Cerca Hotel al miglior prezzo

Alla scoperta della Jesolo del turismo lento, a contatto con il territorio

Le città possono avere più volti, alcuni magari meno evidenti di altri, a loro modo paralleli e complementari. Nel caso di Jesolo tutti conoscono le lunghe giornate che passano in un momento mentre ci si diverte in spiaggia, lo spasso quando ci si dedica ad una delle molte attività ricreative della zona, dai parchi a tema alle corse in go kart, o le serate di svago passate a ballare in uno dei molti locali del Lido, quel senso di libertà che, davvero, fa sentire giovani qualunque sia l’età.
Esiste però anche un altro lato di questa località balneare famosa in Italia e a livello internazionale, capace di registrare circa 5 milioni e mezzo di visite all’anno: la Jesolo del turismo lento e dal sapore locale, alla scoperta delle particolarità di un territorio che ha moltissimo da offrire.

In bicicletta


Per gli amanti delle due ruote le opportunità di esplorare litorale ed entroterra non mancano affatto. Esistono infatti percorsi di differente lunghezza e grado di difficoltà tra cui scegliere, ciascuno con le proprie peculiarità paesaggistiche:
  • Il tour lungo i litorali si snoda attraverso ambienti dunosi e bassi canneti
  • Quello storico antichistico tocca le bellezze di Concordia, Portogruaro, Abbazia Benedettina di Summaga, Sesto al Reghena, San Donà di Piave e Chiesanuova
  • Quello dell’antica Litoranea, che interessa i corsi di Sile, Piave e Livenza
  • Quello dell’entroterra jesolano propriamente detto, in cui le grandi valli da pesca lasciano spazio alle ampie distese coltivate
Quattro itinerari che, davvero, possono raccontare di ora in ora, di minuto in minuto, una bella storia di flora, fauna e arte dell’uomo che ancora continua ad essere scritta.

In barca


Salire a bordo di un’imbarcazione è senza dubbio un ottimo modo per cogliere una parte importante dell’essenza del territorio di Jesolo, diviso storicamente, nel suo rapporto con l’acqua, tra attività marine e fluviali.
Noleggiare una barca e visitare i molti luoghi significativi della costa, del Sile e della Laguna Nord, muovendosi tra scenari completamente diversi tra loro, in grado di spaziare tra litorali sabbiosi, rive fitte di vegetazione e barene con bassi arbusti e canneti, è davvero un regalo che si ha il piacere di concedersi.
Se poi, con la giusta organizzazione, ci si volesse concedere qualche ora di birdwatching nel primo entroterra o in laguna, o si condividesse l’esperienza di un’uscita in barca con dei pescatori della zona, allora ci si potrebbe assicurare un’esperienza che rimarrà a lungo molto cara nei ricordi.

Riso


Per chi poi volesse, all’interno di questo strepitoso viaggio alla scoperta della Jesolo dal turismo lento, approfondire l’aspetto agroalimentare del territorio, non si può non segnalare un’eccellenza produttiva nel settore del riso a pochi minuti dalle spiagge del Lido di Jesolo.
Affacciata sulle sponde del Canale Revedoli, in località Torre di Fine, la Società Agricola La Fagiana merita di certo una visita, grazie all’altissima qualità dei suoi prodotti, incentrati sulla coltivazione e lavorazione del riso superfino carnaroli, e grazie all’ambiente cordiale in cui è assai piacevole passare alcune ore in buona compagnia, scoprendo le eccellenze agricole della zona.

Pesce


E per una bella mangiata di pesce, incorniciata all’interno di un contesto estremamente suggestivo sia paesaggisticamente che a livello socioculturale? L’incantevole Cortellazzo, a meno di dieci minuti dal centro jesolano, può considerarsi una tappa immancabile della gastronomia dell’alto Adriatico.
I molti ristorantini della zona offrono squisitezze ittiche che custodiscono la vera essenza della cucina locale, con un exploit di straordinario spessore e colore nei giorni in cui si tiene la portentosa “Festa del pesce di Cortellazzo”: un appuntamento estivo da non perdere!

Ma dove soggiornare?


Un ottimo punto di riferimento per entrare in profondità nella conoscenza dell’area di Jesolo città, Lido, entroterra e dintorni è senz’ombra di dubbio l’Hotel Nettuno, un’elegante struttura ricettiva 3 Stelle Superior che guarda alle spiagge e al mare.
Oltre alla comodità delle camere e alla qualità degli alimenti preparati all’interno del Ristorante Frontemare, interno all’albergo, si segnalano due servizi particolarmente piacevoli, per quanto riguarda un progetto di turismo lento a contatto con il territorio: il noleggio biciclette gratuito per gli ospiti, anche con il seggiolino per bambini in dotazione, per affrontare i bellissimi percorsi che la regione offre, e la fantastica zona wellness, dotata di vasche idromassaggio, saune e bagno turco, in modo da rigenerarsi dopo le esplorazioni del giorno e ricaricare le batterie per l’indomani.

  •  
18 Giugno 2024 Il Carracino Rassinese a Rassina

Nel Casentinese è di nuovo tempo della sfida del Carracino Rassinese, ...

NOVITA' close