Cerca Hotel al miglior prezzo

Immersioni nel Musandam: barriera corallina e pesci dell'Oman

In Medio Oriente, nell'estremo nord dell'Oman, la penisola di Musandam è riconosciuta come una destinazione perfetta per gli appassionati di immersioni, grazie ai suoi pendii sottomarini incrostati di corallo che si spingono a grandi profondità, ma anche per i molti pesci pelagici che sono attratti qui dalle correnti marine.
Per i subacquei esperti alla ricerca di una destinazione speciale per praticare il diving, le immersioni nel Musandam offrono scenari unici. Non è comunque obbligatorio mettere la testa sott'acqua: si può anche pensare ad attività in mare come le escursioni in kayak o a una gita su un dhow, la tipica imbarcazione locale.

Per orientarci e capire di che zona stiamo parlando, è bene sapere che un tratto di deserto e di costa degli Emirati Arabi Uniti separano la penisola di Musandam dal resto dell'Oman trasfromandola, di fatto, in una exclave del sultanato. Geograficamente, l'area è caratterizzata da grandi montagne che precipitano scenograficamente in mare, e lo stesso litorale è scolpito in innumerevoli baie, fiordi e isole. La costa qui si affaccia sullo stretto di Hormuz, uno dei luoghi più sensibili del pianeta per il forte traffico di petroliere che vi transitano.

La straordinaria varietà di coralli sani e le pareti di roccia nel mondo sottomarino del Musandam riflettono il paesaggio estremamente suggestivo che vediamo al di sopra della superficie del mare. La destinazione è quindi perfetta non solo per i subacquei, ma anche per le altre tipologie di viaggiatori, e offre una natura selvaggia, arida (in estate si superano tranquillamente i 40°C) e poco frequentata dall'uomo, anche se diversi centri di diving hanno aperto da alcuni anni e lavorano in queste zone.
Il Governatorato di Musandam è accessibile attraverso il deserto con trasferimento di due ore da Dubai, oppure con un sistema di traghetti dalla capitale Muscat. Le uniche zone abitate di una certa importanza sono le piccole città di Dibba e Khasab, mentre la costa è caratterizzara da enormi scogliere, le quali formano dei veri e propri fiordi.

Le più belle immersioni nella barriera corallina si possono fare nelle acque che circondano lo Stretto di Hormuz e la penisola di Musandam. Qui più di 900 specie di pesci vengono attratti dalle acque ricche di plancton, che richiamano anche i grandi squali balena, i pesci più grandi del mondo. Ci sono in totale più di 25 siti di immersione, con il valore aggiunto che il Musandam è una regione dove la pesca commerciale non è consentita: una volta che i sub entrano in acqua, notano subito l'impressionante quantità di vita marina e l'ambiente incontaminato.

Anche la tipologia dei siti di immersione è molto varia: si passa da vasti giardini di corallo alle pareti verticali di roccia. Tra le specie marine attratte dalla combinazione delle forti correnti locali e la diponibilità di plancton, ci sono le numerose aquile di mare e mante, così come gli spettacolari squali balena e squali pinna nera, e molte specie di tartarughe. Anche i delfini sono molto presenti nelle acque calme dei cosiddetti fiordi d'Arabia e, spesso, accompagnano le barche durante le uscite per le immersioni.
Se l'idea di immergervi in un mare caldo e pulito vi sta stuzzicando, vi proponiamo alcuni dei siti principali dove fare immersioni e snorkeling nella Penisola di Musandam.

Ruqq Swayak

Reef Sunken (o Ruqq Swayak) si trova a 46,6 miglia nautiche dal porto di Dibba, nel nord del Musandam. Qui la barriera è costituita da una combinazione di coralli molli e dei pendii a forte inclinazione. Questo sito di immersione varia dai 10 ai 40 metri di profondità. Nelle acque poco profonde della barriera corallina si possono ammirare barracuda, tartarughe, pesci fuciliere, king fish e dentici. Le acque superficiali hanno una temperatura che va in media dai 24 a 27°C e la visibilità varia dai 5 ai 15 metri. Attenzione però alle correnti, che richiedono esperienza.

Tawakul

Tawakul è un sito di immersione nel nord del Musandam composto da incantevoli pareti ricche di coralli e vegetazione. Presso Al Tawakul, le specie marine più comunemente avvistate sono tantissime e, occasionalmente, si possono scorgere anche gli squali bianchi. Il sito si trova a circa 10-40 metri di profondità, con una temperatura tra i 25 e 28°C e la visibilità varia dai 10 ai 20 metri. Durante i movimenti di alta e bassa marea la corrente è adatta per i subacquei di livello avanzato.

Kachalu

Anche il sito di Kachalu vanta bellissimi coralli e una combinazione di falesie e pareti rocciose. Oltre al classico spettacolo di aquile di mare e degli altri branchi di pesci, qui si possono avvistare gli squali martello.

Quelli che abbiamo citato non sono ovviamente gli unici siti d'immersione della Penisola di Musandam. In totale ce ne sono almeno un'altra ventina: tra questi ricordiamo quello di Al Fayyarin, la Sannat Cave, Ras Sharkan, Hard Rock Café e Octopus Rock.

Ti piace fare diving e snorkeling? Visita il nostro canale dedicato ai viaggi per sub.
  •  
14 Aprile 2021 Veronafil, a Verona la fiera della numismatica ...

Veronafil è il grande ritrovo di collezionisti organizzato ogni ...

NOVITA' close