Cerca Hotel al miglior prezzo

Wasserturm Hotel di Colonia: soggiorno all'interno di un acquedotto

Per quasi 130 anni, l'acquedotto della città di Colonia, in Germania, non aveva attirato una particolare attenzione. Per un po' era stato la torre più alta in Europa, cosa che non aveva richiamato però una particolare attenzione. Tuttavia, nel 1990 l'acquedotto è stato trasformato in uno strano albergo. Il Wasserturm Hotel è oggi una delle principali attrazioni turistiche di Colonia, sia a causa della sua storia, del suo stile e, cosa più importante, perché rappresenta un idea geniale.

L'hotel si trova leggermente al di fuori del centro della città e si impiegano circa venti minuti in taxi partendo dall'aeroporto per raggiungerlo. L'edificio stesso è un vero spettacolo: lo stile classico da edificio del 19 ° secolo della facciata, crea un atmosfera senza pretese di lusso e di stile. Entrando nell'hotel, si può invece rimanere piuttosto scioccati su come è contrastante l'impatto tra esterno ed interno. Il design moderno e l'uso sapiente dello spazio, stupisce immediatamente tutti i visitatori. Andrée Putman, il designer degli interni, che ha lavorato sulla trasformazione della struttura, puntava proprio a tale effetto.

Le camere sono una combinazione di stile e praticità. Ci sono tutti i tipi di camere disponibili, da quelle singole alle doppie, nonché le maisonette e le suite. La geometria della torre consente interessanti esperimenti di design e decorazione d'interni alla moda. Soprattutto il ristorante all'11° piano, chiamato La Vision, presenta una impareggiabile vista sulla città di Colonia. La Vision è uno straordinario ristorante, lodato da molti, ed inoltre è stato premiato con la stella Michelin, un riconoscimento altamente apprezzato, degno di un ristorante di alta qualità.

Il Wasserturm Hotel è un esclusivo ed elegante hotel. Con enorme fortuna, forse, l'edificio sopravvisse ai bombardamenti a tappeto della Seconda Guerra Mondiale, ed ora appartiene alla lista dei più caratteristici simboli di Colonia.

Fonte: Tourism-Review
  •  

 Pubblicato da il 13/01/2009 - 1.951 letture - ® Riproduzione vietata

close