Nero, un'intensa cementificazione ha trasformato questo luogo nella patria del divertimento e della vita notturna: orde di giovani e giovanissimi (l'età media di chi la frequenta si aggira indicativamente tra i 20 e i 25 anni), infatti, si riversano nelle strutture ricettive e negli acquapark di questo tratto di costa per trascorrere le loro vacanze, o anche solo un fine settimana.
Sulla sabbia fine della grande spiaggia si possono praticare numerose attività e ogni genere di sport acquatici, come da tradizione in questo tipo di località votate al divertimento: per chi non parla il bulgaro, l'inglese basilare è la lingua franca per interagire con chi ha a che fare con i turisti.
Dopo una lunga giornata trascorsa in spiaggia, alla sera i ragazzi/e si riversano sulle strade nei ristoranti, bar e discoteche per fare festa fino al mattino.

C'è una piccola spiaggetta anche nella parte meridionale di Nesebăr, in prossimità del centro di immersioni subacquee, ma per chi vuole godersi il mare conviene certamente spostarsi a Sunny Beach oppure nelle spiagge meridionali, che cominciano immediatamente a sud dell'istmo e proseguono per un paio di km. La cosiddetta Southern Beach è molto sfruttata turisticamente ed è dotata di stabilimenti che affittano ombrelloni e lettini, ma per chi cerca un po' più di tranquillità conviene spostarsi ancora più verso sud, dove si trova la spiaggia libera.

Come arrivare

Nesebăr è facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici: gli autobus la collegano alle principali località del paese e della costa. La stazione degli autobus si trova appena fuori dalle mura: da qui si può raggiungere in 10 minuti la vicina Sunny Beach (in estate le corse sono molto frequenti, circa ogni 15 minuti), oppure città più distanti come Burgas, Varna o la capitale Sofia.
Esiste anche un servizio di trasporto marittimo mediante aliscafo che collega Nesebăr a Varna e a Sozopol nei mesi estivi con un tempo di percorrenza di circa 30 minuti.
Per chi viaggia in aereo, l'aeroporto di riferimento è quello di Burgas, in località Sarafovo, circa 25 km a sud-ovest di Nesebăr.
  •  

News più lette