Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Oriolo Romano

Oriolo Romano (Lazio): la cittą, Palazzo Altieri e il parco della Mola

Pagina 1/2

Oriolo Romano è un piccolo comune dell’entroterra laziale in provincia di Viterbo, a due passi dal Lago di Bracciano. Si tratta di un piccolo e grazioso centro ai piedi delle colline, immerso nel verde e celebre per gli scorci incantevoli, il clima mite, e per la manifestazione di settembre alla quale accorrono da tutta Italia per assaggiare il rinomato fungo porcino locale. A metà strada fra Roma e Viterbo, può essere più di una piacevole deviazione per una gita giornaliera.

Chi non ha mai visitato Oriolo Romano può essersi però imbattuto nel suo celebre stemma araldico, con un pellicano che si strazia il petto per dare da mangiare alla propria prole: lo stemma è coronato e il cartiglio recita questo motto: “In hoc consistit verus amor”. Oriolo è posto in una zona collinare ricca di boschi, lungo la via Clodia, che collegava la capitale alla Toscana: si tratta di un insediamento sorto a metà del ‘500, quando Giorgio Santacroce ricevette in dono il feudo e richiamò contadini e boscaioli, principalmente umbri, per disboscare e lavorare le terre. Il passato sociale ed economico dell’ex feudo vive ancora oggi conservando parole dialettali umbre e nella Facoltà di Agraria, ente molto influente nel comune.

Nonostante queste origini relativamente recenti, il territorio del comune conserva al suo interno anche i resti architettonici di opere millenarie, risalenti a pochi anni dopo la nascita di Cristo. Attualmente si tratta di una cittadina che basa la sua importanza sulla preservazione di un paesaggio naturalistico molto suggestivo e ben conservato, grazie ad un turismo ben pensato e ben gestito.

Il borgo è un grazioso centro collinare immerso nel verde. Per gli amanti dell’architettura antica offre numerose testimonianze di arte ed urbanistica sacra e civile, come ad esempio la bella Piazza Umberto I su cui si affacciano Palazzo Altieri, tipico maniero cinquecentesco, che ospita la celebre Galleria Altieri, che raccoglie un impressionante numero di ritratti di papi, ed è una galleria unica al mondo.

Particolarmente interessante è anche il Colombario, monumento funerario risalente al I secolo d.C., e le chiese di S. Giorgio e S. Anna. Per chi apprezza invece le vedute e i paesaggi naturali, è molto interessante la via Clodia, detta anche “via delle terme” per il tragitto che si snoda attraversando diverse stazioni termali molto antiche, e le zone naturalistiche. Fra quest’ultime, le più suggestive sono l’Olmeta, la Faggeta e il Parco della Mola.
... Pagina 2/2 ...
In quest'ultimo, un vero gioiello dimenticato, si possono incontrare i resti di un antico mulino ad acqua alimentato da un corso d’acqua che secondo la leggenda era noto già ad Enea. Il corso d’acqua dotato di una cascata dà origine ad un laghetto dalle acque curative (in cui per ragioni igieniche è vietato fare il bagno). Un polmone verde che da solo merita un viaggio a Oriolo ROmano, anche se potrebbe essere gestito in modo migliore.

L’evento più famoso di Oriolo Romano è la celebre sagra del fungo porcino, che si festeggia dal 2004. La sagra si svolge nella suggestiva cornice di Piazza Umberto I tradizionalmente nella seconda metà del mese di settembre. Si tratta di una rinomata fiera gastronomica durante la quale accanto al porcino, che è il protagonista indiscusso della manifestazione, si possono degustare altri prodotti tipici come l’olio, i dolci e la pasta fatta in casa. La manifestazione prevede musica dal vivo nelle diverse serate, andando incontro ai gusti di tutti, dai più giovani agli amanti dei balli anni ’60 e ’70. Ci sarà anche l’animazione dedicata ai bambini e il nuovo Ludobus che saprà intrattenere i più piccoli per ore e ore. Il clima di Oriolo Romano rende questa cittadina gradevole e bella da visitare in ogni stagione per godere delle bellezze del paesaggio e per incontrare le creazioni dell’antica scuola di artigianato dell’intaglio, ben viva anche al giorno d’oggi.

Come arrivare
Per chi intenda raggiungere Oriolo con i mezzi, la cittadina è ben collegata via treno e via bus sia a Roma che a Viterbo, per chi si muove con mezzi propri, Oriolo è attraversato dalla Strada Provinciale SP493, che si raggiunge percorrendo la SR2 fino a Capranica, dove di esce per imboccare la SP92, o fino a Sutri, dove si esce alla SP40. Entrambe le statali, SP92 e SP40, confluiscono nella SP493.
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close