Cerca Hotel al miglior prezzo

Theoule sur Mer (Teula): guida alla piccola località della Costa Azzurra

Tra le città e le cittadine più o meno estese che si schierano lungo la splendida Costa Azzurra, vale la pena di conoscere la piccola e discreta Théoule sur Mer, una cittadina di appena 1.300 abitanti ma ricca di attrattive e circondata dall’abbraccio di un paesaggio unico. Appartenente al dipartimento delle Alpi Marittime, nella regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra, Théoule sur Mer vanta dei vicini di casa prestigiosi: ad appena 12 km si incontra la famosissima Cannes, mentre a 40 km circa si trova Nizza.

Sempre accanto alla cittadina, a nord-est rispetto ad essa, sorge Mandelieu La Napoule. Signore di Mandelieu era, nel V secolo, Eucher Gaulois, che possedeva tra l’altro proprio Théoule sur Mer. A quei tempi Théoule era un porto di pescatori a cui si accedeva via terra tramite un piccolo sentiero detto “Trayas”, di appena una trentina di abitanti. Nel 1898 si formò un sindacato di proprietari decisi a difendere i diritti della loro borgata: fu Monsieur Hourlier, all’epoca proprietario del Castello e direttore del Journal di Lyon a concretizzare questo ideale con l’aiuto di Monsieur de Latenhière. Nel 1902 il presidente del Touring Club francese permise che la strada nazionale che tagliava queste terre venisse chiamata Corniche d’Or, e nel 1929 Théoule venne ufficialmente riconosciuta come comune.

La Corniche d’Or è ancora oggi una delle più belle strade panoramiche d’Europa, un nastro argenteo che costeggia il Mediterraneo attraverso una natura dai toni caldi e vivaci e una miriade di cittadine da esplorare. Raggiungere Théoule sur Mer non è difficile: chi sceglie di viaggiare in auto dovrà prendere l’autostrada A8, imboccare l’uscita 40 per Mandelieu la Napoule e dirigersi verso il lungomare. Una volta sul lungomare sarà sufficiente prendere la direzione per St. Raphael e seguire la RD6098 fino a Théoule. Se si preferisce il treno si può decidere di scendere alla stazione di Cannes, per poi servirsi dei mezzi pubblici. Infine chi opterà per l’aereo atterrerà all’Aeroport International de Nice-Cote d’Azur.

Una volta giunti alle porte del villaggio non resta che lasciarsi inondare di sole, nel clima mite e accogliente di questa terra che pare non conoscere l’inverno: meta perfetta per le vacanze in quasi ogni mese dell’anno, la piccola Théoule è colpita dalla pioggia raramente e le temperature, anche in gennaio, non scendono al di sotto dei 4°C medi. Soltanto da ottobre a gennaio le precipitazioni aumentano un poco, ma in compenso per tutto il resto dell’anno si può godere di un clima davvero favoloso: i mesi più caldi sono luglio e agosto, con 18°C di temperatura minima media e 27°C di massima, ma se si pretende il meglio si potrà optare per il periodo che va da aprile a giugno o per il mese di settembre: il calore e la luce del sole saranno ugualmente magiche, ma l’aria si manterrà a temperatura piacevole e mai afosa per l’intero arco della giornata.

Un clima così benigno consente di apprezzare le bellezze naturali del luogo, concedendosi un bagno in mare, una passeggiata in spiaggia o un percorso di trekking, ma non bisogna sottovalutare le attrazioni ti carattere artistico e culturale: la cittadina è infatti costellata di opere d’arte dalle linee moderne ed essenziali, che affiorano nelle strade e nelle piazze come elementi naturali dle paesaggio, quando meno ce le si aspetterebbe.

Da citare la “Nascita della donna vista da Sallan”, scultura imponente realizzata nel 1990 poco lontano dalla stazione; la futuristica fontana di Lechevallier che domina la Piazza Générale Bertrand, creata nel 1987; il Tempio di Paradiso e Diana, dedicato alla principessa che viveva sulle colline dell’Esterel, costruito vicino al Porto della Rague da Popoy nel 1995; la grande Croce Lorenese che ricorda lo sbarco delle truppe alleate nel 1944 e molte altre sculture.

Un piccolo gioiello che vale la pena espugnare è poi la chiesa di Sainte-Germaine del 1927, dedicata alla giovane santa. Più antico, del XVII-XVIII secolo, è invece il Castello di Théoule. Dello stesso periodo è il contrabbandiere che dà il nome alla grotta naturale a forma di arco detta la Grotte de Gardanne.

Tra le manifestazioni che si svolgono annualmente in città si ricordano il festival del pesce in febbraio; la festa della scrittura che si svolge in giugno e che ha fatto attribuire a Théoule il soprannome di “città della calligrafia”; il festival del teatro Palais Bulles di Pierre Cardin che si tiene tra la fine di luglio e l’inizio di agosto; “Théoule arte e vino” che in ottobre regala un piacevole itinerario artistico accompagnato dalle delizie dei vini locali, a molto altro ancora.

Fonte foto, cortesia:wikipedia
Autori: Gilbert Bochenek,
  •  

 Pubblicato da - 15 Gennaio 2009 - © Riproduzione vietata

close