Cerca Hotel al miglior prezzo

Hakone (Giappone), visitare la cittą all'ombra del Monte Fuji

Hakone, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Abitata da circa 15.000 abitanti e situata nei dintorni di Tokyo ad ovest della capitale, Hakone rappresenta la meta turistica giapponese per eccellenza. Quando le condizioni meteorologiche sono favorevoli ed il Monte Fuji si staglia chiaramente visibile all’orizzonte, la regione di Hakone può essere oggetto di una gradevole escursione in giornata da Tokyo; si possono fare giri in funivia, visitare un museo all’aperto, andare a zonzo tra maleodoranti sorgenti termali vulcaniche e fare una gita in barca sull’Ashino-ko. Se poi vi sentiste particolarmente in forma potreste anche fare un camminata di tre ore e mezzo circa lungo l’antica strada maestra per tornare a Hakone-Yumoto da cui si può prendere un treno alla volta della capitale.

Nelle vicinanze di Hakone si possono visitare i suggestivi villaggi di Odawara e Gora. Il primo, famoso per il suo castello, che è però una mera ricostruzione dell’originale, è particolarmente affascinante durante il periodo di fioritura dei ciliegi, perché nei giardini che lo circondano crescono circa 1.000 sakura (ciliegi); il castello e il parco si trovano a 10 minuti di cammino verso sud-est dalla stazione ferroviaria. Gora, invece, è il capolinea della linea Hakone-Tozan ed è il punto di partenza del viaggio in funicolare e in funivia alla volta di Togendai, sull’Ashino-ko. La cittadina vanta qualche luogo di interesse per i visitatori e soprattutto il succulento Gyoza Center, un famoso negozio che serve nove diversi tipi di gyoza (ravioli). Da Gora si prosegue con la funicolare fin quasi sulla cima del Soun-zan, alto 1.153 metri, che è a sua volta il punto di partenza della salita in teleferica fino a Togendai. Lungo il tragitto le cabine della teleferica passano dall’Owakudani, dove si può scendere per fare un giro tra le sorgenti termali di origine vulcanica. Qui si trova anche l’Owakuani Natural Science Museum, che ospita mostre relative alla geografia e alla storia naturale di Hakone.

L’Ashino-ko è pubblicizzato come la principale attrattiva della regione di Hakone, ma è il Monte Fuji, con i suoi pendii ammantati di neve che scintillano riflessi nell’acqua, a conferire fascino al lago. Sfortunatamente, però, la venerabile montagna è spesso nascosta dietro una cortina di nubi grigiastre, così che per consolarsi ci si deve accontentare di un giro in traghetto sul lago. Un altro buon punto di osservazione del lago e del Monte Fuji è il Monte Komaga-take, che tocca i 1.357 metri di altitudine. Non lontano da Komaga-take-nobori-guchi si trova il Moto-Hakone Jizo, un complesso di statue del Buddha e di altre figure scolpite a rilievo sulle rocce situate tra il Komaga-take e il Kami Futago-san (1.065 metri); le sculture risalgono all’epoca di Kamakura (1192-1333), ma sono quasi tutte in buono stato di conservazione.

La stazione termale più rinomata di Hakone e l’Hakone-Yumoto Onsen. L’ideale è sostare presso questa piccola località lungo il percorso tra Odawara e Gora e trascorrere una giornata ai bagni termali, attività particolarmente gradevole anche in condizioni di tempo incerto. In alternativa si può prendere in considerazione l’ipotesi di raggiungere la città a piedi da Moto-Hakone percorrendo l’antica strada maestra chiamata Tokaido. Gli onsen sono naturalmente il principale motivo di richiamo di Hakone-Yumoto, ma anche il Kappa Tengoku Notemburo, un frequentato centro all’aperto situato dietro la stazione, merita una visita.

Un’altra cittadina meritevole di essere visitata è Moto-Hakone, un villaggio piacevole e accogliente con alcuni bar e punti di ristoro che però impongono prezzi davvero esagerati ai loro prodotti. Da non perdere l’Hakone-jinja che, con il suo torii rosso emerge dal lago, ed il viale delle criptomerie, conosciuto con il nome di Suginamiki. Poco dopo Moto-Hakone si incontra Hakone-machi, la cui principale attrattiva è l’Hakone sekisho-ato, dove dal 1619 al 1869 i funzionari dello shogunato Tokugawa riscuotevano il balzello necessario per circolare tra Edo e il resto del Giappone. Più indietro, in direzione di Moto-Hakone, si trova l’Hakone History Museum, dov’è esposta una piccola collezione di oggetti relativi alla vita dei samurai. Altri allestimenti museali da non perdere nei dintorni di Hakone sono l’Hakone Open-Air Art Museum, un museo d’arte all’aperto incentrato su una collezione costituita prevalentemente da sculture occidentali e giapponesi dei secoli XIX e XX che si trova accanto alla stazione di Chokoku-no-Mori, e l’Hakone Art Museum, distante 10 minuti dalla stazione di Gora, che comprende un bel giardino e ospita una discreta collezione di ceramiche giapponesi e cinesi.

Pur trovandosi nelle vicinanze di Tokyo, il clima della regione di Hakone è sensibilmente differente rispetto a quello della capitale. Innanzitutto è difficile che si verifichino quelle condizioni estive di afa opprimente che mettono spesso in ginocchio la metropoli, ormai schiava dei condizionatori da giugno a settembre, in favore di un clima più ventilato e gradevole. In inverno, invece, le temperature risultano leggermente più basse, con minime spesso al di sotto dello zero, anche se grazie al basso tasso di umidità relativa il freddo non è quasi mai troppo pungente. La maggior parte delle precipitazioni si verifica durante l’estate, ed in particolar modo nei mesi di giugno e settembre, quando si possono formare anche violenti tifoni soprattutto sulle coste.

Ci sono tre modi per raggiungere la regione di Hakone da Tokyo: l’autobus espresso della linea Odakyu che parte dal lato occidentale della stazione di Shinjuku; la JR dalla stazione di Tokyo; e la linea privata Odakyu dalla stazione di Shinjuku. Per quanto riguarda i trasporti locali, invece, l’area di Hakone è servita dalle compagnie di autobus Hakone-Tozan e Izu Hakone, che complessivamente riescono a collegare la maggior parte dei siti d’interesse della zona. In alternativa si può prendere uno dei traghetti che solcano l’Ashino-ko collegando Togendai, Hakone-machi e Moto-Hakone ogni 30 minuti.
  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close