Cerca Hotel al miglior prezzo

Algajola in Alta Corsica: tra mare e spiagge della Balagne

Algajola, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Algajola o Algaiola (italianizzato) è una località marittima locata nella Corsica settentrionale, comune di 306 abitanti facente parte integrante dell’arrondissement di Calvi. Questa città costiera della Balagne può essere tripartita in zone con attrattive e caratteristiche piuttosto omogenee ma recanti decisivi tratti distintivi: abbiamo il centro urbano, ordinario, molto vivibile e con il suo personale gioiello che ha le fattezze della quattrocentesca chiesa di San Giorgio, unico luogo di culto per la popolazione residente che custodisce da secoli una deposizione dalla croce realizzata dal Guercino e dichiarata per sontuosità e importanza monumento nazionale nel 2004; il passato ricco di storia riverbera vividamente sui resti di vecchi bastioni e sulle mura della cittadella, lascito del XVII secolo che fiero s’affaccia rimirando l’orizzonte marino di sconfinata propensione; infine vi è l’area più turistica e minimale, il litorale, irrorato da onde spumeggianti di un mare talmente azzurro da essere confuso con il cielo, al quale fa da specchio imperituro.

Tornando però per un attimo alla cittadella, non si rimane indifferenti a quella fortezza imponente che la rappresenta, dotata di un’ampia terrazza e di una scalinata di granito che conduce a un settore contraddistinto dalla presenza delle caligiose segrete, dette altresì gabbie. Il castello, componente di quella che una volta era una piazzaforte genovese, è oggi proprietà privata.

La cittadina che così romanticamente si fa descrivere risale a ben vedere dalle testimonianze all’epoca dei Fenici. Un’era che ha dato il là a una lenta ma inesorabile emancipazione di un paese la cui vocazione gli ha permesso di assumere le sgargianti vesti di stazione balneare alquanto animata specialmente in primavera ed estate, stagioni in grado di esaltare i punti più belli e panoramici, il grazioso porticciolo “San Damianu” (si dice che vi sia transitato perfino San Paolo attraccandovi la sua barca) e le minuscole vie intestine dai colori accesi.

La sua estetica seducente calamita l’attenzione dei Francesi ma anche dei villeggianti italiani, che vedono in Algajola una gemella di molte splendide mete della vicina Sardegna, con il vantaggio di poter risparmiare molto soggiornando per lunghi periodi, dalla quindicina all’intero mese, il che non è male se si pensa alla disponibilità economica della maggioranza delle famiglie in periodo di crisi generale.

La spiaggia più vicina sottostà alla cittadina regalando tintarelle e bagni ai natanti che ne calcano la sabbia bianca e fine, apprezzatissima dalle combriccole con bambini e anziani al seguito. 1 km di litoraneo compiacimento consente inoltre lo svolgimento di numerose attività sportive, escursioni, immersioni, snorkeling e pesca subacquea, concedendo parentesi di surf e kite surf grazie a soffi di vento immancabili, sufficienti per volgere una bizza climatica in eccitante divertimento giovanile.

Algajola è la cosiddetta terra di mezzo fra l’Île-Rousse e Calvi, il punto di riflessione che ha sviluppato nel tempo due affascinanti volti: quello di un piccolo villaggio fortificato e il suo alter ego moderno, rivenziale nei confronti dei trend vacanzieri ed elasticamente poliedrico nella doppia funzione statica-dinamica.

Spazio poi a informazioni meno didascaliche e più prosaiche per chi intende fruire della capacità ricettiva di Algajola, la quale ospita più strutture a ridosso del mare: l’hotel Beau Rivage non è abbordabilissimo ma riserva camere spaziose e una vista eccezionale dalla terrazza panoramica, certamente gradita in proporzione alla spesa giornaliera per persona; l’hotel Saint-Joseph, con curioso orientamento perpendicolare al mare, è il tipico albergo per famiglie ma assicura tutti i servizi essenziali e una calma che ripaga senza dubbio la scelta.

Sovviene poi una domanda incalzante: cosa si mangia ad Algajola? Per questo conviene rivolgersi agli specialisti del settore, i proprietari del ristorante U Castellu, dotato di tavolini all’aperto proprio di fronte alla fortezza e all’interno di un’antica cantina con soffitto a volta e muri in pietra per conservare al meglio etichette di vino qualitativamente buono. Si serve pesce, tanto pesce, il prodotto a km 0 nelle sue sfaccettate forme: possibile gustare antipasti freschi come l’insalata di polpo e il granchio al gratin, ma anche piatti di terra che gravitano su carne di cinghiale, manzo e maiale, preceduti da portate di pasta sempre più richieste.

Come arrivare
Algajola è raggiungibile percorrendo la N197 in direzione Calvi, strada per la quale si rende necessaria un’auto, tutt’al più una moto, ergo si consiglia di imbarcare l’una o l’altra sul traghetto in modo da essere pienamente autonomi una volta approdati in terra corsa.
  •  

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close