Cerca Hotel al miglior prezzo

Boom turistico all'Isola di Pasqua, i Moai in pericolo?

Pagina 1/2

Le giganti statue di roccia vulcanica chiamate Moais, attirano la stragrande maggioranza dei visitatori dell’isola di Pasqua. L’isola chiamata anche l’ombelico del mondo sta vivendo un boom turistico, e alcuni temono l'attacco di outsider potrebbe richiedere un pedaggio sul molto le cose vengono a vedere, le gigantesche teste di pietra noto come Moais.

"Più turismo, più degrado. Più visitatori, più perdite", ha detto Susana Nahoe, un archeologo che è stata in collegamento tra il Servizio nazionale del turismo del Cile e la comunità scientifica dell'isola prima di lasciare il posto due anni fa, citando delle "differenze di valori."

"Siamo al punto in cui ora, o noi proteggiamo ciò che abbiamo oppure lo si perde", ha detto.

I Moais già devono lottare contro una moltitudine di nemici naturali. Sole, vento e umidità sono gli elementi che un po’ alla volta “”mangiano” le loro caratteristiche. Molti sono stati poi afflitti da dai licheni e dal muschio.
La Nahoe ha aggiunto che la maggior parte dei turisti sono attenti a non danneggiare i Moais, ma alcuni inconsapevolment,e tentando di salire su di essi, aggravano il deterioramento naturale. Altri purtroppo li sfregiano deliberatamente, come ha un turista finlandese che è stato poi multato di una cifra poco più superiore ai 10.000 euro, dopo che aveva staccato un lobo di orecchio lobo da una statua nel mese di marzo scorso.

Che cosa si può fare di meglio per proteggere i Moais è una domanda difficile da rispondere. Già la stessa loro storia solleva questioni irrisolte.
... Pagina 2/2 ...
E’sconosciuto il motivo per cui sono stati costruiti i capi, come sono stati eretti, cosa sia successo ai loro occhi e quale catastrofe della civiltà di Rapa Nui abbia costretto improvvisamente la gente a smettere di costruire i Moai e addirittura quelli che avevano completato.

Coloni arrivati dal Isole Marchesi a nord tra 400 e 600. Società fiorita fino a circa 1680 e Moais probabilmente sono stati costruiti per onorare capi tribali. Ma è diventata risorse scarse come la popolazione è cresciuta. Quando isolani abbattere tutti gli alberi, scoppiata la guerra tribale, con il cannibalismo e tirando verso il basso dei Moai.

Resta il fatto che ora i Moais sono nuovamente in pericolo. L’isola di Pasqua ha solo 4000 abitanti, conro i 52000 turisti che hanno visitato Rapa Nui nel 2007, fino al 20 per cento in più dal 2006 e quasi 10 volte in più rispetto ai livelli del 1990. Isola di Pasqua è stato un patrimonio culturale mondiale dell'UNESCO dal 1995

L'isola ha 1524 siti archeologici, tra cui il 887 Moais, di cui solo circa 50 sono stati restaurati. La riparazione e la re-immissione in posizione verticale dei Moais può provocare su di loro un deterioramento più rapido in quanto rimangano più esposti rispetto alle statue che rimangono a faccia in giù o sotterrati. Fonte: CNN

 Pubblicato da il 26/06/2008 - 3.673 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close