Cerca Hotel al miglior prezzo

Mangiare a Copenaghen: guida sulle novitÓ ristoranti della capitale danese

Pagina 1/2

I turisti fedeli a Copenaghen lo sanno da anni, Copenaghen continua a essere la meta scandinava preferita dai buongustai. L’edizione 2010 della rinomata bibbia culinaria, la francese Guida Michelin, ha conferito in totale tredici stelle ai ristoranti di Copenaghen, vale a dire più stelle di qualsiasi altra città scandinava.

La stellata cucina danese nel complesso è cambiata radicalmente negli ultimi venti anni, unendo alle influenze dal sud-Europa la ricchezza dei prodotti naturali della Danimarca, come gli eccellenti latticini, la qualità dei prodotti, la frutta e la verdura biologica e gli ingredienti freschi delle acque circostanti. Questo cambiamento è stato portato avanti dai ristoranti di Copenaghen che, negli ultimi dieci anni, hanno ottenuto riconoscimenti da scrittori culinari di punta, buongustai e golosi di tutto il mondo. Di seguito segnaliamo alcune novità sulla scena della ristorazione e non solo nella capitale danese: A prescindere dal titolo di cuoco inserito sul suo biglietto da visita, Bo Bech avrebbe tutto il diritto di aggiungerci i titoli di alchimista e inventore. La magia che deriva dalla sua cucina è tale da impressionare anche i critici culinari più blasé. Nel 2009 ha aperto una sua panetteria biologica in centro, Panetteria Bo Bech (www.bobech.net), e dopo sei anni trascorsi nello store disegnato da Utzon (Paustian), nel 2011 ha deciso di riaprire il suo Ristorante Bo Bech nell’elegante piazza di Kongens Nytorv, con un concept totalmente nuovo e unico, mai visto prima in Danimarca. Apertura prevista per luglio 2011.

Restaurant Paustian in Kalkbrænderihavnen non resterà vuoto dopo che Bo Bech ha lasciato. Voci insistenti danno per certo che sarà il gourmet dream-team di Copenaghen Lisbeth & Bo Jacobsen, che gestisce dal 1991 uno dei ristoranti più belli della città, Restaurationen all'angolo di Møntergade e Vognmagergade, a prendere le redini della cucina del Paustian. Manca ancora la firma, ma le contrattazioni sono già a buon punto. Vi terremo aggiornati.

Il celebre Rasmus Kofoed dello stellato Geranium (2007-09), ha riaperto a fine settembre 2010 il Geranium2 (www.geranium2.dk) dove mette in mostra il suo personale stile di cucina biologica: Rasmus Kofoed è un cuoco danese eccellente, vincitore nel 2005 della medaglia di bronzo al Bocuse D'Or (in altre parole i campionati europei dei cuochi), dell’argento nel 2007, fino ad arrivare all’oro nel 2010. La sua cucina è biologica e biodinamica e il suo ristorante si trova nel distretto di Østerbro con un’incredibile vista sul parco. (Immagini sul nuovo ristorante: www.geranium.dk/press/ )

Ancora una volta lo chef René Warn torna sulla scena con uno splendido bistrot di successo, il Sorte Hest (www.sortehestetspisested.dk). Dalla sua cucina a vista prepara piatti con ingredienti di alta qualità e dalla semplicità rustica, che si basa sulla tradizionale cucina danese.

“Trattoria gastronomica” così amano definire i due cuochi Frederik Nilsson e Frederik Hvidt il loro locale Marv og Ben (www.marvogben.dk), aperto lo scorso giugno. Qui preparano pietanze cucinate con ingredienti del loro giardino biodinamico Hanebjerggård nel Nord della Selandia. Servono piatti semplici e quasi rustici facendo attenzione a come ottenere l'essenza delle materie prime, piuttosto che raffinata cucina molecolare.
... Pagina 2/2 ...
Questo inverno per la prima volta il ristorante gourmet Mielcke & Hurtigkarl (www.mielcke-hurtigkarl.dk) nel parco Frederiksberg Have resterà aperto nei giorni da giovedì al sabato (tranne che per 3 settimane a Natale e Capodanno). Con l'inverno Mielcke & Hurtigkarl si cimenta in una disciplina del tutto nuova che andrà ad integrare il loro menu moderno e molto creativo: vale a dire un classico menu di quattro portate per 595 corone - ovviamente alla maniera di Jacob Mielcke - con ingredienti e metodi di cottura classici.

Torvehallerne (www.hallerne.dk) sarà finalmente una realtà nel 2011 dopo un dibattito durato quindici anni. Il progetto prevede un’area di 7000 mq di pavimentazione in granito in Israel Plads su cui sorgerà il mercato coperto di verdura e fiori di Copenaghen. Torvehallerne sarà composto da chioschi di 12.5, 25, 37.5 fino a un massimo di 50 mq, così da garantire la presenza di proprietari piccoli e consapevoli della qualità dei propri generi alimentari. Davanti ai chioschi all’aperto e intorno alle colonne illuminate delle costruzioni in acciaio, saranno piantati alberi di tiglio. Israel Plads è il mercato di Copenaghen dal 1856.




Fonte: Ente Danese per il Turismo
Dal lunedý al venerdý, dalle 14 alle 17: tel. 02 874803
Visita Visitdenmark.it
 

 Pubblicato da il 27/10/2010 - - ® Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close