Cerca Hotel al miglior prezzo

Cartolina postale, in calo, tranne che in Gallura

Nell'era di internet e delle email, dei cellulari e degli sms, della tecnologia che ci segue ovunque e la penna non sappiamo nemmeno più cosa sia, ecco spuntare una notizia che ci fa ricredere, o forse no? L'invio delle cartoline, immancabile rito prima del rientro a casa della vacanze, negli ultimi dieci anni è sceso in Italia del 63 per cento. Apparsa per la prima volta il 1° ottobre 1869, emessa dalle poste austriache con l'obbiettivo di sostituire, per la corrispondenza più "telegrafica", le lettere a tariffa più onerosa, negli ultimi anni ha subito una concorrenza impari e sembrava destinata a scomparire.

La tendenza non è stata invertita, ma un comune della Gallura, ha alzato notevolmente la media. Secondo le Poste Italiane, questa estate da Olbia ne sono state spedite ben 700.000 e altre 500.000 dai Comuni della zona. Il dato ha attirato l'attenzione, perchè la Sardegna, sebbene richiami molti turisti, non detiene il record della regione con più visitatori (che spetta al Veneto, grazie a Venezia). E quindi a cosa dobbiamo tutto ciò? Secondo Piero Orecchioni, capo dell'Ufficio del turismo di Santa Teresa di Gallura, il motivo sono i tantissimi punti vendita di cartoline e souvenirs e il fatto che questi restino aperti fino a tardi, mentre di internet-point, ce ne siano veramente pochi.
  •  

 Pubblicato da il 02/10/2007 - 2.297 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close