Cerca Hotel al miglior prezzo

Le spiagge pił belle del Circeo

Quando si parla di Circeo, la primissima cosa che viene in mente è, ça va sans dire, il Parco Nazionale. Nato nei primi anni ’30 del secolo scorso, è un insieme di diversi ambienti e biosfere che comprendono non solo specie animali, ma anche laghi, ambienti umidi, un’isola incontaminata, flora e, addirittura, dune che s'affacciano sul limpido mare del Lazio.

La vegetazione che lo contraddistingue, estremamente eterogenea, si presenta come tipicamente mediterranea, rigogliosa e ricca, ma anche piante rupestri, macchia alta, grotte e foreste di pini, lecci e querce da sughero, tra le altre. Il Parco del Circeo è, quindi, un luogo in cui la natura è preservata e protetta, anche a seguito dell’inserimento dello stesso nell’elenco dei siti Riserva MaB dell’UNESCO, cioè Man and the Biosphere. Un programma rivolto a migliorare il rapporto, spesso “conflittuale”, tra l’uomo e l’ambiente, con lo scopo ultimo di preservare e ridurre al minimo la perdita di biodiversità.

Ma oltre la natur qui trovate una serie di perle balneari, alcune delle quali da inserire tra le spiagge più belle del Lazio! Ecco le nostre preferite.

Spiaggia della Bufalara, Sabaudia


Quasi sconosciuta, questa tre le spiagge più belle del CIrceo, lunghissima e dalla tipica sabbia a grana fine e dorata, si trova sul lungomare di Sabaudia e prende il nome dalle bufale che pascolano libere e allo stato brado nei suoi pressi. Il mare azzurro è molto pulito, trasparente e pressoché sempre calmo e il lido è circondato da una fitta e colorata vegetazione composta per lo più da macchia mediterranea. Per raggiungere la riva è necessario salire sopra delle passerelle di legno che conducono alla spiaggia vera e propria. Nonostante l’indiscussa bellezza del luogo, la spiaggia è scarsamente frequentata anche durante i periodi di alta stagione. Trattandosi di un lido inserito all’interno di un parco naturale, non sono presenti servizi né punti ristoro. Da segnalare, infine, che al termine della strada che conduce alla spiaggia si trovano sia un parcheggio a pagamento che posti auto lungo la carreggiata, liberi e gratuiti. Da qui, per raggiungere la spiaggia si deve percorrere un breve sentiero selvaggio che passa attraverso le dune.
Selezionata perché: fare il bagno ammirando, poco distanti, le bufale che pascolano libere è un’emozione da provare.
Come arrivare: la Spiaggia della Bufalara si trova al termine del lungomare di Sabaudia, subito dopo la Spiaggia di Torre Paola.

Spiaggia di Torre Paola, Sabaudia


Lunga, dorata, ricoperta da morbide dune e macchia mediterranea, la Spiaggia di Torre Paola è sia libera che attrezzata ed è particolarmente frequentata dagli amanti del surf. Nonostante sia battuta dai venti, le onde non sono mai troppo alte e, quindi, anche i più piccolini potranno cimentarsi in divertenti lezioni di surf. Il paesaggio che si apre a perdita d’occhio è selvaggio e incontaminato, la sabbia fine è ideale per i giochi dei bimbi e il mare è pulitissimo.
Selezionata perché: il Ristorante Saporetti è un must per lasciarsi deliziare da piatti di terra e mare.
Come arrivare: da Sabaudia, percorrere tutto il lungomare in direzione del Promontorio del Circeo. In prossimità della Torre, lasciare l’auto nel parcheggio a pagamento e proseguire a piedi.

“Spiaggia” La Rinascente, San Felice Circeo


Non una vera e propria spiaggia, in realtà La Rinascente è una falesia (ma una delle più famose della zona!) del promontorio del Circeo. Il mare qui è così puro e cristallino che sembra una immensa piscina naturale, il fondali sono ricchi e variopinti e gli scogli, piatti per lo più, consentono di stendere teli da mare e fare lunghi bagni di sole. Apprezzatissima da amanti di immersioni subacquee e praticanti dello snorkeling, La Rinascente è sconsigliata alle famiglie con bambini meno che adolescenti. Non sono presenti, per ovvie ragioni morfologiche, né servizi né punti ristoro.
Selezionata perché: si trova nei pressi della Grotta delle Capre, un altro must naturale di chi visita questa zona.
Come arrivare: dal centro storico di San Felice Circeo, proseguire in direzione del Faro del Circeo. Alle indicazioni per la Grotta delle Capre, svoltare a sinistra e parcheggiare l’auto. La prima discesa che si incontra è quella che conduce a La Rinascente.

