Cerca Hotel al miglior prezzo

Alla scoperta delle Marche, tra storia, mare e montagne: il nord

Con un territorio molto accidentato, solcato da innumerevoli valli che convogliano nel mare Adriatico le acque provenienti dalle cime appenniniche, la regione delle Marche ha ricevuto l'appellativo "la rossa" in cui viene indicato il colore dominante delle rocce nelle gole che intagliano le principali vallate dell'entroterra. E' la regione perfetta per una vacanza completa: dall'escursionismo in Appennino, con sentieri e passeggiate, alla scoperta culturale e culinaria delle città medioevali sparpagliate sulle colline assolate, fino ad arrivare la mare con spiagge e stabilimenti balneari in grado di accontentare anche i palati più fini.

Partiamo da nord ed esploriamo la provincia di Pesaro-Urbino, terra di transizione tra la Romagna e Marche, ricca di storia, tradizioni e bellezze naturali. pesaro è città di mare e centro industriale in forte crescita, forse un po' troppo caotica se cercate una vacanza rilassante, ma a pochi chilometri di distanza la riviera concede spazi e tranquillità.
Urbino è una città splendida, perla del Rinascimento Italiano, ed l'indiscussa capitale di una area montuosa conosciuta come il Montefeltro. Il centro storico non è molto esteso ma contiene edifici di rara bellezza ed è circondato da una pregevolissima cinta di mura. Il fulcro della città è il Palazzo Ducale, voluto fa Federico di Montefeltro verso la fine del 1400, ed è caratterizzato dalla facciata con i torricini, due agili torri rinascimentali che conferiscono una snella eleganza a questo importante monumento italiano. All'interno si trovano opere d'arte pregevoli alcune firmate da Raffaello e Piero della Francesca.
Nei dintorni di Urbino a Gradara si trova una bella rocca con annesso borgo medioevale, la cui storia è legata ai personaggi danteschi di Paolo e Francesca

Scendendo verso Sud Fabriano concede un ulteriore tuffo nella storia, con un elegante centro storico e alcuni pregevoli monumenti come il Duomo di San Venanzo, il Palazzo del Podestà. La zona è celebre anche per le bellezze naturalistiche come la Gola della Rossa, scaavata dal fiume Esino e le Gole del Sentino. Proprio in vicinanza della località di Genga, all'ingresso delle gole si trovano le grotte di Frasassi, formatesi parallelamente all formazione della gola del fiume, poi successivamente adornate da meravigliose concrezioni che le rendono uniche nel mondo. Per preservare queste meraviglie l'ingresso è regolato in gruppi, con una serie di porte scorrevoli che servono a mantenere costanti temperatura e umidità all'interno.
Nota per il Turista: seguire le indicazioni per il parcheggio dove si trova la biglietteria e utilizzare la comoda navetta che vi conduce all'ingresso. Per i più ardimentosi c'è anche la possibilità di compiere un giro speleologico nelle gallerie non ancora aperte al pubblico. Solo su prenotazione

  •  
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close