Cerca Hotel al miglior prezzo

Bozouls: il borgo sul canyon nel sud della Francia

Bozouls, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Siamo nell'Occitania, l'antica regione che si estende tra Francia, Spagna e Italia, la terra che ha datto origini alla lingua d'Oc, quella usata dai poeti-trovatori a cui lo stesso Sommo Poeta si ispirò nella prima parte della sua vita artistica.

Per la precisione siamo nella parte francese, nell'antica Provincia del Rouergue, oggi conosciuta come Dipartimento di Aveyron. Siamo quindi nella Francia meridionale, nel cuore della regione dei Midi-Pirenei, una delle più affascinanti di tutta la Francia e che conta infatti più di 20 siti turistici riconosciuti a livello internazionale per le eccezionali caratteristichestorico-paesaggistiche.

Il Canyon di Bozouls

Il Trou de Bozouls, ovvero “il Buco di Bozouls”, è uno di questi ed offre al visitatore attrattive veramente uniche. Si tratta di un anfiteatro naturale scavato nelle alte falesie, un vero e proprio canyon a forma di ferro di cavallo che vanta un diametro di ben 400 metri e una profondità di 100 metri. In fondo scorre il Dourdou, un piccolo torrente che ha scavato con pazienza la gola nel corso dei millenni, e sulle sue pendici è abbarbicato il piccolo borgo di Bozouls, dalla piazza principale del quale si può godere di una vista veramente impressionante, anche nel senso etimologico del termine.

La leggenda vuole che il meandro fossile di Trou di Bozouls sia stato scavato da Lucifero in persona, a testimonianza di quanto stupefacente sia la spettacolo paesaggistico che questo sito offre agli occhi dei visitatori. Henri Rechatin, il funambolo più famoso del mondo conosciuto con il nome di Henry's, ha scelto più volte questo canyon per dare vita alle sue straordinarie "passeggiate nel vuoto".

Il castello di Bozouls

Il borgo è sorto intorno ad un imponente castello i cui resti svettano su un promontorio roccioso; la fondazione del maniero sembra possa essere ricondotta addirittura al IX secolo e le cronache storiche raccontano che il borgo di Bozouls è stato una roccaforte ambita e prestigiosa, sede di molte famiglie nobiliari fino alla fine del XV secolo. Alla fine del '400 entra a far parte della Corona di Francia nei tempi in cui il sovrano era Luigi XII della Casa di Valois-Orléans.

In seguito fu teatro di scontri di guerre di religione portate dai calvinisti che in questa terra che da sempre si opponeva ai sovrani ed al dominio francese trovarono terreno fertile per la loro protesta.

Cosa vedere nel borgo di Bozouls

Nel corso dei secoli sono stati costruiti gruppi di case sui margini e sulle pendici del canyon, apparentemente in modo disordinato anche se ciò conferisce, se è possibile, ancora maggior fascino al borgo di Bozouls. Infatti anche nella veste contemporanea il piccolo villaggio evoca scenari cavallereschi suggestivi e spettacolari che perfettamente si integrano con le strutture più moderne sorte negli ultimi anni.

Un patrimonio storico, architettonico, geologico e botanico ed una sintesi artistica assolutamente unica al mondo accolgono il turista che si avventura alla scoperta di Bozouls.
L'Église Sainte Fauste è forse il principale monumento: di origine romanica presenta una navata unica con cinque campate e cinque piccole cappelle perfettamente conservate. Sullo steso sperone roccioso su cui si trova la chiesa si può visitare anche il quartiere chiamato “Château”, il cuore storico dell'agglomerato urbano in cui si possono visitare i resti del Castello, smantellato ai tempi delle guerre religiose.

Due torri invece si trovano a guardia dell'ingresso della gola che dà accesso ad un passaggio scosceso che porta in fondo al canyon, strada che fin dai tempi più remoti veniva utilizzata per raggiungere il fiume sottostante, lungo la sponda del quale si trovano sette mulini alimentati dalla fonte di Alrance che fornisce anche l'acqua potabile al villaggio.

I dintorni di Bozouls

Una vacanza a Bozouls significa fondamentalmente rimanere incantati dallo scenario naturalistico e dalla ricchezza geologica del sito, anche se non mancano le occasioni più ludiche: passeggiate organizzate lungo il canyon ed escursioni nel territorio circostante, ricco di borghi pieni di fascino, grotte rupestri, città fortificate, cattedrali ed abbazie antiche e perfettamente conservate. Piste per il cicloturismo, sport d'acqua e turismo fluviale sono solo alcune delle tante attività che il turista più esigente può praticare a Bozouls e dintorni.

Immancabile infine una visita a Conques, la cui abbazia è considerata il capolavoro dell'arte romanica, a Belcastel, uno dei borghi più belli di tutta la Francia, nonché la stessa Rodez, la capitale del Dipartimento che con la sua Cattedrale di Notre-Dame in arenaria rosa propone uno dei capolavori dell'arte gotica. A Bozouls non mancano poi caratteristici ristoranti che propongono viste mozzafiato sul “trou", dove si potrà gustare l'estofinado, un piatto tipico a base di baccalà, patate, noci , panna e uova, o la truffade, la ghiotta specialità culinaria della zona a con patate e toma fresca, o l'ampia selezione casearia di prestigio internazionale che comprende Le Blu des Causses e Le Grotte del Roquefort o ancora, per concludere, il Gâteau à la Broche, il dolce allo spiedo a forma di abete che viene cucinato sulla fiamma del caminetto.

Come arrivare a Bozouls

In auto. Percorrere l'A75 ed uscire a Sévérac-le-Château, proseguire quindi sulla D911 prima e la D28 poi, uscire a Gabriac e proseguire fino a destinazione.
In treno. La stazione più vicina è quella di Rodez, a circa 20 km.
In aereo. Gli aeroporti più vicini sono quello di Rodez-Marcillac, a soli 30 km, e quello di Aurillac-Tronquières, a circa 70 km.
  •  

 Pubblicato da - 27 Gennaio 2017 - Riproduzione vietata

News più lette

close