Cerca Hotel al miglior prezzo

Iquitos: guida alla città del Perù e ai parchi della foresta Amazzonica

Pagina 1/2

Un manto verde che si estende dalle pendici delle Ande verso est, dove unica regina incontrastata è la natura, qui indomita e selvaggia. Al di là della Cordigliera delle Ande, dopo aver oltrepassato le cime innevate e il freddo altopiano, ecco comparire la più importante riserva ecologica della Terra che per oltre metà della sua estensione occupa il territorio peruviano: la Foresta Amazzonica, paradiso qui ancora semi inesplorato che vale la pena scoprire con escursioni che partono da Lima o da Iquitos.

Capitale del Dipartimento di Loreto, Iquitos è il principale porto fluviale del Rio delle Amazzoni ed è la città più grande della foresta peruviana. Raggiungibile solo via aerea o via fluviale, basta passeggiare per il suo lungo Boulevard e ammirare gli eleganti e lussuosi edifici come l’Hotel Palace, di stile Art Noveau e la casa di Ferro, disegnata dal famoso architetto francese Gustave Eiffel o le magnifiche casonas ricoperte di maioliche costruite durante il boom del caucciù nel XIX secolo, per rendersi conto che questo luogo pittoresco gode di una solida identità architettonica. In contrasto con queste costruzioni, quelle del quartiere Belén, definito la “Venezia dell’Amazzonia” dove le case galleggiano su piattaforme e palafitte per proteggersi dalle piene del fiume.

Una delle più importanti attrazioni della zona è la navigazione dalla foce del Rio delle Amazzoni lungo i sistemi fluviali che formano la foresta Amazzonica a bordo di lussuose e caratteristiche imbarcazioni fluviali del XIX secolo, anche se non può mancare una visita alla Riserva Allpahuayo-Mishana e alla Riserva Pacaya-Samiria, per scoprire aree ancora intatte dal punto di vista naturalistico. Per chi desidera trascorrere un breve soggiorno ad Iquitos, suggeriamo l’unico hotel 5 stelle, El Dorado Plaza Hotel (www.grupo-dorado.com), dove potrete trovare i migliori confort e le più moderne attrezzature, oltre ad una squisita cucina a base di piatti nazionali e internazionali.

Riserva Nazionale Allpahuayo-Mishana: un angolo verde da scoprire.
A solo 20 km da Iquitos, percorrendo una via asfaltata, si giunge alla Riserva Nazionale Allpahuayo-Mishana che si estende su una superficie di oltre 57.000 ettari. Costituita nel 1999, questa Riserva possiede un’enorme ricchezza biologica molto diversificata, con ecosistemi unici nell’Amazzonia peruviana come i boschi di varillal e chamizal di sabbie bianche che ospitano numerose specie di piante e animali endemici. I ricercatori hanno segnalato che l’area possiede il maggior numero di specie di alberi per ettaro (circa 300) e il di rettili (120 specie), oltre a 145 specie di mammiferi, 477 di volatili, 83 di anfibi e 28 specie minacciate come la lontra, l’aquila arpia, il tocón nero, la scimmia guapo rojo e l’armadillo gigante (specie propria dell’America Latina meridionale).
Per chi si addentra nella foresta e vuole vivere l’esperienza di trascorre alcune notti circondati da questo immenso manto verde, l’ExplorNapo Lodge offre abitazioni in stile naturale ed ecologiche, con la possibilità di realizzare escursioni di alcuni giorni nella natura incontaminata, oppure in un accampamento primitivo, l’ExplorTambos Camp, nella zona più profonda della selva vergine, con la possibilità di ospitare fino a 16 persone in rifugi individuali (www.explorama.com.pe).

Riserva Nazionale Pacaya-Samiria: la foresta degli specchi.
... Pagina 2/2 ...Situata di fronte al porto di Nauta, punto di incontro dei due grandi fiumi Marañón e Ucayali, si trova la Riserva Nazionale di Pacaya-Samiria, raggiungibile dopo circa 4 ore di navigazione da Iquitos. Con i suoi 2.080.000 ettari di superficie è la più estesa di tutto il Perù ed è dominata da pianure che durante la stagione delle piogge (da novembre ad aprile) si inondano periodicamente trasformando la foresta in un incantevole quanto strano paesaggio boschivo-lacustre in cui si riflette il cielo; non a caso è anche chiamata “Foresta degli specchi”.
Il parco è di incomparabile bellezza e al suo interno si trova l’incantevole Laguna El Dorado, uno specchio d’acqua dove i delfini di fiume rosa e grigi guizzano allegri increspandone la superficie, le aquile pescatrici attendono sornione di agguantare prede e i caimani riposano in attesa della caccia notturna.

Sono più di mille le specie vegetali che formano i boschi del Pacaya-Samiria, ma forse ciò che maggiormente attira e affascina il visitatore è la sorprendente varietà della fauna. Nella riserva vivono almeno 102 specie di mammiferi, 449 di volatili, 147 di rettili e anfibi, oltre a pesci che, con le 256 specie sin’ora riconosciute, costituiscono la più importante risorsa per le popolazioni della zona. Oltre ai delfini e ai caimani, i boschi e i fiumi del parco sono abitati da giaguari, dai coloratissimi e chiassosi pappagalli guacamayos, dalle scimmie di differenti specie, dal bradipo, dalla gigantesca anaconda, dalla nutria gigante e dal molte altre specie. La Riserva venne creata negli anni ’80 allo scopo di salvaguardare le comunità indigene originate dall’unione delle etnie autoctone dei Cocama e dei Cocamilla con i primi pionieri attratti nella zona dal boom del caucciù e di proteggere i complessi ecosistemi amazzonici, la fauna e la flora silvestre.
Ai confini della riserva Pacaya-Samiria, il Pacaya-Samiria Amazon Lodge dispone di accoglienti bungalow, sistemazione ideale per chi vuole visitare la riserva, mentre un percorso su pedane sospese tra alberi collega le diverse zone della struttura (www.pacayasamiria.com.pe).

Vera megalopoli dell’Amazzonia peruviana circondata dal manto verde della foresta pluviale, Iquitos è una città piena di vita che da qualche tempo ha scoperto il turismo e si è aperta ai viaggiatori desiderosi di conoscerla. Non a caso, la prestigiosa guida di viaggi Lonely Planet ha inserito Iquitos al sesto posto della sua classifica, con in testa New York, delle 10 migliori città al mondo da visitare nel 2011. Iquitos offre al turista numerose attrattive, oltre ad un’intensa vita notturna fatta di club e locali che propongono rock e salsa fino alle ore piccole, una gastronomia esotica eccellente e gente ospitale e cordiale e non manca la possibilità di scoprire il fascino della foresta, essendo il principale punto di partenza per la navigazione del Rio delle Amazzoni e per la visita alle Riserve Nazionali della zona.

Fonte: Repubb. del Perù Commissione per la Promozione del Perù
Ufficio Stampa PromPerù - Openmind Consulting
Visita Peru.info
 

loading...
close