Cerca Hotel al miglior prezzo

Viaggi in Giamaica, patria di pirati e leggende

Pagina 1/2

La Giamaica deve il suo nome agli indigeni Taino di lingua Arawakan che chiamarono l'isola Xaymaca: "Terra delle primavere" o la "Terra del legno e dell'acqua". Chi visita la prima volta quest'isola nel Mar dei Caraibi capisce immediatamente il perchè del suo nome.

Il verde degli alberi si spinge sulle spiagge fino a perdersi nel blu dell'oceano.

Ma quali i luoghi da scoprire?
C'è Montego Bay, per esempio o Manteca Bay, la "baia del lardo", come la chiamavano gli spagnoli che qui caricavano barili di grasso animale. Oggi più americanamente si dice "Mo bay". Situata sulla costa nord-occidentale dell'isola è un ottima alternativa a Kingston se si è in cerca di una vivace vita notturna e possiede anche alcune spiagge davvero affascinati.

La spiaggia di Doctor's Cave è uno dei tre piccoli gioielli della città. Il medico inglese Baker scoprì che le acque del mare avevano proprietà curative per le ossa: da quel momento il litorale divenne una delle mete preferite degli americani artritici. Con gli anni e il turismo di massa, però, la situazione è cambiata e al loro posto oggi si vedono belle ragazze mulatte che non hanno certo problemi alle articolazioni.

La spiaggia di Cornwall, che continua verso nord quella di Cave, è frequentata soprattutto dai giovani: un grande albero ospita sotto la sua ombra un bar rifornitissimo e dietro la sabbia un palco promette musica dopo il tramonto.

La terza spiaggia è la Walter Fletcher, meno famosa ma in realtà la più interessante. Non vi troverete nè bar nè musica e per questo la più adatta per un relax caraibico.
... Pagina 2/2 ...
Il cuore di Mobay è piazza Parade, vero centro della vita cittadina: qui si può vedere la Cage, una piccola casetta in mattoni rossi destinata nel'800 a essere prigione per schiavi e fuggIaschi. Tutt'intorno vedrete gente appoggiata ai muretti che parla animatamente, rasta seduti, il furgone (Sound System) dai cui sportelli aperti escono le musiche di Ziggy Marley, Yellowman, Dennis Brown.

Il Craft Market più grande è vicino alle rovine del forte. Non si comprano solamente oggetti in legno,magliette, bracciali e altre cose belle quanto inutili: qui ci sono donne specializzate nel fare le treccine (dreadlocks) e trasformare i turisti in falsi rasta..

Non lontano da qui, tra Mobay e Ocho Rios, è nato James Bond. Ad Oracabessa aveva casa lan Fleming, il suo autore, che candidamente molti anni fa si domandava: "Chissà se i miei romanzi avrebbero mai visto la luce fuori dalla straordinaria atmosfera rarefatta di una vacanza giamaicana? Ne dubito". Aveva classe e scriveva bene, ma non sapeva leggere il futuro. In questa zona ora è tutto marchiato Bond: c'è la piccola ed intima spiaggia dove Connery girò con Ursula Andress "Licenza di Uccidere" e a Falmouth c'è la fattoria con annesso allevamento di coccodrilli dove venne girato "Vivi e lascia morire" con Roger Moore.

Nelle vicinanze di Ocho Rios, presso le cascate del rio Dunn si trova la Dolphin Cove ed è possibile nuotare con i delfini, con l'ausilio di istruttori, in un'esperienza che ricorderete per tutta la vita! Se poi amate l'avventura esistono dei Jungle trails, dei sentieri nella giungla dove poter ammirare la lussureggiante vegetazione e la fauna composita dell'isola.
Tutta la costa sud offre occasione di avventure come presso il fiume nero, The Black River dove è possibile esplorare le paludi ricche di mangrovie e... coccodrilli. Ma c'è anche spazio per il trekking non lontano da Kingston: la catena montuosa delle Blue Mountains vi accoglierà con una vegetazione veramente spessa, forse la foresta più fitta di tutti i Caraibi, e il sentiero che vi condurrà sulla cima delle montagne avrà un dolce sottofondo di canti d'uccelli. Un vero toccasana dopo le ore di reggae che vi avranno accompagnato durante tutta la vacanza! E anche questo è Jamaica.

loading...
22 Maggio 2017 Il Festival degli Aquiloni a San Vito Lo ...

Il Festival internazionale degli Aquiloni è un appuntamento ormai ...

NOVITA' close