Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Musandam

La penisola di Musandam, tour in Oman lungo lo stretto di Hormuz

L'Oman è una meta turistica emergente, anche perchè offre un territorio vasto oltre la superficie dell'Italia, con una varietà di paesaggi ed una popolazione che circa 1/30 di quella del nostro Bel Paese. E' quindi inevitabile, visti i grandi spazi, che una vacanza da queste parti assumi il sapore dell'avventura, con l'indubbio vantaggio di muoversi in uno deti territori più sicuri ed organizzati dell'intero medio oriente.

Tra le varie mete che l'Oman può offrire ai viaggiatori, Il Governatorato di Musandam è una delle più particolari, e forse una dei meno sviluppate dal punto di vista turistico. Questo anche per il suo isolamento. di fatto questo territorio di competenza omanita, è una exclave dentro alla nazione degli Emirati Arab Uniti, e nel passato ha pagato le difficoltà di collegamenti con il resto dei territori dell'Oman. Ora però la situazione è migliorata, anche grazie ad un sistema di traghetti veloci, per molti i più veloci traghetti del mondo, che collegano ora Muscat con la penisola, favorendo non poco la scoperta di queste spettacolari montagne, a picco sul mare.

Il Governatorato di Musandam è suddiviso in quattro province, con tre di esse che si trovano sulla stessa penisola, e cioè Dibbha Al-Baya, Khasab e Bukha, ed una quarta anch'essa una exclave, e cioè comopletamente staccata dal resto del territorio dell'Oman, che si tratta di Madha, posta grosso modo a metà strada tra i confini settentrionali dell'Oman e lo stretto di Hormuz.

In effetti questi territori sono famosi per le rupi che si gettano a picco nelle acque turchesi dello stretto di Hormuz: la penisola di Musandam offre paesaggi di rara bellezza caratterizzati da gole profonde e promontori a picco sul mare che ricordano i fiordi. Il punto culminante di questa catena montuosa che si allunga nel dorso del paese è il Jebel el Harim alto più di 2.000 m. Il celebre Stretto di Hormuz è in una posizione strategica per assicurare il controllo della circolazione all’entrata del Golfo Persico. Il modo migliore per scoprire questo promontorio è senza dubbio la traversata in barca dalla quale ammirare la riva frastagliata dello stretto, in compagnia dei delfini e dei cormorani. Un’alternativa più sportiva è la navigazione costiera nei torrenti e le cale tagliate nella roccia. Uno dei fiordi più spettacolari della regione è quello di Khor al Sham, che si può raggiungere partendo dalla città di Khasab.

Tuffi, snorkeling, immersioni subacquee e la visita dei minuscoli villaggi di pescatori sono le attività più popolari nel Musandam. Da non perdere: i fondali di corallo della regione che ospitano una fauna variegata e spettacolare, un bagno nel torrente di Kwar Nadj accessibile dalla strada di Khasab, i bivacchi nei torrenti intorno alla costa, ma anche la pesca grossa e le uscite in fuoristrada nelle montagne, le oasi e i wadi. E ancora, l’imponente forte di Khasab, costruito nel XVI secolo dai portoghesi che allora detenevano il commercio nello Stretto. Oppure il pittoresco villaggio di Kumzar nella punta peninsulare, ideale per diving, pesca e semplici passeggiate.

Dal punto di vista del clima, la penisola di Musandam conferma le caratteristiche complessive di aridità della regione, con scarse precipitazioni durante l'anno, con picco alla fine della stagione invernale, tra febbraio e marzo. Le temperature più fresche si raggiungono tra dicembre e febbraio, con massime intorno ai 25-26 °C mentre in estate la colonnina di mercurio raggiunge i 38-39 °C e può superare i valori di 42 °C durante i picchi di luglio. Il mare è sempre di temperature gradevoli per il bagno, dai 23-24 °C dell'inveno ai 30-32 °C dei valori estivi.
  •  
loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close