Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Ville de Quebec

Ville de Quebec (Québec city): la città e il suo Chateau Frontenac

Pagina 1/2

Non tutti sanno che la prima città francese ad essere fondata nell'intero continente americano si trova in Canada, per la precisione nell'attuale provincia francofona del Québec.
Proprio alcuni anni fa ricorreva il quattrocentesimo anniversario della fondazione di Ville de Québec, avvenuta ufficialmente nel 1608 ad opera dell'esploratore francese Samuel de Champlain, in un punto del corso del fiume Saint-Laurent (San Lorenzo) particolarmente strategico.
Il nome Québec deriva infatti da un termine indigeno che significa “là dove il fiume si restringe”, ed è evidente come all'epoca ciò significasse un notevole vantaggio in termini di controllo del territorio sotto diversi punti di vista, sia militari che commerciali. La storia della città era tuttavia già iniziata nel XVI secolo, quando alcuni tentativi di stabilirsi erano stati effettuati dall'esploratore Jaques Cartier, ma la difficoltà di vivere in un clima tanto rigido e l'ostilità mostrata dagli abitanti nativi costrinsero i primi sparuti coloni a desistere.
Il succedersi delle occupazioni straniere durante i secoli – francesi ed inglesi su tutte – ha caratterizzato la storia di questa porzione del Canada che si protende verso l'Atlantico; vano fu il tentativo delle truppe rivoluzionarie statunitensi di attacco nei confronti della guarnigione britannica di stanza in città nel 1775, con l'obiettivo di cacciare gli inglesi ed annettere così la provincia – ed in seguito l'intero Canada – ai nascenti Stati Uniti d'America.

Dopo secoli di scontri e passaggi di potere, nei quali Quebec City (come è conosciuta in inglese) è stata anche capitale canadese, il Novecento ha visto finalmente stabilirsi la situazione della città, divenuta ufficialmente capitale della Provincia del Quebec. Oggi visitare Quebec City significa innanzitutto andare alla scoperta di una località affascinante, ricca di storia, con caratteristiche architettoniche ben definite – non a caso il suo centro storico è iscritto dal 1985 nella lista dei siti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO – ed immersa in uno scenario paesaggistico veramente spettacolare. Il fiume Saint-Laurent, tra i primi venticinque al mondo per dimensioni, è una cornice naturale che ne delimita la zona meridionale ed offre la possibilità alla città di disporre di un porto nel quale trattate materie prime provenienti da/in partenza per tutto il mondo.

La basse-ville, la zona storica che costeggia il fiume, si concentra soprattutto tra la Place Royale, dove sorge la deliziosa chiesa di Notre-Dame-des-Victories e le vie adiacenti; il quartiere, divenuto fatiscente nel secolo scorso, a metà del XX secolo fu ristrutturato e restituito agli antichi splendori, dei quali ancora oggi se ne possono apprezzare le caratteristiche. A pochi passi dalla piazzetta, inoltre, lo scorcio del grande affresco di 420 metri quadrati che ricopre la parete di un edificio racconta la storia della città e dei suoi personaggi più celebri; lo stile del disegno ricorda molto da vicino alcuni affreschi analoghi della città francese di Lione, in particolare – per chi lo conoscesse – del più celebre che si trova nel quartiere de la Croix Rousse, nella collina che domina la città.
Sempre nella zona storica di Ville de Québec, proprio sulla riva del fiume, la Royal Battery sembra ancora in attesa di sparare; una fila di cannoni puntati in direzione del Saint-Laurent ricorda ai passanti che quella, un tempo, fu una fortificazione inglese. Oggi è proprio dalla banchina antistante che il traghetto (il cosiddetto ferry boat) fa la spola tra Ville de Québec e Lévis, la cittadina che sorge sulla sponda opposta. Questo breve tragitto (la traversata dura circa dieci minuti) è consigliato per quanti volessero scattare qualche bella foto d'insieme della città dall'acqua, ma diventa assolutamente imprescindibile durante i mesi invernali, quando il fiume ghiacciato continua a scorrere impetuoso e la crosta di neve e gelo che lo ricopre si frantuma contro i fianchi dell'imbarcazione. Al momento della nostra visita, non abbiamo avuto dubbi nel constatare come fosse realmente un'esperienza che da sola potesse valere il viaggio in Canada.

Le foto che si scattano a Quebec City comprendono spesso la sagoma inconfondibile dello Château Frontenac, un immenso edificio che domina la città dalla sommità di Cap Diamant. Contrariamente a quanto si potrebbe ipotizzare, il castello non è un palazzo del potere politico o amministrativo della capitale, ma un hotel ideato e realizzato tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo. Data la sua enormità e l'evidente impatto sul panorama e la skyline cittadina, la struttura è stata nominata Sito Storico Nazionale nel 1980.
La salita allo chateau, o più in generale all'adiacente terrazza panoramica conosciuta come Terrasse Dufferin, è effettuabile a piedi mediante la cosiddetta scalinata “spezzacollo” (l'Escalier Casse-Cou), che collega Côte de la Montagne con Rue du Petit-Champlain. La scalinata, costruita nel 1635, seppure ripetutamente riparata e restaurata, è la più antica della città; in alternativa, la soluzione più comoda per salire è quella di prendere la funicolare, operativa dal 1879, che parte a pochi passi dalla scalinata e che in appena un minuto conduce alla Terrasse.