Grotta delle Capre, San Felice Circeo


Punto panoramico e storico d’eccezione è da qui che, secondo la leggenda, la Maga Circe lanciava le sue malie e i suoi incantesimi. Una delle più grandi grotte del Promontorio del Circeo, è alta ben 15 metri e per questo, un tempo, veniva usata come rifugio per le capre (o almeno è questo che si racconta), durante i giorni particolarmente inclementi. La zona è interamente composta da grandi sassi e scogli che si tuffano nel mare cristallino, ricco di pesci e fauna sottomarina. Ideale per gli appassionati di snorkeling, è invece sconsigliata alle famiglie con bambini. Proprio a sinistra della Grotta delle Capre, inoltre, si trova la Grotta Azzurra, più piccola, ma altrettanto suggestiva: qui il mare assume tonalità verde-smeraldo davvero uniche.
Selezionata perché: al suo interno sono stati addirittura ritrovati reperti fossili di animali tropicali come gli ippopotami.
Come arrivare: dal centro di San Felice Circeo prendere Via del Faro e, alla prima traversa sulla sinistra, imboccare Via della Grotta delle Capre e percorrerla tutta fino all’arrivo ai parcheggi. Lasciare l’auto e proseguire a piedi. Il sentiero pedonale è ben segnalato.

Spiaggetta del Porto, San Felice Circeo


Piccolo e raccolto, questo lido si trova sotto Torre Fico, una delle prime torri costiere erette in questa zona. Nonostante la sua vicinanza al porto, le acque di questa spiaggia sono pulitissime e trasparenti e, proprio per questo, è molto frequentata in estate. Piccola, con stupendi fondali sabbiosi e popolati da innumerevoli pesci, la spiaggia è interamente libera, ma nei suoi pressi si trovano bar, ristoranti e anche un piccolo supermercato, ideale per prepararsi in autonomia snack veloci, ma gustosi. A pochi metri dal lido, poi, ci sono numerosi posti auto, in corrispondenza del piazzale del Porto Turistico.
Selezionata perché: è bellissima, oltre ad essere una valida alternativa ai lidi vicini e attrezzati, abbastanza costosi.
Come arrivare: la Spiaggetta del Porto si trova in Via Ammiraglio Bergamini, 124, a San Felice Circeo.

Spiaggia del Prigioniero, San Felice Circeo


Una delle calette segrete e nascoste più belle del Circeo, la Spiaggia del Prigioniero prende il nome da un fatto realmente accaduto durante la Seconda Guerra Mondiale. Vi fu tenuto prigioniero, infatti, un uomo. Oggi è uno scenario naturale tra i più interessanti e suggestivi della costa. Sul fondo della caletta si trova una grotta, a due piani, dotata di un piccolo balcone naturale che affaccia sul mare cristallino e pulitissimo. La grotta, negli anni, è stata simpaticamente arredata con mobili, oggetti di riciclo e legnetti portati qui dal mare. Poco frequentata, è un paradiso per gli amanti di immersioni e snorkeling che da qui partono per esplorare le scogliere sommerse.
Selezionata perché: è come trovarsi in una dimensioni parallela, bellissima e pacifica.
Come arrivare: la Spiaggia del Prigioniero si raggiunge unicamente via mare. Va segnalato, infine, che essendo spesso interessata da frane e cedimenti, è altamente consigliato informarsi in loco sull’agibilità o meno della location.

Le Batterie, San Felice Circeo


Questo tratto di costa è caratterizzato da numerose, incantevoli calette naturali, incastonate all’interno di ampie e svettanti falesie a picco sul mare. Col tempo vi sono state aggiunte alcune spianate di cemento, dalle quali d’estate non è inconsueto vedere giovani che si sfidano in gare di tuffi. Qua e là si trovano anche ampi spazi ciottolosi, sui quali si possono stendere asciugamani e godere del sole e del mare. Simili alla Rinascente, queste calette sono consigliate ad adulti e persone capaci di nuotare, mentre sono sconsigliate alle famiglie con bambini. L’acqua è pulitissima e dal meraviglioso color smeraldo. Per la loro particolare conformazione non sono presenti né servizi né punti ristoro.
Selezionate perché: sono il modo più “selvaggio” di vivere il mare.
Come arrivare: parcheggiare l’auto su Via del Faro, in prossimità dell’Hotel Punta Rossa, a San Felice Circeo, e imboccare a piedi la strada privata che porta verso il mare, scendendo lungo la prima discesa che si trova sulla sinistra.

Spiaggia La Bussola, San Felice Circeo


Stabilimento balneare privato, è indubbiamente uno dei migliori per i bambini (l’area giochi dedicati ai piccoli è davvero bellissima e ben strutturata) ma non solo. Curato nei minimi dettagli, accogliente, qui si trova un ampio bar, un’area dedicata alle serate danzanti, per chi desidera vivere mare e sabbia fino a notte inoltrata, incredibili spazi verdi e un ristorante che cucina piatti tipici della zona. Lo spazio tra un ombrellone e l’altro, poi, è più che dignitoso, la sabbia fine e morbida e il mare pulito e cristallino completano l’offerta.
Selezionata perché: qui si tengono anche corsi di surf.
Come arrivare: la Spiaggia La Bussola si trova sul Lungomare Circe, a San Felice Circeo. Sulla strada si trova, infine, un comodo parcheggio gratuito a due minuti a piedi dalla spiaggia.
  •