Cerca Hotel al miglior prezzo

Santa Marinella, vacanze nel mare della Perla del Mediterraneo

Santa Marinella, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Sarà per la lucentezza quasi abbagliante della spiaggia, per il bianco delle vele ormeggiate al porto o per il contrasto luminoso della spuma nel mare: Santa Marinella si è guadagnata il soprannome di Perla del Mediterraneo, incastonata sul litorale laziale a circa 60 km da Roma, a metà strada tra Santa Severa e Civitavecchia.

Situata nella zona dell’antico porto di Punicum, fondato dai naviganti e commercianti etruschi e in seguito passato in mani romane, Santa Marinella è oggi un moderno centro balneare, dall’aspetto elegante e curato, dove si possono fare piacevoli passeggiate sul lungomare, le terrazze panoramiche o le zone verdi, e dove si possono gustare prelibati piatti a base di pesce fresco procurato dai pescatori del luogo.

Ma la località è prima di tutto il regno del mare, e l’attività preferita dei visitatori è la vita da spiaggia. La costa della zona è in prevalenza rocciosa, con fondali colorati ricchi di piante marine e un’acqua limpida non intorbidita dalla sabbia. Tuttavia le zone soffici e sabbiose, comode soprattutto per i bambini, non mancano: sono state create appositamente per regalare il massimo comfort, portando la sabbia laddove mancava e innalzando, nel 1900, una grande scogliera che la trattenesse.

Se al relax si vogliono affiancare le esplorazioni culturali, o se si desidera conoscere meglio la storia delle origini cittadine, Santa Marinella vi accontenterà con i suoi piccoli gioielli testimoni di un glorioso passato. Da vedere sicuramente è il Castello Odescalchi, in posizione dominante sul porto, abbracciato dalle palme e dai pini marittimi e situato sui resti dell’antica Villa romana di Ulpiano. Dotato di una pianta particolarissima, costituita da tre torri angolari e una centrale, molto più antica, il castello venne fondato nel XV secolo e modificato nel tempo, in particolare nel XVII secolo, affinché divenisse più forte e sicuro. Appartenuto ai Signori di Vico, agli Anguillara, agli Orsini e all’Ospedale di S. Spirito in Sassia, l’edificio è dal 1887 proprietà della famiglia Odescalchi.

Un altro interessante castello, situato poco fuori città al km 52,5 della Via Aurelia, è il Castello di Santa Severa, raggiungibile dopo aver percorso un suggestivo viale alberato che vede il mare sullo sfondo. Tornando nel cuore della cittadina, si possono ammirare alcune testimonianze preziose del periodo classico, tra cui una serie di ponti della Via Aurelia, antica via di collegamento tra Roma, l’Etruria litoranea e la Liguria . Percorrendo l’importante strada, al km 58, si incontrano i resti di una villa d’otium di epoca imperiale, abbarbicata alla sommità di un piccolo promontorio che lancia lo sguardo verso il Tirreno.

Più recenti, ma decisamente interessanti specialmente per gli amanti dell’architettura e dell’arte, sono la Villa Bettina, la Villa Emanuele e il Villino Cerano, in impeccabile e preziosissimo stile Liberty. Un’altra buona ragione per trascorrere un periodo di vacanza a Santa Marinella, specialmente nel corso dell’estate, sono le numerose manifestazioni che vengono organizzate in città per vivacizzare l’atmosfera e far conoscere le usanze e le abitudini tipiche a chi non è del posto.

Tra le occasioni più importanti ci sono il Palio dell’Autopedale e la Sfilata dei Carri Allegorici, che si svolgono tra la fine di giugno e la prima settimana di luglio. Alla corsa delle auto a pedale,a cui partecipano i rappresentanti dei vari rioni del paese, segue la sfilata dei carri lungo il litorale della città per circa 4 km. Ad affiancarli, circa 200 personaggi mascherati accrescono ulteriormente la bizzarria allegra della festa, che si protrae fino alla serata in cui, dopo la premiazione, ci si dedica a balli e spettacoli musicali.

Da non perdere il ferragosto di Santa Marinella, che prevede la tradizionale processione via mare della Statua della Vergine, accompagnata subito dietro dalle imbarcazioni dei pescatori. Dopo il tramonto, rientrati al porto, i partecipanti si godono una deliziosa cena a base di pesce allestita nel parco del Castello Odescalchi, completata con fuochi d’artificio che si specchiano sulla superficie buia del mare, insieme alla luna.

Godere delle spiagge, del bel centro storico e delle festività non sarebbe possibile, senza la preziosa collaborazione del piacevole clima locale. Un clima mediterraneo temperato, infatti, regala temperature medie sempre miti, che in agosto variano tra una minima di 21°C e 27°C e in gennaio vanno dai 7°C ai 13°C. Le precipitazioni, che in luglio sono particolarmente scarse con soli 9 mm di pioggia, raggiungono l’apice in autunno e inverno e specialmente in gennaio, quando cadono circa 94 mm d’acqua.

Raggiungere Santa Marinella, a poche decine di chilometri dalla capitale, non è difficile. Toccata dall’Autostrada A12 Roma-Civitavecchia e dalla SS 1 Aurelia, dista da Roma 62 km e da Civitavecchia 10 km. Per chi sceglie il treno la stazione cittadina è lungo la linea Roma-Pisa, mentre gli autobus consentono di raggiungerla mediante le linee Roma-Civitavecchia e S.Marinella-S.Severa. Per chi preferisce volare l’aeroporto più vicino è il Leonardo da Vinci di Roma, mentre chi vuole arrivare via mare può attraccare al Porto di Civitavecchia e percorrere l’ultimo tratto in treno o bus.
  •  

News più lette

close