Cerca Hotel al miglior prezzo

Estate nelle localitą marittime delle Marche

Il mare Adriatico bagna tutte le province delle Marche: lungo la costa si affacciano città che vantano un illustre e antico passato segnato dalla vocazione portuale e commerciale. Partendo da Roma. Fano costituiva il primo sbocco sul mare della Via Flaminia; Senigallia posta alle foci del Misa fu sede di una delle più importanti fiere europee, la "Fiera della Maddalena"; Ancona fu porto piceno. greco e poi romano; Numana fu un ricco emporio in età picena e greca; Porto Sant'Elpidio e San Benedetto del Tronto,. con gli altri centri della provincia di Ascoli Piceno, furono importanti porti piceni e romani.

Le città costiere della regione mantengono ancora oggi la vocazione portuale. Ancona. per esempio. è un grande porto commerciale. San Benedetto del Tronto insieme a Fano. Civitanova Marche e Porto San Giorgio. guida la schiera dei centri noti per le attività pescherecce. Il rapporto privilegiato con il mare ha favorito nel tempo la nascita di una buona e caratteristica tradizione culinaria e ha generato una naturale predisposizione all'accoglienza dei turisti fin dall'Ottocento. con la nascita della moda alto-borghese dei bagni di mare. Nel corso del tempo i centri costieri marchigiani hanno realizzato numerose strutture balneari e sportive nonché alberghi lungo gli arenili e dopo il boom del dopoguerra hanno accolto stabilmente milioni di turisti, italiani e stranieri.

Il mare delle Marche presenta numerosi e incantevoli aspetti, per esempio sabbie finissime o con ghiaia sono tipiche partendo da Gabicce Mare, spiaggia vegliata dall'alto dal monte San Bartolo e dal castello di Gradara, e proseguendo lungo tutta la costa (pesaro, Fano, Marotta, Falconara Marittima, Porto Recanati, Porto Potenza Picena, Civitanova Marche, Porto Sant'Elpidio, Casabianca di Fermo, Pedaso, Porto San Giorgio, Cupra Marittima e Grottammare): particolarmente famosa è la spiaggia di Senigallia, detta "spiaggia di velluto", meta di viaggiatori fin dal secolo scorso.

Al confine con l'Abruzzo, San Benedetto del Tronto è nota per le altissime e numerosissime (circa 7000) palme di esotica bellezza. All'altezza di Ancona e del promontorio del Cònero, unica propaggine appenninica che dall'lstria al Gargano si affaccia sul mare, il litorale sabbioso ha connotati aspri e selvaggi, tra anfratti rocciosi, e l'acqua assume colorazioni azzurrine, la cui trasparenza permette di scorgere i fondali profondi. In questo tratto di costa si aprono baie segrete e i porticcioli incantevoli di Portonovo, Sirolo e Numana, mete di turisti anche in primavera quando il monte Cònero si ricopre di ginestre e in autunno, quando si ammanta dei caldi colori del corbezzolo (dal greco «komaros»).

Da non dimenticare i parchi a due passi dal mare: Sono due i parchi regionali delle Marche che si affacciano direttamente sul litorale e offrono quindi di trascorrere una vacanza all'insegna del mare e della natura. Tra Gabicce Mare e Pesaro è situato il Parco regionale del monte San Bartolo, dove si possono effettuare visite guidate ed escursioni. II parco comprende una zona umida di rilevanza nazionale e accoglie durante lìinverno il gabbiano reale, il gabbiano corallino, la gavina e il cormorano. lI litoraie è interrotto da piccole anfratti rocciosi di rara bellezza. Il territorio del Parco regionale del monte Cònero è occupato da boschi di leccio, di carpino e la vegetazione è caratterizzata dalla macchia mediterranea. II parco costituisce un eccellente punto di sosta e transito per uccelli migratori come la poiana delle steppe, il falco pecchiaiolo e il falco di palude.
Numerose e affascinanti sono le escursioni naturalistiche e le gite a largo della costa. Fonte: Regione Marche
  •  
loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close