Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Kranjska Gora

Kranjska Gora (Monte Cragnisca): tra sci e terme in Slovenia

Pagina 1/2

Dall’alto le case sembrano pecore in gregge, racchiuse nel verde dei pascoli e incoronate da una cinta di montagne; quando invece ci si immerge nell’abitato ci si sente nel cuore di un anfiteatro, circondato dalle alture innevate, protetto dalle Alpi come dalla corolla di un fiore. Siamo a Kranjska Gora, in italiano Monte Cragnisca, villaggio di bambole popolato da poco più di 5 mila abitanti nella Slovenia nord-occidentale, accanto al confine con Austria e Italia. Il paese è adagiato nella valle della Sava, in sloveno detta Dolina, una delle valli più pittoresche di tutta la catena montuosa; ai lati di essa, come sentinelle impettite di una natura possente, si ergono i picchi delle Caranvache e delle Alpi Giulie.

L’atmosfera è quella tipica dei borghi di montagna: il cielo terso sembra fatto di smalto azzurro, e respirare è più rinfrescante che abbeverarsi a una cascata, dissetante per i polmoni abituati alla città. Il silenzio è una trama di suoni dolci: il frusciare delle fronde sempreverdi, lo scampanellio delle mandrie al pascolo, il gorgoglio di una fontanella antica.

Anche il clima di Kranjska Gora, ovviamente, è degno del paesaggio in cui si immerge: di tipo alpino, caratterizzato da inverni lunghi e generosi di neve e da estati brevi, con temperature miti, una costante brezza che spira da est e precipitazioni piuttosto abbondanti, perfette per rinverdire la vegetazione della zona. In inverno la neve può persistere anche per quattro mesi: le minime di gennaio, il mese più freddo, arrivano talvolta a -8°C, per poi salire sino allo zero durante il giorno. Le mattinate estive, invece, si aggirano sui 10°C, che arrivano a 23°C circa nel momento più caldo della giornata. Con queste condizioni, Kranjska Gora (Monte Cragnisca) è la meta ideale per diversi tipi di vacanza: nelle zone più soleggiate della valle sono sempre piacevoli le passeggiate, mentre i versanti che si mantengono all’ombra conservano un manto nevoso soffice e scintillante, pronto ad ospitare gli amanti dello sci.

In effetti la cittadina è nota soprattutto come località di villeggiatura invernale, e ospita ogni anno un evento della Coppa del Mondo di Sci Alpino, la Vitranc Cup, che consiste in una gara di slalom gigante e di slalom speciale maschile. Nella valle di Planica, poi, c’è uno dei trampolini da sci più grandi del mondo. Da vedere, per stare in tema di montagna e sport invernali, il Museo del Triglav in località Mojstrana: qui le numerose foto, i documenti e gli oggetti tipici locali illustrano la storia alpina delle Alpi Giulie orientali.

Ma a Kranjska Gora non manca neppure la cultura, e le testimonianze storico-artistiche sono più di quante ci si possa immaginare: anche chi è stanco di sciare o di esplorare la montagna troverà pane per i suoi denti, e potrà soddisfare le proprie curiosità sulla vita quotidiana e le vicende passate locali.

Da vedere la Ruska kapelica, una piccola cappella in legno realizzata dai prigionieri russi nel 1916 circa, per ricordare i caduti in guerra. Tutt’intorno alla cappella ci sono le tombe di quei russi che persero la vita a causa di una slavina, quando l’intero accampamento venne raso al suolo. Un monumento interessante è quello a Jakob Aljaz, prete, compositore e alpino di Kranjska Gora, che si trova presso lo svincolo per il villaggio di Dovje, mentre i curiosi della cultura locale apprezzeranno la Liznjekova hisa, un’abitazione di oltre 300 anni che oggi ospita una ricca collezione etnografica.

Dove sciare?

Da Kranjska Gora sono raggiungibili, nel raggio di 30km, 4 comprensori sciistici: il comprensorio sciistico Kranjska Gora Fine stagione (di cui fa parte), il comprensorio sciistico Tarvisio Fine stagione (a 16 Km), il comprensorio sciistico Vogel Fine stagione (a 23 Km) e il comprensorio sciistico Sella Nevea Fine stagione (a 26 Km).

Per le nevicate previste e l'innevamento delle piste consultate:
» il Bollettino neve Kranjska Gora.
» il Bollettino neve Tarvisio.
» il Bollettino neve Vogel .
» il Bollettino neve Sella Nevea.
... Pagina 2/2 ...
Tra le chiese che costellano il centro spicca per importanza e bellezza la Chiesa della Madonna dell’Ascensione, eretta nel 1570 ma con un campanile più antico, risalente a una costruzione precedente in stile romanico. Secondo la leggenda, infatti, la prima chiesa di Kranjska Gora sarebbe stata realizzata in epoca molto antica, ed era dedicata alla Madonna sulla Ghiaia Bianca. La costruzione di oggi è invece di fattura tardo-gotica e l’influsso carinziano è ben visibile nell’arco della navata, sostenuto da colonne interne e decorato con impareggiabile raffinatezza.

Uscendo dal centro del paese e immergendosi nella natura, ci si accorge subito che le piste da sci non sono l’unica attrazione. Tutt’altro: a offrire una grande varietà di itinerari c’è il Parco Nazionale del Triglav, l’unico parco nazionale della Slovenia, di 84.805 ettari di estensione. Il parco prende il nome dall’imponente Monte Triglav (in italiano Tricorno), il più alto del paese e simbolo della nazione, ed è attraversato dalla Savica e dalla Soca (Isonzo).

Tra gli scorci più suggestivi di quest’oasi naturale ci sono le Cascate di Martuljek, alimentate dal fiume omonimo e costituite da tre salti, e le Cascate di Crne Vode.

Ed ecco che, dopo lo sci, le escursioni e le passeggiate culturali viene il momento dello svago e del relax: per assaporare le tradizioni e gli usi locali, se si ha la fortuna di trovarsi a Kranjska Gora nel periodo giusto, vale la pena di partecipare a una delle tante manifestazioni che vi si organizzano durante l’anno. Aldilà degli eventi sportivi ci sono le giornate di Kekec, a giugno, dedicate alla famiglia e ai divertimenti per i più piccoli, la festa paesana di Ratece a metà agosto, e l’Aljanzevi dnevi a fine agosto, una rassegna culturale.

Raggiungere Kranjska Gora (Monte Cragnisca) non è difficile: dall’Italia chi sceglie l’auto deve prendere l’autostrada A23 Udine-Tarvisio, uscire a Tarvisio, passare l’ex valico di Ratece e seguire le indicazioni fino a destinazione. Per chi sceglie il treno, invece, la stazione ferroviaria più vicina è quella di Jesenice, a circa 20 km dalla meta, da cui si può proseguire con gli autobus locali. Per arrivare in treno a Jesenice, partendo da Venezia Mestre, occorrono dalle 4 alle 6 ore con almeno un cambio di treno. L’aeroporto più vicino è quello di Brnik/Ljubljana (Lubiana), a 66 km, da cui partono quasi ogni ora gli autobus per Kranjska Gora.
loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close