È proprio nelle immediate vicinanze della Terrasse che sorge la maggior parte degli edifici di maggiore prestigio, racchiusi dalle solide mura cittadine.
Le mura di Quebec City con le loro porte ancora intatte testimoniano il passato di fortezza militare della città; ne è un esempio la Cittadella fortificata, edificata a partire dal 1820 dalle truppe inglesi per prevenire attacchi esterni e dove oggi ha sede il Museo Reale del 22° Reggimento e la residenza del Governatore Generale dal 1872.
Le mura, si diceva, difendono il cuore di Ville de Québec per una lunghezza totale di oltre 4,5 km e costituiscono oggi l'unico esempio di città fortificata dell'America Settentrionale a nord del Messico.
Sempre all'interno delle mura sorge anche la Cattedrale di Notre-Dame de Québec, inizialmente edificata nel 1647 ma più volte ricostruita nel corso dei secoli a causa di bombardamenti ed incendi che ne hanno compromesso l'integrità. Non mancano in questo quartiere nemmeno i musei, come il Musée de l'Amérique francophone, il Musée Bon-Pasteur od il Musée du Fort, mentre nella basse-ville il Musée de la Civilisation ripercorre le tappe della civilizzazione del Québec, ed il Musée de la place Royale riporta i visitatori indietro nel tempo fino ad incontrare i fondatori della città.
A Ville de Québec, in quanto capitale, ha sede il potere politico della provincia, e l'edificio che più di gni altro lo rappresenta è il Palazzo del Parlamento, di fronte al quale sorge la Tourny Fountain, donata alla città in occasione del 4oo° anniversario della sua fondazione.

Una veduta spettacolare su Ville de Québec si può avere, come detto, dalle acque del Saint-Laurent, ma chi desiderasse una vista privilegiata dall'alto non dovrebbe per nessuna ragione perdersi la vista dall'Observatoire de la Capitale, situato al 31esimo piano dell'Édifice Marie-Guyart, un grattacielo sito in Rue de la Chevrotière, nella zona amministrativa; qui, ad un'altezza di 221 metri, si può apprezzare a 360° lo scenario urbano di Quebec City e scoprire, attraverso il percorso interattivo, alcune curiosità riguardanti la capitale.

... Pagina 2/2 ... Quebec City non è però soltanto una località da vedere, ma è soprattutto una città da vivere e da “toccare” con mano; in estate le temperature piacevoli invogliano le persone a stare all'aperto e godersi la breve estate tra un festival e l'altro, mentre nel lungo inverno canadese la vita sociale si svolge prevalentemente al chiuso. Nonostante questo, è assolutamente comune vedere gli abitanti intenti in una delle innumerevoli attività sportive che si possono svolgere sulla neve. Mai in nessun altro luogo abbiamo visto le persone fare così tanto sport: jogging (anche con le ciaspole ai piedi, quando necessario), mountain bike, pattinaggio sul ghiaccio ed ogni altro tipo di attività (anche estrema) che la città consente; è il caso ad esempio di una folle gara di downhilll su un tracciato ghiacciato che dalla parte alta della città conduce a tutta velocità in pochi istanti alla zona bassa, conosciuto come Crashed Ice e sponsorizzato da una nota bevanda. C'è poi la gara di Canot à Glace, dove le squadre di canottaggio si sfidano sulle acque ghiacciate tra gli iceberg del Saint-Laurent, e l'immancabile hockey, di cui i canadesi sono campioni incontrastati.
I locali per la nightlife sono disseminati un po' ovunque in città, ma alcune strade come la Grande Allée Est, nella haute-ville, o la più defilata rue Saint-Joseph Est, vantano una grande concentrazione di ristoranti, pub e discoteche, molto frequentati dalla gente del luogo e ideali anche per i visitatori che si fermano in città qualche giorno e vogliono conoscere un po' della vita notturna del posto.

Quebec City è collegata tramite una stazione ferroviaria al resto del paese; l'edificio, conosciuto con il nome di Gare du Palais, funge anche da stazione degli autobus e si contraddistingue per la sua eleganza; inaugurata nel 1916, non è raro infatti che i turisti la confondano per un castello dallo stile rinascimentale francese.
Non lontano dalla stazione si trova anche il mercato del porto (Marché du Vieux-Port) nel quale è possibile trovare i prodotti tipici locali; nei mesi invernali, quando la produzione agricola del paese è praticamente paralizzata, è possibile acquistare merci artigianali e prodotti alimentari come sciroppo d'acero ed ice-wine.

I voli diretti in Quebec dall'Italia (o più in generale dall'Europa) prevedono generalmente uno scalo a Montreal, da dove è necessario prendere un aereo regionale che in meno di un'ora conduce all'Aeroporto Internazionale Jean Lesage di Quebec City, situato nell'estremità occidentale del comune.



Per maggiori informazioni si può consultare la pagina ufficiale di Tourisme Québec:
www.quebecregion.com
oppure la pagina del turismo del Governo del Québec:
www.quebecoriginal.com/it





close