Cerca Hotel al miglior prezzo

Una Puglia da gustare tra le sagre d'autunno nei borghi dei Monti Dauni

Pagina 1/2

Uno dei modi più felici e piacevoli di conoscere un territorio è attraverso la sperimentazione dei suoi prodotti tipici e delle eccellenze eno-gastronomiche, che sempre riservano scoperte intriganti, legate alla tradizione rurale e alla genuinità dei cibi preparati secondo tradizioni che si tramandano di generazione in generazione. I Monti Dauni sono custodi di un mondo di sapori e gusti seducenti ed inconfondibili, di profumi perduti e passione per il mangiar sano, di prodotti della terra da cui traggono origine antiche ricette, ricche di creatività e considerate oggi di alta gastronomia. In questo paesaggio incontaminato della provincia di Foggia, ricco di storia e tradizioni, di boschi lussureggianti e dolci vallate, percorriamo insieme il cammino del gusto e prendiamo parte alle numerose sagre che si celebrano tutto l’anno per conoscere prodotti e piatti tipici e vivere un’esperienza gastronomica appagante.

FAGIOLO DEI MONTI DAUNI MERIDIONALI.
Il fagiolo dei Monti Dauni Meridionali è uno dei tesori gastronomici di questi luoghi. Dal colore bianco avorio, altamente digeribile per la sua buccia sottile, saporito e coltivato biologicamente secondo i metodi tradizionali di semina e raccolta, il Fagiolo è stato inserito nell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali.
Sagra del fagiolo e delle castagne: in occasione dei festeggiamenti per San Celestino Martire, viene allestita il secondo sabato di ottobre la tradizionale sagra dedicata a due ingredienti principi del territorio di Bovino, i fagioli e le castagne. Numerosi banchetti e tavolate arredano il quartiere “Sotto le Mura”. Il fagiolo viene anche presentato in occasione della Sagra del Maiale e quella del Prosciutto che si svolgono a Faeto in febbraio e agosto, dato che da sempre s’accompagna ai derivati del maiale. Famosi e ricercati, infatti, sono i fagioli con la cotenna di maiale e la cicoria selvatica.

Dove dormire, degustare e acquistare
B&B Il Trifoglio, Bovino – tel. 347 4895141; gaetanonicastro@tiscali.it
Tenuta Capaccio, Bovino – tel. 340 2600484; 340 2600492; tenutacapaccio@tiscali.it www.agriturismocapaccio.it
Ristorante Antico Frantoio, Bovino – tel. 0881 961169-961745
Ristorante Ballarò, Deliceto – tel. 0881 963126
Azienda agroalimentare Mangiotangi a Faeto – tel. 347 7880088 infotiscali@mangiotanti.it - www.mangiotangi.it

LA MUSCITAGLIA, DOLCE DEI MORTI.
La Muscitaglia è un dolce tipico che viene preparato per la festa dei defunti. La sua ricetta ha origini molto antiche e i suoi ingredienti sono ricchi di simbolismi, come il grano bollito, vino cotto, chicchi di melograno, gherigli di noce e pezzi di cioccolata, simboli di fertilità ed abbondanza ma anche onoranza e rispetto dei defunti a cui chiedere protezione ed abbondanza. Il nome Muscitaglia stesso, sia in greco che latino, parrebbe essere composto dalle parole Mosto di vino e Talia, ovvero grano e abbondanza.
Festa “Fuca coste e cocce priatorje”: il centro storico di Orsara di Puglia è teatro di una delle feste più suggestive di questi territori, ovvero la festa dei “fuca coste e cocce priatorje”. Il primo novembre, non appena fa buio, vengono allestiti in ogni angolo del paese grandi falò di arbusti di ginestra che ardono numerosi per tutta la notte e che vengono organizzati quale atto di cortesia nei confronti dei defunti. Accanto alle abitazioni si appendono le zucche antropomorfe con una candela accesa all’interno e le vecchiette, prima di andare a dormire, portano in casa un po’ di brace del falò e la depongono nel camino o in un braciere. La leggenda narra che le anime dei defunti ritornano fra i vivi per raccogliere le ceneri dai fuochi ed espiare così i peccati commessi in vita. Si tratta della festa pagana di più antica tradizione di questa terra.

Dove dormire e degustare
B&B Il Girasole, Orsara di Puglia – tel. 0881 964556; 340 9613395
Locanda dell’Angelo, Orsara di Puglia – tel. 0881 968045; e-mail: ameffoggia@libero.it www.albergoristorantelalocandadellangelo.com
Ristorante Peppe Zullo, Orsara di Puglia – tel. 0881 964763; www.peppezullo.it; e-mail: info@peppezullo.it
... Pagina 2/2 ...Ristorante Medina, Orsara di Puglia – tel. 0881 964044; www.orsara-medina.it; e-mail: gigi@orsara-medina.it
Ristorante Donna Cecilia, Orsara di Puglia - tel. 0881 964388; www.donnacecilia.it; e-mail: info@donnacecilia.it

IL MAIALE NERO.
La carne di maiale nero risulta essere meno grassa e calorica rispetto a quella di altri maiali. Per questo gli allevatori del territorio producono numerosi prodotti ottenuti con questa carne, dal Prosciutto di maiale nero ad insaccati tipici dei Monti Dauni, usata anche per la preparazione di piatti e menù tipici.
Sagra del maiale nero dei Monti Dauni: la “Féte de lu Cajunne” si svolge a Faeto la prima domenica di febbraio, dove è possibile assaggiare tantissime specialità a base di maiale della razza “nera” autoctona, come il soffritto, piatto tradizionale servito con pane unto e dorato nel grasso di maiale. Immancabile la “depilazione del maiale”, per entrare in pieno nelle tradizioni locali.

Dove dormire, degustare e acquistare
Albergo Piano delle Noci, Faeto – tel. 0881 973014; e-mail: cgirardi@fastwebnet.it
Agriturismo Pirro, Troia – tel. 349 1723891; www.agriturismopirro.com; e-mail: info@agriturismopirro.it
Ristorante Fontanelle, Celle di San Vito – tel. 334 9285857 – 0881 972347
La Locanda di Tuleje e Mmaleje, Roseto Valforte – tel. 333 8521378; e-mail: russo.cecco@tiscali.it
Ristorante Moreno, Faeto – tel. 0881 973205; www.prosciuttodifaeto.it; e-mail: info@prosciuttodifaeto.it

E per i più piccoli, o per gruppi, laboratori gastronomici presso i Centri Visita dei Monti Dauni.
Laboratorio gastronomico a Monteleone di Puglia specifico per le scuole: ha lo scopo di avvicinare i ragazzi alla riscoperta della cultura e della tradizione contadina e pastorale. Durante le attività i bambini possono ripercorrere le fasi di trasformazione del latte, degustare i prodotti tipici, conoscere gli animali da allevamento, visitare l’azienda agrituristica e scoprire la macchia mediterranea dei Monti Dauni meridionali passeggiando lungo Bosco Selvamala.
Natura Storia e Sapori della Daunia presso il Centro Visita di Faeto: circondato da boschi di faggi, querce e tipica macchia mediterranea, Faeto accoglie il visitatore in una natura incontaminata. Qui il torrente Celone crea l’umidità giusta che consente la stagionatura lenta del prosciutto crudo. Poco distante si apre l’ampia valle detta Valmaggiore in cui è Castelluccio, alla scoperta di nuovi profumi e antichi sapori.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI E PROGRAMMI DETTAGLIATI:
www.montidauniturismo.it - info@montidauniturismo.it – Tel.: 333 8609919

 Pubblicato da il 11/10/2010 - - ® Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close